Google+

Alla Cantina del Vesuvio, tutti i sapori del vulcano napoletano

Pubblicato il: 5 maggio 2016 alle 4:30 pm

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 1

Se vuoi bere i veri vini del Vesuvio, devi venire qui.

Se vuoi assaporare il vero olio extra vergine di oliva campano, devi venire qui.

Se vuoi assaggiare i veri pomodorini del piennolo, devi venire qui.

Se vuoi sorseggiare il vero distillato di albicocche vesuviane, devi venire qui.

Non c’è alternativa: se vuoi gustare le autentiche delizie del vulcano napoletano, devi raggiungere il comune di Trecase in provincia di Napoli, nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio, tra vigneti, orti e uliveti “impiantati nella terra nera densa di lava”.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 2

Qui si trova la Cantina del Vesuvio che produce vini, olio, ortaggi e distillati. Prodotti eccezionali che soltanto qui puoi gustare. Perché l’azienda ha adottato una filosofia radicale: nulla di ciò che produce viene poi distribuito all’esterno. Quindi non c’è altro modo per bearsi delle loro bontà che recarsi alla Cantina, la quale si è specializzata in enoturismo.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 3

La formula adottata è il wine tasting: si degustano tutti i vini prodotti, assaggiando i cibi del territorio, con ingredienti in buona parte coltivati nella stessa azienda.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 4

Evoca grande suggestione degustare i vini immersi nei vigneti e a pochi metri da presse, silos e linea d’imbottigliamento, perché alla Cantina del Vesuvio l’intero procedimento avviene in azienda, seguendo le rigide normative sulla produzione biologica.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 5

L’area della degustazione è realizzata con grande gusto, fondendosi con l’ambiente circostante in maniera simbiotica.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 6

L’apertura è affidata al buon Capafresca, Spumante rosato Extra Dry che alla freschezza associa il ricordo della potenza delle uve Aglianico.

Si prosegue con il Lacryma Christi bianco, dalle rare uve autoctone Caprettone in purezza: è come se una delicata polpa bianca ti sfiorasse il naso, mentre l’ingresso al palato è di una dolce acidità minerale.

Il Lacryma Christi rosato è vinificato da uve Piedirosso in purezza: leggero e soave, regge anche qualche abbinamento impegnativo, come il provolone piccante.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 7

Il Lacryma Christi rosso, ancora da Piedirosso in purezza, ha uno spettacolare profumo di amarene sotto spirito che al palato rivelano il frutto in freschezza: vino eccezionale, il top della cantina.

Il Lacryma Christi riserva 2009 ha un 80% di Piedirosso e il 20% di aglianico: sontuoso al naso, il sorso è maturo e denso; con l’ossigenazione svanisce pian piano il legno, lasciando il posto a una delicata composta di gelsi neri.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 8

Splendida la chiusura superalcolica: ha grazia divina il bouquet del Distillato di albicocche del Vesuvio, mentre colpisce la personalità della Grappa invecchiata in botte da vitigni autoctoni del Vesuvio (Coda di volpe – Piedirosso – Aglianico – Falanghina).

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 9

Questo effluvio vinoso lo hanno sostenuto con del magnifico cibo.

Eccellenti le bruschette sfornate dal forno a legna, sormontate dal pomodoro ed esaltate dall’olio extra vergine di oliva dell’azienda, amaro e piccante, merito dell’apporto di Coratina, Frantoio, Leccino e Coratina.

Da beatitudine gli assaggi di salumi e formaggi, con sfiziosità annesse.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 10

Ma ecco il trionfo: la più buona pasta al pomodoro mai mangiata nella nostra vita. Un miracolo impossibile da rendere a parole, ma che proviamo comunque a spiegare. La pasta è quella di Setaro, eredi della tradizione pastaia di Torre Annunziata che ha origini collocabili nella metà del XVI secolo. Il Pastificio Setaro “produce ancora la pasta con sistemi artigianali, nel rispetto della natura e della tradizione”, con “le semole di grano duro selezionate, l’acqua di fonte purissima, le antiche trafile in bronzo, il processo di essiccazione della pasta particolarmente lento (da 24 a 120 ore a seconda del formato) e a bassa temperatura, il clima speciale di Torre Annunziata e non ultima la conoscenza dell’arte bianca tramandata per ben tre generazioni; è dal 1939 infatti che la famiglia Setaro si dedica con passione a questa attività”.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 11

Il risultato è una pasta ricca di sapore e consistenza, sulla quale alla Cantina del Vesuvio fanno piovere una valanga di pomodorini del piennolo, di una dolcezza sconvolgente che si fonde con una fragrante acidità.

Un piatto leggendario che merita il viaggio, anche a piedi.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 12

In conclusione si viene deliziati dalla pastiera della casa.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 13

Inebriati da tanta bontà, si passa alla visita della cantina, dove maturano i nettari dell’azienda…

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 14

… quindi passaggio obbligato all’area shop, per fare incetta di vini dell’azienda, visto che soltanto qui si possono acquistare.

spec Pompei-4-cantina del vesuvio 15

A condurre l’azienda è Maurizio Russo, “seguendo l’esperienza del papà Giovanni, che nel lontano 1951 avvia la storica attività di famiglia”: ecco come ci parla dell’attività della Cantina del Vesuvio.

Info: www.cantinadelvesuvio.it

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑