Google+

Amada Sardigna: cibo, musica e poesia degli emigranti sardi

Pubblicato il: 16 luglio 2017 alle 7:00 am

amada-sardinia

In occasione di una serata benefica dal titolo Amada Sardigna, nois no t’irmenticamos, organizzata dall’Associazione Culturale Musicale Sa Oghe de su Coro, è andato in scena, nella Palazzina Liberty a Milano, un evento culturale in cui musica, poesia, fotografia e prodotti tipici facevano da cornice come espressione materiale di una solidarietà sentita e partecipata. Lo scopo era quello di raccogliere fondi da devolvere alle associazioni dei comuni della Sardegna colpiti dall’alluvione del 18 novembre 2013.amada-sardinia_1

La parte gastronomica dell’evento è stata curata dall’Associazione La Quercia di Vimodrone che ci ha presentato: il Brundu, formaggio di latte di pecora con aggiunta di latte di capra prodotto nella provincia di Oristano; la famosa spianata sarda, un pane morbido a ridotto contenuto di grassi tipico della provincia di Sassari; salsiccia e guanciale prodotti con metodi tradizionali e aromatizzati con erbe locali; l’immancabile birra Ichnusa, nome in greco antico della Sardegna, la quale ha da poco festeggiato i cento anni di produzione.

amada-sardinia_2

Dalle fotografie di Massimo Demelas che ha messo in mostra suggestive immagini in bianco e nero di una Sardegna antica e tradizionale, al coro polifonico Sa Oghe de su Coro diretto da Pino Martini che ha cantato Procurad’ e moderare un canto noto come La Marsigliese Sarda perché divenne l’inno di guerra degli oppositori sardi durante i moti rivoluzionari del 1794, quello che risulta evidente è la forte nostalgia per la loro terra dei sardi che hanno lasciato l’isola e il loro desiderio di celebrare la propria storia per sentire meno la lontananza.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , , ,



L'autore

Ciaj Anna Charlotte Rocchi

Regista e fondatrice della Gurukula Film, dal 2005 è impegnata nella produzione dei suoi film, dalla scrittura alle riprese, dai costumi al montaggio in un processo creativo di vero e proprio video-artigianato. Per il resto del tempo è mamma e precaria nel mondo dell’editing video.
Tra i suoi lavori, particolare risonanza hanno avuto: Gurukula 1981-2001: biografia collettiva dei ragazzi cresciuti alla scuola degli Hare Krishna; Avatar, di Balloons over Chianti; Kulimela; I volti della Muggiasca; Scapinasc – Cucina e tradizione a Crandola Valsassina; L’antico - Memoria immagini e storia di Premana; Streghe - Casargo tra storia e leggenda; La favola di Pagnona; vari episodi della miniserie per il web Le misteriose indagini di Willa Wilson.


Back to Top ↑