Google+

Avanà, raro vitigno piemontese: Poesia contro l’arroganza della TAV

Pubblicato il: 31 ottobre 2018 alle 3:00 pm

avana autoctono piemontese 1

Nella Val di Susa devastata dalla furia distruttrice dei lavori per la ridicola TAV, resiste un alito di Poesia: un vitigno identitario rarissimo e sconosciuto che si traduce in vini preziosi e commoventi, l’Avanà.

Nel volume La storia della vite e del vino in Italia, edito negli anni ’30 dall’Unione Italiana Vini, se ne parla come dell’Avanale, “così per aventura nomato, perché avanti vale, e poco o niente appresso: fa vini dolci, saporiti ma di poca durata”.

avana autoctono piemontese 2

Qualche riga più in là si riporta il parere del Rovasenda, secondo il quale “trattasi dell’Avanà (identico al Varenne dei Francesi) che in Val di Susa e, specialmente a Chiomonte, produce un vino che dà alle gambe”.

Proprio a Chiomonte, in provincia di Torino, a salvaguardare questa perla dell’enologia italiana c’è La Chimera, azienda vitivinicola guidata con stoica dedizione da Stefano Turbil, uomo non soltanto di coltura ma anche di cultura, oltre che massimamente rispettoso della Natura: “nel vigneto adotto pratiche colturali che mi consentono di non utilizzare né concimi né diserbanti chimici e gestisco i trattamenti secondo protocolli di lotta integrata, intervenendo secondo necessità”.

avana autoctono piemontese 3

Turbil racconta l’Avanà come “un vitigno da sempre coltivato in Valle di Susa: sembra che abbia origine in Francia ma, in ogni caso, dopo che i valsusini l’hanno importato la sua coltivazione non si è estesa oltre i confini della valle di Susa; è un vitigno abbastanza produttivo e un po’ difficile da allevare che dà vita a vini molto profumati, non molto ricchi di colore così come non molto corposi”.

avana autoctono piemontese 4

La Chimera lo vinifica in due modi.

Il Finiere, “facendo un selezione di uve dai vigneti terrazzati più vecchi”, si propone nel bicchiere con un’eleganza contadina fatta di semplicità e autenticità: offre un intreccio di sentori profondo e antico come le sue radici.

avana autoctono piemontese 5

L’EOS è un rosato rifermentato in bottiglia, uno di quei rari nettari che interrogano a lungo le capacità di analisi del bevitore: la sua acidità lastricata di tenue dolcezza è come una di quelle stradine di campagna che ti accompagnano tra fiori e frutti in un percorso dalla piacevolezza unica.

immagine Avana

 

Un vitigno pacifico e poetico, l’Avana, il quale però suo malgrado si ritrova quale simbolo della dolcezza dei lavoratori della terra che viene aggredita dalla tracotanza dei potentati economici e dei loro vassalli politici.

Il territorio dell’Avanà infatti viene offeso da alcuni anni da quella mostruosità chiamata TAV.

avana autoctono piemontese 7

Per quanto riguarda la TAV – racconta Turbil – il cantiere si è installato nel giugno del 2011, ma i problemi più grossi per noi viticoltori sono legati piuttosto alla zona di sicurezza legata al cantiere: creata a tutela del cantiere e dei suoi lavoratori, di fatto è costituita da recinzioni che delimitano un’area di circa dieci ettari in cui sono compresi la maggior parte dei vigneti del comune di Chiomonte; chi vuole accedere a quest’area, la quale nel frattempo è diventata Sito di interesse Strategico Nazionale, deve presentarsi ad un cancello presidiato dalle forze dell’ordine e presentare i documenti; dopo gli accertamenti, se non si riscontrano problemi, il vignaiolo può passare il varco ed accedere all’area: questa operazione deve essere svolta da tutti e tutte le volte, anche se passi tre o quattro volte al giorno con mezzi agricoli, in quanto nell’arco della giornata i turni delle forze dell’ordine cambiano e, in ogni caso, ogni entrata/uscita dev’essere registrata”.

avana autoctono piemontese 8

La risposta di Turbil a questa situazione è “continuare a credere in quello che faccio e nei nostri prodotti della terra, cercando di portarli al di fuori della Valle di Susa e farli conoscere da quante più persone possibili: anno per anno cerco di acquisire nuovi pezzi di terra, affinché quanto più di questo territorio venga ancora coltivato invece di essere abbandonato”.

Per garantire la tranquillità degli interessi industriali e biecamente partitici della TAV, si sta invece distruggendo il diritto costituzionale al lavoro dei contadini di queste terre, mettendoli in gravissima difficoltà e facendo pagare loro la folle idea di tale insensata opera. Nessun risarcimento per questi vitivinicoltori, né morale né materiale, come sarebbe invece più che dovuto: il Potere ottuso sta imponendo a questi cittadini di pagare per intero il prezzo altissimo della cieca e incompetente avidità delle Lobby di potere.

La gioia donata da un sorso di Avanà però vale più di tutto l’indotto economico che potrà creare la Tav: questo vino, con le sue gioiose bollicine fiorite, è la risposta della Cultura più illuminata, quella contadina, all’orrore causato dalla misera finanza.

Distribuisce Proposta Vini: sigillo di garanzia sulla valenza culturale di questo vitigno e della sua vinificazione.

 

Info: Pagina Facebook Vini La Chimera

         www.propostavini.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑