Google+

Cena Piemontese di My Cooking Box, per fare da sé Bignè salati e Risotto

Pubblicato il: 8 giugno 2020 alle 7:00 am

My Cooking Box questa volta alza il tiro e invita i suoi chef per passione a cimentarsi con una ricetta di alta qualità di maggiore complessità, ma proprio per questo in grado di dare massima soddisfazione a chi la realizza e un divertimento ancora più intenso: si tratta della Cena Piemontese che prevede come antipasto dei Bignè con popcorn caramellati all’Aceto balsamico di Modena Igp Ponti HD, Carcioghiotto e salsa tonnata, seguito da un Risotto con crema di Castelmagno Dop, Nocciole Piemonte Igp e Aceto Balsamico di Modena Igp Ponti HD.

Per entrambi i piatti, ideati dallo chef Ivan Onorato, la box contiene ingredienti dosati e istruzioni semplici, con lo scopo di fare assaporare le tradizioni della cucina piemontese.

Per l’antipasto tra gli ingredienti ci sono sorprendentemente i Popcorn di una varietà specifica di Mais da fare esplodere in Olio extra vergine d’oliva della Puglia, i quali poi vanno caramellati con zucchero e Aceto Balsamico di Modena IGP Ponti HD alta densità proveniente da sette vitigni selezionati e pregiato aceto di vino e maturato in tini di rovere di piccole dimensioni per minimo 2 mesi.

Andranno a impreziosire i Bignè, specialità le cui origini “risalgono al periodo del Rinascimento alla corte di Firenze, da dove venne successivamente esportato in Francia a metà ’500 dai cuochi al seguito di Caterina de’ Medici”.

In questo caso il bignè è un guscio neutro proposto in versione gigante.

Gli altri suoi condimenti saranno il Carcioghiotto, il prodotto più pregiato della linea Peperlizia Ponti, quindi la Salsa Tonnata “frutto di un attento mix tra uova fresche pastorizzate biologiche, tonno, olio e capperi di alta qualità” e un tocco di Crema di Castelmagno.

Il risultato è una ghiottoneria inenarrabile che mette insieme una sinfonia sensoriale, unendo la sapidità cremosa della salsa tonnata alla croccantezza spinta dei pop-corn con le loro sfumature di cereali, insieme all’innesto dell’acidità dell’aceto balsamico e alla chiave umami dei carciofi.

Decisamente da divorare.

Per il risotto la materia prima parte dal Riso Carnaroli della Risi&Co. di Lignana nella vocata zona di Vercelli…

… cotto nel brodo fatto come una volta con Dado vegetale bio a base di “carote, sedano, cipolla e aromi, dove il conservante naturale è il sale marino”.

Il condimento si basa su una Crema di Castelmagno Dop che è “considerato il re dei formaggi piemontesi”.

Tocco finale affidato al citato Aceto balsamico e alla Nocciola Piemonte IGP della variante Tonda Gentile Trilobata fornita dalla Corilanga di Rocchetta Belbo (Cuneo).

Anche in questo caso siamo davanti a un piatto di notevole impatto organolettico dove una diffusa dolcezza assume multiformi screziature aromatiche esaltate da una consistenza suadente.

Convince pienamente questa cena perfetta anche per essere condivisa fin dalla sua elaborazione, dando grande appagamento a chi la realizza e piacere puro a chi l’assaggia.

Info: https://www.mycookingbox.it/prodotto/cena-piemontese-bigne-carcioghiotto-salsa-tonnata/

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , ,



L'autore


Back to Top ↑