Google+

La Cupola del Brunelleschi a Firenze, la vetta della Bellezza

Pubblicato il: 17 maggio 2018 alle 3:00 pm


spec Firenze -4- Cupola del Brunelleschi 1

Un’impresa tecnologica capace di raggiungere le vette della meraviglia estetica e di assumere carica simbolica identitaria. Dovrebbe essere una porzione di un edificio, per quanto rilevante, invece la Cupola del Duomo di Firenze rifulge di luce propria, esprimendo storia e qualità talmente notevoli da fare quasi corpo a sé.

spec Firenze -4- Cupola del Brunelleschi 2

Da oltre cinquecento anni infatti fa parlare di sé. Inizialmente come impresa impossibile di un visionario come Brunelleschi. A impresa avvenuta, ci si è scervellati per comprenderne i segreti architettonici. Quindi è partita l’ammirazione popolare. Nel frattempo ha mantenuto il primato di cupola in muratura più grande del mondo. Il successo né ha fatto una delle icone di Firenze e di recente perfino la politica se ne è impadronita, facendone esempio dei traguardi che può raggiungere la volontà dell’Uomo, anche contro il giudizio comune dei pavidi.

spec Firenze -4- Cupola del Brunelleschi 3

Ce n’è abbastanza per comprendere la viva fama di cui gode, tanto da meritare ancora articoli ammirati sulle riviste internazionali che si interrogano tutt’oggi sulla sua rivoluzionaria fattura.

spec Firenze -4- Cupola del Brunelleschi 4

Dev’essere quest’aura mitica a spingere folti gruppi di turisti a intraprendere quotidianamente l’impresa fisica di scalarla. Ci vuole davvero una forte motivazione per affrontare tutti i 463 scalini che separano dalla vetta. Si vedono gran sorrisi al primo scalino, anche perché durante il vorticare dell’ascesa la città offre scorci sghembi di sé: dalle feritoie alle pareti, balenano lampi di splendore.

spec Firenze -4- Cupola del Brunelleschi 5

Facce un po’ provate ma ancora serene quando si giunge al primo camminamento. Non si ha tempo si sentire i primi irrigidimenti muscolari, perché una volta qui si viene rapiti dagli affreschi, già abbastanza vicini da invadere lo sguardo.

spec Firenze -4- Cupola del Brunelleschi 6

Magnificenza che diviene tangibile al secondo camminamento, dove ti senti fisicamente avvolto dalla pittura.

spec Firenze -4- Cupola del Brunelleschi 7

Nell’ultimo tratto però la fatica segna il volto degli scalatori, diversi dei quali si appoggiano alle pareti per rifiatare, dandosi coraggio l’un l’altro.

spec Firenze -4- Cupola del Brunelleschi 8

Il premio finale della vista della Lanterna ripaga però ogni sforzo, insieme alla magnifica vista della città.

spec Firenze -4- Cupola del Brunelleschi 9

La discesa richiede anch’essa impegno, vista la ripidità del percorso, ma anche in questo caso gli omaggi alla vista non mancano. Tra questi, il suggestivo allestimento degli attrezzi originali, o ricostruiti secondo i modelli antichi, usati per la costruzione del Duomo, nonché per i successivi restauri e la manutenzione fino ai tempi odierni.

spec Firenze -4- Cupola del Brunelleschi 10

L’importanza della Cupola del Brunelleschi ce la sottolinea Bruno Santi, consigliere dell’Opera di Santa Maria del Fiore di Firenze.

Info: www.ilgrandemuseodelduomo.it

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , ,



L'autore


Back to Top ↑