Google+

Da Capo Verde, vini africani dal cuore piemontese: gusto e solidarietà

Pubblicato il: 6 dicembre 2016 alle 2:59 pm

capoverde vini africani cuore piemontese 1

Sono vini africani, ma nelle bottiglie che li contengono batte un cuore italiano, in gran parte piemontese, vista la provenienza di chi anima questa produzione in cui al pregio organolettico si associa quello della solidarietà.

Parliamo di nettari solidali che vengono realizzati a Capo Verde, arcipelago che si trova in corrispondenza delle coste occidentali dell’Africa settentrionale, composto da isole di origine vulcanica.

capoverde vini africani cuore piemontese 2

“Il progetto della creazione della Vinha de Maria Chaves nell’isola di Fogo a Capo Verde nasce nel cuore e nella mente di Padre Ottavio nel 2002, per dare supporto economico alle attività sociali in favore del popolo capoverdiano” si racconta sul sito di AMSES, Associazione Missionaria Solidarietà e Sviluppo, Onlus nata all’interno del Segretariato Missioni Estere dei Frati Cappuccini del Piemonte, con il dichiarato “scopo di aiutare i popoli nel loro sviluppo umano, sociale ed economico”, anche attraverso il progetto dei vini di cui vi stiamo parlando.

capoverde vini africani cuore piemontese 3

“La Vinha de Maria Chaves ha davvero il sapore di un piccolo miracolo nato dal sogno e dalla determinazione di chi ha creduto fortemente nel progetto, unendo all’esperienza di agronomi e di enologi italiani l’amore solidale per questa isola e per la sua gente”.

Si tratta di un terreno donato in comodato d’uso dal Governo di Capo Verde per cinquanta anni, al fine di svilupparvi un programma vitivinicolo.

La scelta dell’area è stata determinata dalla presenza di acqua dolce alle falde del contiguo vulcano e alle conseguenti particolarità del clima e del terreno.

capoverde vini africani cuore piemontese 4

Le barbatelle di vite impiantate con successo nell’estate del 2009 sono oltre centomila.

“Il lungo lavoro di ricerca e di selezione delle piante è stato affrontato considerando quelle che sono oramai le varietà tipiche dell’isola, importate in loco dai portoghesi durante il loro lungo periodo di colonizzazione” spiegano sul sito. Le uve a bacca bianca sono Muscatel, Moscato e Chardonnay, mentre quelle a bacca rossa sono Muscatel rosso, Turriga Nacional, Tempranillo e Aleatico.

capoverde vini africani cuore piemontese 5

Un progetto che tra le varie ragioni di interesse annovera anche lo studio del “comportamento della Vitis vinifera in ambiente tropicale e/o sub-tropicale”.

Infatti per l’approvvigionamento dell’acqua è stato necessario creare una rete collegata all’acquedotto per garantire l’irrigazione quotidiana goccia a goccia, differenziata e programmata.

Tutto ciò ha portato lavoro alla popolazione locale, anche grazie al contributo della Conferenza Episcopale Italiana (CEI), Comitato per gli Interventi Caritativi a favore del Terzo Mondo.

capoverde vini africani cuore piemontese 6

Importante l’affermazione che “il progetto della Vigna di Maria Chaves e delle Cantina di Monte Barro dell’isola di Fogo non viene supportato da AMSES come un’azienda e l’associazione non importa il vino per venderlo e far concorrenza nel mercato italiano, ma la nostra Onlus promuove l’impegno e la crescita del popolo capoverdiano attraverso progetti di autosufficienza e sviluppo economico”.

Da qui la richiesta di “ un contributo minimo, a sostegno delle spese di produzione per mantenere ed espandere l’attività della vigna, che appartiene ad un più ampio progetto di autosufficienza e sviluppo economico locale ed internazionale”.

capoverde vini africani cuore piemontese 7

Alla vigna si associa il progetto Adega de Monte Barro. La Cantina Monte Barro è uno stabilimento per la lavorazione dell’uva e l’imbottigliamento di vino bianco, rosso e rosato”, in cui “si trasforma l’uva in vino e si compiono i relativi processi di affinamento, imbottigliamento, etichettatura, invecchiamento, confezionamento ed imballaggio delle bottiglie; la produzione annuale potenziale, a pieno regime, può ammontare a 233.000 bottiglie l’anno”.

capoverde vini africani cuore piemontese 8

Abbiamo provato le tre tipologie principali di questi vini, ricavando un senso di originalità del loro gusto, più per le sfumature gustative che per la struttura in sé.

Il rosso di punta è il SanTiago che assembla i vitigni Muscatel rosso, Tempranillo e Touriga Nacional: abbiamo molto apprezzato che non faccia legno, poiché l’affinamento avviene per sei mesi in acciaio e per due mesi in bottiglia. Questo ne fa un vino sincero che restituisce pienamente i sentori naturali delle uve e perfino quelli dei terreni di coltivazione, rendendolo gradevole, di semplice beva, ben succoso.

Convincente il bianco Santa Luzia, uvaggio di Muscatel bianco, Chardonnay e Moscato che ben bilancia acidità e aromaticità, rendendo godibilissimo il sorso.

Molto interessante il rosato San Vicente che mette insieme uve coltivate sulle pendici del vulcano di Fogo come Muscatel rosso, Tempranillo, Touriga Nazionale e Aleatico, bacche rosse vinificate in bianco. Anche qui niente legno, ma una vinificazione che privilegia la freschezza al palato, mentre il naso viene raggiunto da profumi suadenti.

Altri vini in produzione, il San Filipe (Muscatel rosso, Aleatico Tempranillo, Touriga Nazionale) e il Pico Do Fogo (Muscatel rosso, Aleatico, Touriga Nazionale, Tempranillo).

capoverde vini africani cuore piemontese 9

Sul sito citato sono descritte tutte le modalità di donazione per procurarsi il vino di Maria Chaves, senza dimenticare che il suo acquisto dà diritto a benefici fiscali.

A bere del buon vino così, c’è davvero più gusto.

Ci siamo fatti raccontare questo mondo enologico da un volontario di AMSES, Paolo Gaza.

Info: www.amses.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑