Google+

Dalla passione di Mauro Lorenzon, Dorona Criterio di Laguna di Venezia

Pubblicato il: 10 settembre 2021 alle 7:00 am

Mauro Lorenzon è uno dei personaggi più conosciuti del mondo del vino non soltanto in Italia, certamente per il suo trasgressivo abbigliamento iper-cromatico che sembra provenire dalla moda punk anni ’70 del negozio Sex di Malcolm McLaren e Vivienne Westwood a King’s Road, ma anche e soprattutto per la grande competenza che insieme a un’innata simpatia e un debordante istrionismo gli hanno consentito di portare la sua Enoiteca Mascareta a Venezia al rango di locale cult famoso in tutto il mondo: ma tanta grandeur in realtà ha alla base un infinito amore per il vino che lo ha condotto a salvare dall’oblio e rilanciare un piccolo vino da vitigno storico della laguna veneziana, la Dorona.

Mauro spiega che quest’uva è semplicemente una Garganega chiamata Dorona dai contadini della fronda lagunare veneziana e delle sue isole.

Nome che fa riferimento all’Uva Dorata di antica conoscenza.

Lui si ritiene con pieno titolo colui che ha riscoperto vino e vitigno, con il sostegno di amici ristoratori e appassionati con i quali ha fondato l’associazione Laguna nel bicchiere – Le vigne ritrovate.

Il primo contadino coinvolto nel progetto di recupero è stato Vio Gastone dell’isola di Sant’Erasmo, come raccontato a suo tempo dalla nostra rivista (http://www.storienogastronomiche.it/la-vera-dorona-di-venezia-vino-contadino-non-per-soli-ricchi/), un vitivinicoltore con una produzione media di cinque o sei damigiane, incentrata sul più rigoroso metodo ancestrale.

Una piccola partita dunque che Mauro ha imbottigliato per l’amico Gianpaolo Girardi di Proposta Vini. Un rapporto durato alcuni anni, fino a quando Gastone del 2020 non ha deciso di fare tutto da sé.

Da quel momento per Lorenzon è iniziato un intenso censimento empirico che lo ha visto andare vigna per vigna nel territorio lagunare per scoprire altre produzioni di Dorona.

Nel suo indefesso viaggio alla ricerca di piccole ma sincere espressioni contadine del vitigno, Lorenzon è approdato di volta in volta a Saccagnana, Casavio, Cavallino, dove ha acquistato l’uva “vendemmiata in cassetta”, portandola in una cantina amica per vinificarla con un sistema arcaico che lui stesso ha battezzato Criterio, lemma che adesso dà il nome al vino prodotto nell’ultima annata.

Per Lorenzon il termine Criterio ha il significato di “vinificare con la minor manipolazione possibile”, con “fermentazioni spontanee, con lieviti propri, senza aggiunta di solfiti”, quindi rifermentazione del vino ottenuto, pied de cuve con l’aiuto del mosto dolce di Dorona e “lieviti collaborativi di grani antichi”: il risultato porterà “a minute bollicine che arriveranno ad un massimo di due atmosfere”.

Il Criterio in distribuzione adesso è frutto questa volta del terreno di Treporti del “mini-vignaiolo” Danilo Conte Bozzato.

Al naso ricorda la pesca sciroppata, mentre il palato avverte una lievissima vivacità in bilico tra dolce, agrumato e amaro, esprimendo melangolo candito, susina gialla, carruba e genziana.

Oggi la Mascareta è stata affidata a un’altra gestione, ma l’inarrestabile Lorenzon è già pronto a una nuova avventura con un locale che aprirà tra pochissimi giorni, proprio con una grande degustazione della sua nuova Dorona: è lui stesso a svelarci tutto in anteprima nel video qui sotto.

Info: https://www.ostemaurolorenzon.com/l-oste

Distribuzione: https://www.propostavini.com/produttori/produttore/laguna-di-venezia/

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

è attivo dal 1988 nel mondo della comunicazione in tutti gli ambiti, dalla televisione al cinema, dal giornalismo professionistico ai video musicali, dall’insegnamento universitario alla regia, dall’editoria libraria al teatro, dal web alla carta stampata.
Attualmente firma come autore la trasmissione Tiki Taka su Italia Uno condotta da Piero Chiambretti, scrive per i mensili della casa editrice del calendario di Frate Indovino per la quale ha appena pubblicato il suo nuovo libro; inoltre è direttore responsabile della testata giornalistica on line Storie Enogastronomiche specializzata in enogastronomia e turismo culturale, Presidente della Giuria del Festival Internazionale del Videoclip IMAGinACTION, docente universitario della IULM di Milano e per vari insegnamenti in diversi master della Business School della RCS Academy del gruppo editoriale che comprende il Corriere della Sera.

Da oltre vent’anni svolge attività di docente in varie Università, come IULM, Cattolica di Milano, Dams di Bologna, IED - Istituto Europeo di Design e per l’Istituto Internazionale di Ricerca e Studi Avanzati del Ministero per i beni e le attività culturali.
Ha pubblicato diversi volumi come saggista e scrittore, per case editrici come Bompiani, Mondadori e Sperling & Kupfer: diversi suoi volumi sono stati adottati da varie università italiane. E’ autore di voci per alcune delle più importanti enciclopedie italiane.
Come autore televisivo ha lavorato con Piero Chiambretti, Maurizio Crozza, Francesco Facchinetti, Belen Rodriguez, Vanessa Incontrada, Paolo Bonolis, Giancarlo Magalli, Claudio Lippi, Elisa Isoardi, Pupo, scrivendo anche per alcuni comici di Zelig (tra cui Leonardo Manera) e firmando molte trasmissioni soprattutto di prima serata per tutte le reti Rai e Mediaset, ma anche per La7 e Sky. Tra le sue trasmissioni più note, Dopofestival di Sanremo su Rai Uno, Markette e Crozza Italia Live su La7, X Factor su Rai Due, Wind Music Awards su Italia Uno. E’ stato direttore editoriale della tv musicale satellitare Match Music, mentre per i Festival di Sanremo del 2004 e del 2005 ha realizzato come autore unico i profili dei cantanti andati in onda sulle reti Rai e gli spot ufficiali della trasmissione. Come regista televisivo ha firmato servizi, live ed esterne per Rai, Mediaset e diverse tv musicali, nonché l’evento multimediale Come and Dance Rihanna con Garrison di Amici di Maria De Filippi. Ha collaborato come autore e copywriter a vari spot per alcune campagne della Wind. E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker voluta da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central).
Giornalista professionista dal 1996, ha scritto per Il Giorno, Il Fatto Quotidiano, Il Giornale di Sicilia, Maxim, Campus, Frate Indovino, InTV, svolgendo anche attività di critico cinematografico (Duel, Ciak) e critico musicale (Maxim, il Mucchio Selvaggio). Suoi servizi sono stati pubblicati on line anche da Tiscali.it e LiberoQuotidiano.it, Rockol, Mtv.it.
Regista di videoclip, ha firmato il pluri-plagiato Dedicato a te per il gruppo Le Vibrazioni, Cleptomania per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista e sceneggiatore cinematografico, è autore di vari cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti dalle strutture di Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati a prestigiose rassegne in Italia e all’estero come Torino Film Festival, Locarno International Film Festival, Bellaria Film Festival, FIFF - Festival International de Films de Fribourg, Genova Film Festival, Capalbio International Film Festival. E’ stato assistente alla regia di Roberta Torre e collaboratore di Ciprì e Maresco. Ha firmato un contratto come soggettista, sceneggiatore e regista per un film lungometraggio con l’importante casa di produzione Lux Vide (Don Matteo, Che Dio ci aiuti, L’Isola di Pietro).
Come autore e regista teatrale, ha portato in scena lo spettacolo CabaRE’ al Derby di Milano e altre opere come quella che ha visto quali protagonisti Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada al Teatro Donizetti di Bergamo.
E’ stato ideatore e direttore artistico della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri. Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt. E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica marchigiana Ultrasuoni (prima label italiana distribuita dalla multinazionale tedesca Edel) e ha svolto anche attività di produttore artistico musicale, realizzando album di diverse rock band per etichette come la CNI - Compagnia delle Nuove Indye.
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑