Google+

È il suo momento… in cucina col cavolo

Pubblicato il: 1 dicembre 2016 alle 2:50 pm

in cucina col cavolo 1

Dal romanesco a quello di Bruxelles, dal toscano a quello cinese, la geografia del cavolo è davvero variegata.

La famiglia delle Brassicacee è una di quelle allargate: si contano fino a dieci esemplari, ciascuno con caratteristiche proprie.

Il suo odore, una volta cotto, spesso scoraggia l’approccio dei più piccoli, ma anche molti adulti non amano questa verdura che però è una tra le più nutrienti e salutari.

in cucina col cavolo 2

(broccolo romanesco)

Quali sono le sue proprietà nutritive?

Ricco di fibre, vitamine, antiossidanti e sali minerali, il cavolo è uno dei migliori alleati per affrontare le rigide temperature della stagione invernale.

E’ perfetto per chi conduce una dieta vegetariana, visto il suo alto contenuto di ferro, più della carne e del latte: tre/quattro tazze di cavolo riccio contengono tanto calcio quanto una tazza di latte vaccino. Anche la concentrazione di acidi grassi, Omega 3 e Omega 6, nutrienti essenziali per la salute, è alta.

in cucina col cavolo 3

(cavolo verza)

Il cavolo è inoltre un potente antinfiammatorio, in grado di prevenire e di alleviare le patologie infiammatorie: in più le sue sostanze benefiche, tra cui vitamina A e C, carotenoidi e flavonoidi, dalle spiccate proprietà antiossidanti, contribuiscono alla prevenzione dell’invecchiamento precoce.

in cucina col cavolo 4

(cavolo rapa bianco)

In cucina… col cavolo

Se questo non basta a convincere anche i palati più scettici, l’utilizzo dei cavoli in cucina è tanto ampio quante sono le sue varietà: passato in padella, soffritto, sbollentato, al forno.

Per preparare ricette sfiziose, non servono ingredienti particolari. Bastano un pizzico di fantasia e un po’ di tempo. I cavoli sono ottimi come contorno, come gustosi primi piatti, sfiziosi antipasti e secondi alternativi.

in cucina col cavolo 5

(cavolo cinese)

Se cotti possono risultare ostici a causa dell’odore dovuto alla formazione di composti solforati che diffondono così il caratteristico segno distintivo; alcuni cavoli possono anche essere mangiati crudi.

Per renderli ancora più saporiti si possono condire con olio, pinoli e aceto balsamico, per gustare una nutriente insalata autunnale.

in cucina col cavolo 6

(cavolo cappuccio rosso)

Per godere di tutti i benefici di questa verdura, l’ideale è la cottura al vapore che permette che il cavolo mantenga le sostanze nutritive necessarie ad abbassare il colesterolo. Affinché conservi le proprie caratteristiche benefiche, la cottura non deve superare i cinque minuti. L’ideale sarebbe consumarli almeno un paio di volte la settimana.

in cucina col cavolo 7

(cavolo nero toscano)

Consigli per l’acquisto

Nella scelta, bisogna controllare che le teste siano compatte e le foglie abbiano un colore brillante. Vanno conservati in frigo, in sacchetti per alimenti, al massimo per quattro o cinque giorni.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , ,



L'autore

Laura Filios

Dopo tre anni di studi in Filosofia, decide di specializzarsi in lingua e cultura arabo islamica. Scopre la passione per il giornalismo iniziando a scrivere per Mixa, settimanale on-line attento ai temi dell’immigrazione. E' co-ideatrice del progetto laforzadellafarina.it e socia fondatrice dell'associazione I Cani da Reporter. Attualmente collabora con una redazione milanese.


Back to Top ↑