Google+

Etnella, il vino naturale come mosaico della biodiversità dell’Etna

Pubblicato il: 10 gennaio 2020 alle 3:00 pm

etnella vino come mosaico etna 1

Una realtà tanto defilata quanto ramificata, quella che fa capo a Davide Bentivegna sul versante orientale dell’Etna. Un ordito di terreni e attività agricole da ricostruire pazientemente per chi si approccia al composito mondo di Etnella, anche perché lo spirito naif con cui è gestita porta a non dare grande importanza alla comunicazione e all’immagine esterna, portando a trascurare la puntualità nei rapporti con i media.

etnella vino come mosaico etna 2

Mettendo insieme i pezzi, si nota una ricerca dei terreni etnei più vocati alla viticoltura, scelti con differenti altitudini ed esposizioni per avere un ventaglio di cru da cui scaturiscano vini con significative differenti complessità.

etnella vino come mosaico etna 3

I vari appezzamenti si trovano sul Monte Argano a Presa nel comune di Mascali (450 metri sul livello del mare), in Contrada Galfina a Linguaglossa (600 mt), a Santo Spirito a Passopisciaro (800 mt) e in contrada Sciarone e Nave nel comune di Randazzo (1000 mt), tutti territori in provincia di Catania.

Dei quindici ettari coltivati, cinque sono occupati dalle viti, tre dagli ulivi e tre dai frutteti, obbedendo al principio che vede nella biodiversità un elemento di maggiore ricchezza e vitalità per i terreni.

etnella vino come mosaico etna 4

Bentivegna ha sempre adottato criteri di coltivazione naturale, ma adesso ha fatto il passo di ottenere le certificazioni del suo lavoro.

Grande la sua attenzione alla composizione dei terreni, ai microclimi, alla lavorazione dei frutti, tutto seguito attingendo alla sapienza antica e a una scrupolosa cura artigianale.

Tanto che il vino prodotto viene imbottigliato soltanto su commissione: si mette in vetro esclusivamente quanto richiesto volta per volta dai clienti, perché per il resto preferisce farlo maturare nelle botti. Questo rende difficile potere provare i vini dell’azienda, vista anche la mirata e quindi limitata diffusione dei prodotti.

etnella vino come mosaico etna 5

Il prodotto di punta è il Notti Stellate, classico blend autoctono etneo, a base di Nerello mascalese, con il piccolo contributo del Nerello Cappuccio.

Un vino che Bentivegna descrive come materico, per la sua densità masticabile, nonché vivo, per la capacità di evolversi, mentre la complessità è garantita dall’utilizzo delle uve a diversi gradi di maturazione e dalle micro-variazioni del terroir.

etnella vino come mosaico etna 6

I frutti, anch’essi tipici del vulcano, danno vita invece a confetture e gelatine con il marchio Etnella. Si tratta di frutta di stagione, come arance, pere coscia, fichi d’india, gelsi neri e bianchi, lamponi, mele cola, cachi, mele cotogne, nespole, sorbe, mandarini, ciliegie, fichi bianchi e agrumi sbucciati a mano, con l’aggiunta volta per volta di altri ingredienti naturali, come miele di zagara, succo di limone, fiori (viole), spezie (peperoncino, pepe rosa, zenzero), erbe (menta). Curiosa la preparazione a base di Vino Nerello Mascalese, tratta proprio dal Notti Stellate.

etnella vino come mosaico etna 7

Dalle olive presenti nei vigneti infine vengono prodotti cru di Olio Monte Etna Biologico, con l’impiego delle cultivar Nocellara dell’Etna, Brandolfina, Frantoiana, Coratina e San Benedetto.

Una varietà di prodotti che riflette perfettamente la ricchezza dell’ambiente naturale etneo da cui scaturiscono e la personalità di chi li lavora, vulcanica anch’essa.

Info: etnella.com

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

è attivo dal 1988 nel mondo della comunicazione in tutti gli ambiti, dalla televisione al cinema, dal giornalismo professionistico ai video musicali, dall’insegnamento universitario alla regia, dall’editoria libraria al teatro, dal web alla carta stampata.
Attualmente firma come autore la trasmissione Tiki Taka su Italia Uno condotta da Piero Chiambretti, scrive per i mensili della casa editrice del calendario di Frate Indovino per la quale ha appena pubblicato il suo nuovo libro; inoltre è direttore responsabile della testata giornalistica on line Storie Enogastronomiche specializzata in enogastronomia e turismo culturale, Presidente della Giuria del Festival Internazionale del Videoclip IMAGinACTION, docente universitario della IULM di Milano e per vari insegnamenti in diversi master della Business School della RCS Academy del gruppo editoriale che comprende il Corriere della Sera.

Da oltre vent’anni svolge attività di docente in varie Università, come IULM, Cattolica di Milano, Dams di Bologna, IED - Istituto Europeo di Design e per l’Istituto Internazionale di Ricerca e Studi Avanzati del Ministero per i beni e le attività culturali.
Ha pubblicato diversi volumi come saggista e scrittore, per case editrici come Bompiani, Mondadori e Sperling & Kupfer: diversi suoi volumi sono stati adottati da varie università italiane. E’ autore di voci per alcune delle più importanti enciclopedie italiane.
Come autore televisivo ha lavorato con Piero Chiambretti, Maurizio Crozza, Francesco Facchinetti, Belen Rodriguez, Vanessa Incontrada, Paolo Bonolis, Giancarlo Magalli, Claudio Lippi, Elisa Isoardi, Pupo, scrivendo anche per alcuni comici di Zelig (tra cui Leonardo Manera) e firmando molte trasmissioni soprattutto di prima serata per tutte le reti Rai e Mediaset, ma anche per La7 e Sky. Tra le sue trasmissioni più note, Dopofestival di Sanremo su Rai Uno, Markette e Crozza Italia Live su La7, X Factor su Rai Due, Wind Music Awards su Italia Uno. E’ stato direttore editoriale della tv musicale satellitare Match Music, mentre per i Festival di Sanremo del 2004 e del 2005 ha realizzato come autore unico i profili dei cantanti andati in onda sulle reti Rai e gli spot ufficiali della trasmissione. Come regista televisivo ha firmato servizi, live ed esterne per Rai, Mediaset e diverse tv musicali, nonché l’evento multimediale Come and Dance Rihanna con Garrison di Amici di Maria De Filippi. Ha collaborato come autore e copywriter a vari spot per alcune campagne della Wind. E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker voluta da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central).
Giornalista professionista dal 1996, ha scritto per Il Giorno, Il Fatto Quotidiano, Il Giornale di Sicilia, Maxim, Campus, Frate Indovino, InTV, svolgendo anche attività di critico cinematografico (Duel, Ciak) e critico musicale (Maxim, il Mucchio Selvaggio). Suoi servizi sono stati pubblicati on line anche da Tiscali.it e LiberoQuotidiano.it, Rockol, Mtv.it.
Regista di videoclip, ha firmato il pluri-plagiato Dedicato a te per il gruppo Le Vibrazioni, Cleptomania per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista e sceneggiatore cinematografico, è autore di vari cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti dalle strutture di Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati a prestigiose rassegne in Italia e all’estero come Torino Film Festival, Locarno International Film Festival, Bellaria Film Festival, FIFF - Festival International de Films de Fribourg, Genova Film Festival, Capalbio International Film Festival. E’ stato assistente alla regia di Roberta Torre e collaboratore di Ciprì e Maresco. Ha firmato un contratto come soggettista, sceneggiatore e regista per un film lungometraggio con l’importante casa di produzione Lux Vide (Don Matteo, Che Dio ci aiuti, L’Isola di Pietro).
Come autore e regista teatrale, ha portato in scena lo spettacolo CabaRE’ al Derby di Milano e altre opere come quella che ha visto quali protagonisti Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada al Teatro Donizetti di Bergamo.
E’ stato ideatore e direttore artistico della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri. Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt. E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica marchigiana Ultrasuoni (prima label italiana distribuita dalla multinazionale tedesca Edel) e ha svolto anche attività di produttore artistico musicale, realizzando album di diverse rock band per etichette come la CNI - Compagnia delle Nuove Indye.
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑