Google+

“Homo sapiens”, quando l’evoluzione umana si mette in mostra

Pubblicato il: 24 maggio 2020 alle 3:00 pm

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 001

Uno sguardo al passato più remoto per comprendere il presente e ipotizzare il futuro:è stata una mostra interattiva con la coscienza dei visitatori, Homo sapiens, svoltasi tra il 2016 e il 2017 al MUDEC, il Museo delle Culture di Milano.

Nel raccontare Le nuove storie dell’evoluzione umana, l’esposizione ha scelto la strada del racconto morale quasi di leopardiana memoria, utilizzando il dato scientifico per entrare nel vivo del dibattito culturale odierno e dei suoi conflitti sociali. Così le migrazioni di milioni di anni fa divengono monito per chi contesta quelle contemporanee, mentre si confuta il concetto di razza tra gli umani per demolire le già fragili basi del razzismo.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 002

Un neo umanesimo antropologico che non sorprende, apprendendo che il progetto della mostra nasce da Luigi Cavalli Sforza, luminare di lunghissimo corso (ha novantaquattro anni) che non ha mai temuto di esprimere posizioni controverse con i suoi studi profondi e spesso anti-convenzionali.

Partito dalla genetica, Cavalli Sforza è approdato all’antropologia, in un percorso molto esteso che ha messo al centro dell’indagine l’Uomo, studiato attraverso le migrazioni che ha affrontato, analizzando i modi in cui comunica e si organizza.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 003

La mostra appare così la summa del pensiero di Luigi Cavalli Sforza, associato alla personalità multiforme del curatore Telmo Pievani, “filosofo della scienza, evoluzionista, comunicatore e saggista”, da tempo impegnato in azioni di divulgazione scientifica che vanno dalle pubblicazioni ai festival. Memori di pubblicazioni di Pievani come Homo sapiens e altre catastrofi (Meltemi ), La fine del mondo. Guida per apocalittici perplessi (il Mulino ) ed Evoluti e abbandonati (Einaudi), immaginiamo come suo il tocco ironico che si coglie più volte nei testi dei pannelli.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 004

Da queste intelligenze non poteva certamente venire fuori una mostra noiosamente avvitata su dati tassonomici: infatti l’allestimento è estremamente godibile e di facile fruizione, come dimostrano le tante scolaresche in visita. Vera divulgazione, dunque, dove una seria documentazione scientifica viene tradotta in storytelling ammirevole per sintesi e capacità di racconto.

Si evita l’affastellamento di informazioni e oggetti esposti, puntando a una severa selezione dei reperti: fossili, manufatti, utensili, modelli, ricostruzioni e documenti sono spiegati da parole chiare e forme lessicali scorrevoli.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 005

“Un grande affresco multidisciplinare” si definisce opportunamente la mostra, dove “le nuove scoperte scientifiche, i recenti ritrovamenti e il ricco patrimonio etnografico della collezione permanente del MUDEC, aggiornano il progetto internazionale che ha coinvolto le comunità scientifiche di Italia, Stati Uniti, Israele, Germania, Francia, Spagna, Australia, Georgia, Sud Africa, assieme a Università, Musei e Istituzioni di tutto il mondo: uno sforzo straordinario per raccontare da dove veniamo e come siamo riusciti, di espansione in espansione, a popolare l’intero pianeta, costruendo il caleidoscopico mosaico della diversità umana attuale”. Per sviscerare i temi di questa epopea, sono stati messi insieme genetisti, linguisti, antropologi e paleoantropologi.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 006

Cinque le sezioni tematiche: Migranti da due milioni di anni che narra l’inizio del genere Homo, affermando di conseguenza le origini africane di tutti noi; La solitudine è un’invenzione recente che spiega il contatto, duecentomila anni fa, con le altre specie del genere Homo; I geni, i popoli, le lingue che rappresenta l’evoluzione cognitiva della specie, circa quarantamila anni fa; Tracce di mondi perduti che dimostra come la domesticazione di piante e animali abbia premesso alla popolazione umana di crescere, in tutti i sensi; infine Tutti parenti, tutti differenti: le radici intrecciate della civiltà che esplicita il messaggio della mostra, “la forte unità biologica e al contempo la straordinaria diversità culturale interna della specie umana”.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 007

L’esperienza di visita associa a reperti preziosi anche postazioni multimediali e dispositivi interattivi, per creare “passaggi immersivi tra suoni e colori che raccontano le grandi prime volte dell’umanità”.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 008

Non mancano ricostruzioni scenografiche di grandi dimensioni che cercano e trovano il forte impatto spettacolare, riguardanti soprattutto gli animali estinti.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 009

Più nascoste ma di eguale forza suggestiva i video che documentano alcune tribù indigene di cacciatori-raccoglitori che ancora resistono nel loro fiero isolamento dalla modernità.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 010

Ma il focus rimane “da dove veniamo e come siamo riusciti a popolare l’intero pianeta”, per spiegare come “un mammifero bipede sia diventato cosmopolita”, capace di produrre “un ventaglio meraviglioso di diversità culturali e linguistiche”.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 011

In questa mostra a tesi, due sono i messaggi che rimangono scolpiti nella mente una volta che si esce dalle stanze espositive.

Il primo è che “gli spostamenti di popoli sono stati e continuano a essere il motore principale dei cambiamenti nel mosaico della diversità biologica e culturale umana”.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 012

Il secondo è che “l’esistenza di razze umane a un livello biologico e genetico non ha alcun fondamento”: si tratterebbe di una mera “costruzione culturale e sociale”, perché “quel che noi vediamo è un insieme di varie storie di adattamento a climi e habitat che hanno generato popolazioni diverse fra loro a un livello morfologico superficiale, ma del tutto simili nel loro corredo genetico”; ne deriva che “le razze umane non sono nei nostri geni, bensì nella nostra mente” e che “quel che un tempo ci divise, la biologia, oggi potrebbe unirci”.

homo sapiens evoluzione al MUDEC milano 013

Con la nostra telecamera abbiamo catturato alcuni angoli della mostra che ci sono sembrati particolarmente significativi: ecco il video.

Info: www.mudec.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑