Google+

I vini mantovani: le aziende del Lambrusco

Pubblicato il: 28 settembre 2015 alle 10:00 am

vini mantovani Lambrusco 1

Esiste un Lambrusco istrionico e dalle mille personalità ancora da svelare appieno, destinato a conquistare fette sempre maggiori di pubblico, adesso che se ne sta diffondendo a dovere la conoscenza: è quello mantovano, sempre più amato, come dimostra il successo riscosso nello spazio che si è ricavato a Expo.

Sarebbe più corretto parlare di lambruschi mantovani, per la pluralità di tipologie organolettiche, con differenze spesso marcate dovute al contributo di vitigni e terroir ben diversi tra loro.

Stupefacente la qualità media di questi vini vivacissimi e intensi, capaci di controllare e indirizzare abilmente certe tendenze zuccherine e di esprimere un’inattesa struttura solida e decisa in fase di degustazione.

A dir poco avvincente quindi esplorare tutto lo spettro cromatico di questo arcobaleno di sapori: lo approfondiamo in questo secondo articolo sui vini mantovani.

vini mantovani Lambrusco 2

La Cantina Virgili (www.cantinevirgili.com) è un baluardo del territorio enoico del mantovano, forte della sua fondazione nel 1900.

L’azienda produce Lambruschi, vini fermi, bollicine e distillati.

Il Pjaföc Imperiale (nome omen…) è un sontuoso blend dei vitigni nativi della pianura padana che danno vita al Lambrusco Mantovano, come Ruberti, Salamino e Ancellotta: elegante il suo bouquet di fiori di campo.

Il Loghino Dante intreccia Lambrusco Ruberti, Marani, Maestri e Ancellotta, per raggiungere un’immediatezza fatta di acidità fruttata.

vini mantovani Lambrusco 3

Da decenni la Cantina di Carpi e Sorbara è sinonimo di aggregazione contadina in nome del Lambrusco.

Simbolo della vitalità dei suoi nettari, La Torre Rosso, un Lambrusco Mantovano dalla spuma di straordinaria persistenza che rende cremoso il sorso, conquistando ogni tipo di bevitore, anche il meno esperto.

Esuberanza che si ritrova nel 1946, pure questo contrassegnato dalla suggestiva dicitura “Dalla terra dei Gonzaga”: un’occasione da sfruttare per conoscere un’altra declinazione del Lambrusco Ruberti, qui in purezza.

vini mantovani Lambrusco 4

Della Cantina Sociale Cooperativa di Quistello (www.cantinasocialequistello.it) è nota la vivacità gestionale: spesso la si incontra tra fiere e manifestazione enologiche.

Frutto della convinta promozione di un lambrusco autoctono molto particolare, il Grappello Ruberti, insieme a un florilegio di altri vitigni territoriali come Marani, Maestri, Salamino, Ancellotta, Fortana e Uva d’oro.

Il Monovitigno Lambrusco Ruberti si esprime con pienezza nell’80 Vendemmie; è un vino cangiante che reagisce con estrema sensibilità alla temperatura di servizio: basta qualche grado di variazione per alimentare o fare sparire del tutto una naturale propensione all’abboccato.

Tutto si ammorbidisce invece nell’80 Vendemmie Rosato, versione tenue e ancora più beverina del Lambrusco Ruberti, attorniato da altri vitigni locali.

Lo stesso vitigno lo si ritrova nel Lambrusco Mantovano Rossissimo (con Maestri, Salamino e Ancellotta) e nel Gran Rosso del Vicariato di Quistello (con l’ Ancellotta): un invito a una sorta di verticale, per cogliere le diverse sfumature, da quelle floreali del primo all’impronta fruttata del secondo.

Il tipico abboccato locale si propone anche nel GranBianco di Quistello, Chardonnay in purezza, mentre è una felice curiosità l’assaggio del Trebbiano di cui è composto il Bianco di Quistello.

vini mantovani Lambrusco 5

La Cantina Sociale di Gonzaga (www.cantinagonzaga.it) già dal nome echeggia il nobile passato del suo territorio, oggi contrassegnato da un felice presente vitivinicolo. La Cooperativa ha una gamma di prodotti copiosa come i suoi soci.

Citazione per lo Spumante Mantè Extra Dry, singolare miscela di Lambrusco e Chardonnay che spiazza e conquista al tempo stesso, tra profumi di zagara e sentori di frutta esotica.

vini mantovani Lambrusco 6

La Cantina Sociale di Viadana (www.cantinaviadana.it) mette in bottiglia un’antica propensione al lavoro in comune dei vignaioli locali, sparsi per i comuni della stessa Viadana e di Sabbioneta, Pomponesco e Dosolo. La cantina consente di conoscere una storica varietà autoctona che meriterebbe decisamente maggiore fama, tipica dei filari tra Viadana e Sabbioneta.

Ne è eccellente espressione il Cavalcabó, decisamente un Lambrusco altro, dall’identità unica e inconfondibile, per la raffinata fragranza dal garbo agreste.

La quintessenza territoriale si avverte poi nel VS, Lambrusco Mantovano DOP Viadanese Sabbionetano, in cui l’autoctono si manifesta in vesti eleganti che profumano di campo.

Ulteriore declinazione del vitigno, il Krasì, versione rosè che ne rivela la più intima anima delicatamente carezzevole.

Altre potenzialità da esplorare con Il Salico, in cui il Lambrusco Viadanese (al 40%) rivaleggia con il Lambrusco Marani (60%), in un singolar tenzone di percezioni tutto da godere per il palato.

vini mantovani Lambrusco 7

Le Cantine Giubertoni (www.cantinegiubertoni.it) sono espressione di una saga lunga cinque generazioni che ha attraversato la storia dell’Oltrepo Mantovano, tanto da raccontarla con i suoi vini, come nel caso del Lambrusco IGT Vecchio Ponte che ricorda proprio un ponte di San Nicolo Po distrutto durante la seconda guerra mondiale: è un corposo assemblaggio di Salamino, Ruberti e Ancellotta in grado di affrontare anche piatti impegnativi, con la tempra da grande rosso.

Il Lambrusco Mantovano DOC punta sul sottobosco del Salamino (85%), infiorettato dall’Ancellotta (15%), mentre il Lambrusco Mantovano DOP dall’abbraccio di Salamino e Viadanese tira fuori florealità complesse e composte di frutti rossi.

Spiazzante il Sole d’Inverno, rara ma tutt’altro che proditoria vinificazione in bianco del Lambrusco (80% Marani, 20% Salamino): bellissima sorpresa l’intensità vinosa che esprime, insieme a un insospettabile corpo.

Zero fa riferimento all’assenza dei solfiti, percepibile nell’estrema pulizia di questo Lambrusco Maestri in purezza che si fa ricordare per un’originalità fuori dal comune. Da provare la versione Lambrusco Rosato

dello stesso vino, in cui il frutto si fa più acerbo e l’acidità amplifica la beva.

vini mantovani Lambrusco 8

Alle Cantine Lebovitz (www.cantinelebovitz.it) si coccolano quei terreni che il fiume Mincio nella sua corsa verso il Po rende di grande fertilità.

Vino di punta, il Rosso dei Concari, la cui importanza è sottolineata dal pregevole design di una bottiglia a slanciata piramide smussata. Il blend di Viadanese 50%, Maestri 30% e Marani 20% versa nel bicchiere una robusta consistenza materica che sembra di provenienza ipogea.

Più sfumato e complesso Al Scagarun, uvaggio di Ruberti 45%, Maestri 30%, Marani 20% e Ancellotta 5%, molto affabile, fino a una ruffianeria da cui ci si lascia sedurre.

Il Rosè è una rarità da non perdere, per chi interessato alla spumantizzazione delle uve di Sorbara: la gentilezza di un bouquet di fiori con la forza olfattiva di un roseto con i boccioli schiusi.

vini mantovani Lambrusco 9

La Vinicola Decordi da quasi un secolo presidia il buon vino della Bassa Padana cremonese.

Il Cortesole, definito in etichetta senza mezzi termini “Il Lambrusco”, assolutizza l’incastro di Maestri, Marani e Lancellotta, spargendo stimolante sapidità su un’intrigante dolcezza di fondo.

Gli stessi vitigni rendono amabile un Rosato che si lascia bere con grande semplicità.

Coraggiosa poi la vinificazione in bianco di Lambrusco Marani, Maestri, Salamino e Ancellotta: rinunciando a vagiti tanninici, non perde rotondità né corpo, portando sentori agrumati che rinfrescano il palato.

La coscienza ambientale poi si traduce in vino con il SuperBio, vino biologico che sostiene le attività della Lipu (Lega Italiana Protezione Uccelli).

Ce n’è abbastanza per fare uno o più tour per le cantine del mantovano, uno dei pochi territori ancora di grado di regalare sussulti inediti agli amanti del vino.

 

Info: www.vinimantovani.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑