Google+

I vini rari tipici del territorio di Pesaro e Urbino, nelle Marche

Pubblicato il: 21 febbraio 2017 alle 9:57 am

vini rari tipici pesaro urbino marche 001

Sono piccoli tesori enoici da andare a scoprire con il piglio del ricercatore del gusto, tanto sono nascosti al grande mercato dei vini scontati: sono i nettari da uve marchigiane meno conosciuti, quelli della tradizione contadina locale, capaci di regalarti sensazioni sincere e memorabili.

Siamo andati a scovarne alcuni nel territorio di Pesaro e Urbino, dove il vino identitario per eccellenza è il delizioso Bianchello del Metauro: un bianco apparentemente dimesso, quando si presenta con quel suo pallore anonimo, poi però esce tutta la sua vena bucolica e ti conquista. Ha profumi insinuanti che lavorano lentamente e inesorabilmente, mentre l’acidità tiene vivo uno spettro aromatico di chiara personalità.

E’ il vino delle osterie, a volte un po’ buttato via dalla ristorazione locale, nel senso che viene presentato come vinello locale senza pretese: invece andrebbe annunciato in pompa magna, come vessillo dell’enogastronomia locale.

vini rari tipici pesaro urbino marche 002

Rimanendo in quest’area, la zona di produzione Fratterosa, sempre in provincia di Pesaro Urbino, custodisce uno di quelle alchimie vitivinicole naturali che hanno creato chicche da bere in giro per l’Italia, basti pensare all’Albarossa piemontese o al bergamasco Incrocio Terzi.

In questo caso invece parliamo dell’Incrocio Bruni 54, vitigno creato nel 1936 da Bruno Bruni, in forza al Ministero dell’Agricoltura negli anni dal 1930 al 1950: lo ottenne incrociando tramite impollinazione le varietà Sauvignon Blanc e Verdicchio. Ne parla appassionatamente la cantina Terracruda che proprio a Fratte Rosa lo coltiva e vinifica, così tutelandolo: “è poco diffuso ed esclusivamente nella regione Marche”, si legge sul suo sito, “nel corso degli anni questa uva stava quasi scomparendo, attraverso un progetto di ricerca abbiamo ritrovato alcune barbatelle, ripiantate in un piccolo appezzamento”.

La loro versione ha uno spettacolare ingresso in bocca, in un trionfo di mineralità intensa associata a una forte carica aromatica: dà sensazioni di sidro di mele, mentre l’acidità si impadronisce del sorso nel finale.

vini rari tipici pesaro urbino marche 003

Terracruda è un vero santuario della vitivinicoltura locale, come dimostra un’altra meritoria opera di tutela e valorizzazione, questa volta a favore di un altro vitigno sconosciuto, un biotipo autoctono di Aleatico anticamente chiamato Vernaccia di Pergola.

In bottiglia lo hanno chiamato Vettina ed è un tripudio di marasche e sottobosco, tutto convogliato da una titillante vivacità minerale che ne esalta le note abboccate, mentre al naso spiccano sentori vegetali e ricordi di composta di frutti rossi.

vini rari tipici pesaro urbino marche 004

Ancora Terracruda ci permette di chiudere questo viaggio in dolcezza, parlando di un’altra tipicità territoriale, come la Visciola, tecnicamente una “bevanda aromatizzata a base di vino e visciole”; nelle note della cantina si scopre che si tratta di “antica bevanda da dessert che risale al tempo di Federico da Montefeltro, Duca di Urbino”, nel XV secolo.

Le Visciole sono “una particolare varietà di ciliegie selvatiche autoctone tipiche che nascono spontaneamente nelle campagne del Montefeltro”. Il vino che se ne ricava è per palati che amano la dolcezza spinta e gli aromi potenti.

Viene prodotto ancora oggi da più aziende secondo la ricetta tradizionale.

vini rari tipici pesaro urbino marche 005

Se vi state chiedendo dove trovare questi prodotti, possiamo darvi un indirizzo sicuro: è la fornitissima bottega Sapori di Casa in corso Matteotti 26 a Fano.

Proprio lì, abbiamo chiesto al gestore Marco Gramolini di raccontarci davanti alla telecamera questi rari vini locali.

Info: Pagina Facebook “Sapori di Casa”

          www.torrefazionemontevecchio.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑