Google+

Ispica, splendore memorabile da scoprire nel ragusano

Pubblicato il: 7 novembre 2019 alle 3:00 pm

ispica splendore memorabile 1

Il giorno in cui il turismo di massa si accorgerà della bellezza abbagliante di Ispica, questa splendida città del ragusano diventerà tra le più visitate di tutta la Sicilia, come merita. Per adesso è comunque meta di un turismo d’élite, quello che alle località più scontate del territorio (Scicli, Ragusa, luoghi di Montalbano) preferisce il fascino di una città da scoprire, emozionante come poche.

ispica splendore memorabile 2

Già la sua storia è un forte abbrivio verso l’interesse collettivo, visto che, come si apprende dal sito del Comune, il nucleo principale della città “prima del terremoto del 1693 si sviluppava anche nella parte finale della Cava d’Ispica”, enorme serbatoio di storia ancestrale che affonda le radici nella preistoria e attraversa tutte le ere, donando vestigia con generosità.

L’area archeologica di Cava d’Ispica con il parco archeologico della Forza è considerato tra i poli turistici interessanti della città, insieme a “importanti opere tardobarocche e liberty” e alla vicinissima stupenda zona balneare di Santa Maria del Focallo, con una chilometrica spiaggia libera meravigliosa, ritenuta da molti la più accogliente di tutta l’Isola (www.storienogastronomiche.it).

ispica splendore memorabile 3

Il cuore del centro urbano non è meno ammaliante, con il suo “impianto settecentesco, con una maglia stradale a scacchiera e un’area di impianto medievale con tracciati viari irregolari”.

Tra i monumenti il vanto è il Palazzo Bruno di Belmonte, in corso Umberto: oggi sede municipale, è per il Comune “l’edificio liberty più importante della provincia di Ragusa”, ma il Touring Club è arrivato ad attribuirgli il primato regionale. Edificato a più riprese a partire dal 1906, su progetto dell’importantissimo architetto Ernesto Basile, è un imponente blocco a due piani “dinamicamente articolato mediante torri angolari, logge[…] e decorazioni in terracotta policroma”.

ispica splendore memorabile 4

I suoi spazi enormi lasciano a bocca aperta, non soltanto per i cospicui volumi, ma anche e soprattutto per la grazia architettonica espressa da ogni suo angolo.

ispica splendore memorabile 5

Grande l’attenzione per i particolari, come la scala d’accesso al primo piano, “un’inferriata in ferro battuto (1981-82) che riprende motivi decorativi floreali”, opera dei fabbri Giuseppe e Lino Donzella, simbolo di una tradizione artigiana che grande importanza ha avuto per il prestigio di Ispica.

ispica splendore memorabile 6

Da non perdere anche il giardino posteriore, sorta di orto didattico che crea ornamenti naturali con piante di agrumi.

ispica splendore memorabile 7

Con la guida di Benedetto Sessa, valentissimo dipendente del Comune ed esperto coltissimo della storia della città, abbiamo potuto apprezzare tanti particolari degli edifici ispicesi, caratterizzati, sempre come riporta il sito citato, dalla “presenza diffusa di elementi liberty”, tali da farti camminare a testa in su per scorgere “deliziosi dettagli scultorei” che affiorano nelle trame urbane, testimonianza “di una sapiente tradizione di capimastri e di scalpellini”.

ispica splendore memorabile 8

Quando poi si arriva alla Basilica Santa Maria Maggiore, si rimane senza fiato: la piazza antistante, “definita da un loggiato semicircolare, realizzato nella metà del sec. XVIII su progetto dell’architetto netino Vincenzo Sinatra”, con quel suo vortice visivo di perfetta sinuosità, sbalordisce per meraviglia, lasciandoti irretito come in preda alla sindrome di Stendhal.

ispica splendore memorabile 9

La chiesa brilla di grazia sia all’esterno…

ispica splendore memorabile 10

… che al suo interno, “un unicum in tutta l’area ragusana per l’organica fusione tra gli elementi architettonici, gli stucchi, le dorature e gli affreschi”.

ispica splendore memorabile 11

Tra gli edifici più importanti il Comune segnala l’Ex mercato risalente al 1932, con la sua architettura “sociale del regime fascista”, i pregevoli ambienti “distribuiti attorno a un loggiato con colonne”…

ispica splendore memorabile 12

… e una sala che ospita “opere dello scultore Salvo Monica, un artista ispicese contemporaneo”, le cui “opere si segnalano per le notevoli qualità disegnative e plastiche, in particolare le medaglie e i realistici ritratti giovanili”; le sue sculture sono disseminate in vari punti della città.

ispica splendore memorabile 13

Oggi l’edificio ospita la più importante meta gourmet di tutta la provincia ragusana, Il Mercato, struttura polivalente che a uno straordinario ristorante affianca una fornitissima bottega di eccellenze del territorio: è gestito da un grande chef emergente di cui si parlerà molto, Salvo Latino, di gran lunga più interessante degli stellati di Ragusa come la Locanda di Don Serafino o Il Duomo di Ciccio Sultano (www.storienogastronomiche.it).

ispica splendore memorabile 14

Del resto qui la gastronomia è una cosa seria, visto che l’economia della città “si basa soprattutto sull’agricoltura”: da sempre tra i maggiori centri di produzione delle carrube, si distingue anche per la rinascita dell’antico grano Russello e per la coltivazione della Carota Novella di Ispica, ma in generale tutto quello che proviene dalla terra ispicese è prezioso.

Tutti questi pregi rendono irrinunciabile visitare e conoscere Ispica, simbolo di un turismo non banale, nonché di buona gestione dei beni pubblici: abbiamo infatti trovato la città ordinata e molto pulita, tanto da potere essere indicata come esempio positivo, poiché incrementa l’accoglienza verso i viaggiatori.

In attesa che possiate scoprirla di persona, ecco le immagini suggestive che abbiamo raccolto durante la nostra visita.

Info: www.comune.ispica.rg.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑