Google+

La ciclabile da Sesto Calende a Pavia

Pubblicato il: 15 settembre 2015 alle 10:00 am

La ciclabile Sesto Calende-Pavia si snoda principalmente lungo i percorsi dei canali, Naviglio Grande e Pavese (www.vieverditicino.it).

Non bisogna spaventarsi dei chilometri proposti, oltre un centinaio circa: è da vivere come una piacevole gita, adatta anche alle famiglie. Basta dimenticare l’orologio e non avere l’animo dei cronometristi:  prendetevi una giornata comoda, perché numerose sono le soste che servono per ammirare e contemplare i panorami che questi luoghi offrono (www.vareselandoftourism.com).

Un itinerario perfetto quindi per chi la bicicletta la usa soltanto per svagarsi. Una lunga serie di costruzioni stile Liberty, case curiose, luoghi storici, aree industriali.

Un saliscendi di visioni contrastanti: incontrerete la centrale elettrica di Turbigo e poi giardini lussureggianti, quindi ancora opere per le manovre idrauliche (le chiuse di Leonardo  progettate  per superare i salti di quota) che si alternano a oasi faunistiche, in cui non è raro osservare Aironi Bianchi, Gallinelle d’Acqua, Germani Reali e Folaghe. Ci si imbatte anche in ville storiche, come la famosa Villa Gaia a Robecco sul Naviglio. Senza contare numerose aree di sosta, trattorie e agriturismi.

La contemplazione è d’obbligo e una macchina fotografica non dovrebbe mancare nello zaino.

Per raggiungere Sesto Calende con la bici al seguito, il treno è il mezzo migliore: la stazione ferroviaria di Pavia è il punto di riferimento.

Per ultimo, non dimenticate di portare con voi la curiosità di scoprire luoghi  che si celano alla vista delle grandi città, capaci di deliziare occhi e corpo, volendo anche la pancia, il tutto con armonia, svolgendo una delle attività più ecologiche e salutari, andare in bicicletta.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , ,



L'autore

Luigi Sculco

Nato nel 1966, ha conseguito il Brevetto di paracadutista nel 1985, è Socio CAI (Club Alpino Italiano) dal 1990, alpinista dal 1992 e nel ’96 ha seguito il Corso di alpinismo avanzato. Appassionato da sempre di Fotografia, Cultura, Teatro e tanta voglia di sognare.


Back to Top ↑