Google+

La cucina dell’Ecuador, da scoprire al Latinfiexpo di Malpensafiere (VA)

Pubblicato il: 18 luglio 2017 alle 7:00 am

Prosegue con grande successo di pubblico la nuova edizione del Latinfiexpo al Mapensafiere di Busto Arsizio (Varese), presentando interessanti novità culinarie, come Galapagos, ristorante di cucina ecuadoriana tipica gestito con grande personalità da Danilo Torres, figura emergente della gastronomia etnica milanese.

Vieni accolto da fettine di banana fritta, accompagnate con salse speziate di spiccata acidità, appetizer a finger food decisamente efficaci.

Seguono le pietanze della tradizione.

Humita è un piatto antichissimo, testimone della cultura dei popoli indigeni latinoamericani: è un cremoso involtino di mais speziato che amplifica il sapore del cereale, ma a essere strepitosa è la crema al formaggio in cui intingerlo.

Encebollado è il piatto nazionale ecuadoregno, una saporitissima zuppa di pesce ricchissima di tranci di ottimo tonno, dalle carni sode che galleggiano tra cipolle e yuca (manioca), molto stuzzicante col suo carattere ardente.

Yuca da provare anche in formato chips, croccante, ben salata e ghiottissima.

Per avere un quadro vario della cucina del locale, è consigliabile il monumentale Plato Galapagos Imperial che a soli 24 Euro offre ben sette portate, con materie prime freschissime: mette insieme il Pastelito de Mariscos, spumoso sformato con i gamberetti, protagonista anche dell’insalata a crudo Salpicado de Mariscos; un granchio intero che sa ancora di mare; eccezionale la Corvina empanada, pesce che ricorda la Cernia, esaltato dalla frittura; anche i Patacones (platano affettato) sono fritti e golosi.

Da provare la loro variante del Ceviche misto, con gamberi e polipo, più equilibrato nell’acidità e più generoso di cipolle, la cui differenza sta nelle presenza di un brodetto freddo.

Un viaggio nella tradizione rivisitata della cucina dell’Ecuador, una fantasmagoria di delizie per il palato ma anche per lo sguardo, come testimonia il video che segue.

Imprescindibile accompagnare tutto il pasto con la pazzesca versione ecuadoriana della Birra Michellada, specialità originaria del Messico ma diffusa in parte del Sud America che prevede di cospargere il bordo superiore del bicchiere di peperoncino, in maniera tale da rendere ben piccante ogni sorso, nella convinzione che in questo modo venga esorcizzato l’effetto ubriacante dell’alcol: spiazzante nel suo tenere insieme il maltato con il dolce e il piccante, grazie all’apporto di lime e sale.

Per chiudere il pasto, perfetto il sorbetto di Maracuja.

Grande esperienza di cultura gastronomica che vale decisamente il viaggio, anche grazie alla competenza del personale e all’ottima mano dei cuochi.

A illustrarci questa cucina è Danilo Torres, nel video che segue.

Info: www.latinfiexpo.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑