Google+

La Loggia e La Barchessa Rambaldi a Bardolino, ristoro con vista lago

Pubblicato il: 10 settembre 2019 alle 7:00 am

Basterebbe già la vista sul lago di Garda che si può godere dal dehor a renderlo una meta interessante, ma il ristorante La Loggia e La Barchessa Rambaldi in Piazza Principe Amedeo 7 a Bardolino (VR) conquista anche con la sua cucina concreta, contrappuntata da materie prime del territorio.

E’ così che ci si conquista uno spazio rilevante nell’affollata proposta gastronomica di quest’area del Garda veronese baciata dal successo turistico.

Certamente il locale viene avvantaggiato nel fascino dalla struttura cinquecentesca che lo ospita, il Palazzo di Girolamo Rambaldi descritto in un atto del 1563 come “una casa murata, coppata e solarata, con corte ed orto in vista del lago”, di cui il ristorante occupa il belvedere.

Tra le varie location dell’edificio, abbiamo potuto beneficiare di quella più suggestiva, la veranda fronte lago con ottanta coperti.

La cura riscontrata nel servizio e nella qualità dei piatti la attribuiamo anche alla conduzione familiare del ristorante, gestito dal 2009 dalla famiglia Pietralunga, la quale ha certamente centrato l’obiettivo di ricreare “in un ambiente elegante e dal fascino storico un locale esclusivo, dove gli ospiti sono accolti con simpatia e cordialità.”

Sul piano culinario, il locale propone “un menu ricco e variegato con primi e secondi di carne e di pesce, abbinati a prodotti locali che puntano a valorizzare il territorio”, tra cui “il filetto di manzo all’Amarone della Valpolicella, ad esempio, o le trenette al pesto con olio del Garda D.O.P.”, in quanto “esempi di una cucina regionale rivisitata in chiave moderna”.

Si inizia plaudendo all’eleganza di un dettaglio come servire il pane nell’astuccio in legno di una bottiglia di vino, senza che ciò distolga dalla buona qualità dei prodotti da forno portati in tavola.

Visto che ci troviamo in una zona vocata per la coltivazione dell’ulivo, non si può resistere alla tentazione di provare su una buona fetta di pane lo stuzzicante olio extravergine di oliva dell’Olearia del Garda che ha sede proprio a Bardolino, anche se la versione adottata dal ristorante è una “selezione dei migliori oli provenienti dalle più importanti zone di produzione europee” (https://oleariadelgarda.com/prodotti/olio-extravergine-di-oliva/).

Per il pasto, ci siamo fatti attrarre, ovviamente, dal pesce di lago, protagonista di due primi piatti.

Come quello “consigliato dallo chef”, gli intensi Ravioli di pasta fresca con ripieno al Lavarello e Tartufo del Baldo, in cui la componente ittica si incontra felicemente con quella ipogea, creando un’apprezzata complessità sensoriale.

Ma il piatto identitario per eccellenza sono i Bigoli di pasta fresca con Sarde di lago, pietanza sostanziosa, molto generosa con la sua notevole quantità di ottimo pesce, ricchissima di sapore.

Memorabile.

 

Allettante la carta dei dolci, in cui si segnala la Millefoglie Strachin Perbellini, golosa ricetta d’autore che lascia decisamente il segno.

Inutile dire che il vino con cui accompagnare il pasto qui è necessariamente quello che porta il nome della stessa località, quindi il Bardolino, in tutte le sue declinazioni, dal Chiaretto Spumante Fior di Rosa a quello fermo, passando per il Classico.

Molto intelligente la scelta di servire tanti vini al calice, dando così la possibilità al cliente di provare più referenze.

Un’esperienza perfetta da associare alla bellezza suadente della località in cui si trova il locale.

Nel video che segue, immagini di piatti e ambiente trovati al ristorante La Loggia e La Barchessa Rambaldi.

Info: https://www.laloggiarambaldi.it/?utm_source=tripadvisor&utm_medium=referral

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑