Google+

La vera Dorona di Venezia: vino contadino, non per soli ricchi

Pubblicato il: 15 gennaio 2016 alle 4:00 pm

vino dorona venezia 1

C’è chi ne ha voluto fare una roba di lusso, destinata ai ristoranti stellati e agli straricchi, escludendo quindi dal poterne godere le persone normali che davvero amano l’essenza del vino. Ci è stato raccontato che fosse un vino molto amato dai Dogi, per giustificare l’elevatissimo prezzo di una produzione elitaria che l’ha portata agli onori della cronaca.

Non a caso nel marzo del 2012 ne dà notizia un sito chiamato Luxgallery.it che si occupa di beni di lusso: ““il Venissa – spiega Gianluca Bisol, dell’Azienda Agricola Bisol – è uno dei più costosi, se non il più costoso, vino bianco al mondo, il prezzo supera le 300 euro per la bottiglia da mezzo litro” (www.luxgallery.it).

vino dorona venezia new

Prezzi poi schizzati ulteriormente alle stelle quando è stata creata dalla stessa azienda un contenitore per questo vino in vetro di Murano in cui una “foglia d’oro viene fusa nel vetro e ogni bottiglia viene numerata a mano incidendo il numero sul vetro” (venissa.it). Sorvolando sul buon gusto o meno dell’operazione, sulla quale diverse sono state le perplessità, come un post firmato Esperio sul sito di Intravino che osserva “la pacchianaggine della bottiglia laminata oro è una trovata che si sarebbe potuta evitare, abbassandone cosi il prezzo” (www.intravino.com), occorre chiedersi se davvero questo vino meriti di diventare un liquido per milionari, quasi un mero riempitivo di bottiglie pregiate, o se invece non sia altro.

Invece la Dorona è ricordata dagli abitanti della laguna veneziana come un vino semplice e casalingo, senza i fronzoli e i prezzi esorbitanti dei grossi commercianti del vino.

I potentati economici del vino con il loro storytelling per facoltosi non hanno riportato la reale storia di questo vitigno autoctono veneziano, ovvero il suo recupero dovuto esclusivamente a un eroico contadino, Vio Gastone.vino dorona venezia 2

Approfondendo la ricerca ecco però emergere la verità, grazie per esempio a un articolo del quotidiano La Nuova di Venezia e Mestre, su cui l’11 ottobre 2014 si legge: “dal 2002 a Sant’Erasmo Dariella e Gastone Vio in collaborazione con l’Università di Berlino hanno dato avvio alla coltivazione sperimentale a piede franco recuperando l’uva dorona, antico vitigno lagunare” (ricerca.gelocal.it).

vino dorona venezia 3

La rivista digitale Intravino a sua volta nel gennaio 2015 ha parlato del “ruolo fondamentale e forse un po’ taciuto dalla famiglia Bisol di Vio Gastone, l’unico  coltivatore le cui viti siano sopravvissute all’alluvione del 1966: è l’uomo dal quale sono ripartiti tutti per ripiantare dopo quel disastro” (www.intravino.com).

vino dorona venezia 4

E ancora, sul sito della Confederazione Italiana Agricoltori – Sezione di Treviso si legge della “ Dorona   di   Gastone   Vio   (storico produttore che ha le viti più vecchie del territorio)” (www.ciatreviso.it).

vino dorona venezia 5

Tante altre le testimonianze che potete trovare on line, ma se volete ascoltare dal vivo la vera storia della Dorona, allora raggiungete l’Enoiteca Mascareta in Calle Lunga Santa Maria Formosa 5183 a Venezia: lì troverete Mauro Lorenzon, oste e agit prop della cultura enogastronomica italiana, il quale sta sostenendo con tutte le sue forze il lavoro coraggioso di Vio Gastone, partecipando alla produzione della vera Dorona ancestrale.

vino dorona venezia 6

Ovvero un vino rustico, un bianco vinificato come un rosso, come si usava una volta nella tradizione: quindi lungo contatto con le bucce e un’ossidazione finale che lo assimila ai vini arancioni.

vino dorona venezia 7

Un vino non facile, dunque, ben distante dalle bevande enoiche somministrate all’upper class: per bere e apprezzare questa Dorona, bisogna amare profondamente il vino come patrimonio culturale dell’Uomo e non quale privilegio per pochi in cui viene ridotto a status symbol.

Per godere di questa sincera versione contadina della Dorona, non bisogna avere un 740 da nababbo o fare un mutuo: all’Enoiteca Mascareta di Venezia la si può acquistare per soli 10 Euro! Un prezzo incredibilmente abbordabile che rappresenta il vero spirito del vino, quello di un’esperienza popolare e democratica, quindi accessibile a chiunque.

In attesa che possiate provarla alla Mascareta, ascoltate come Lorenzon parla di questa versione arcaica della Dorona, vera anima vitivinicola di Venezia.

Di questa meraviglia agricola, ben lontana dai vacui luccichii dorati dell’alta finanza enoica, parla la più importante istituzione culturale privata del vino italiano, Proposta Vini, la quale all’attività di distribuzione di nettari associa un’intensa azione umanistica (www.propostavini.com).

vino dorona venezia 8

Nel suo Catalogo Vini Isole Minori si possono trovare due pagine dedicate a Sant’Erasmo (la 42 e la 43, da cui sono tratte molte delle immagini di questo articolo), l’isola lagunare veneziana in cui Vio Gastone coltiva vitigni rari come Bianchetta, Rabosa e appunto la Dorona (www.propostavini.com).

vino dorona venezia 9

Fotografato anche con la moglie Dariella, i due coniugi vergano a piè di pagina l’autentico senso del vino che fa giustizia delle operazioni commerciali: “coltivare la Dorona è stata per noi un’esigenza vitale e scherzandoci ci dicevamo che dovevamo farlo perché c’era questa laguna da colmare…”.

 

Info: www.ostemaurolorenzon.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑