Google+

L’aeroporto di Atene, allestito come una mostra d’arte contemporanea

Pubblicato il: 11 marzo 2020 alle 7:00 am

Quando arrivi all’aeroporto di Atene rimani subito impressionato dalla sua efficienza, infatti non ci sono file interminabili in nessun settore ed è assente il caos, perché la sua organizzazione è prodigiosa, dalle indicazioni chiarissime a un perfetto sistema di smistamento dei viaggiatori che rende quasi immediati tutti i passaggi, dal check in ai controlli: ma non fai in tempo a elogiare la perfezione di tale sistema che ti ritrovi ad ammirare gli ambienti della struttura, i quali ti fanno sentire immerso nella medesima atmosfera di un museo o di una mostra d’arte.

Merito di architetture e arredi pensati proprio per dialogare con il viaggiatore, il quale tra pareti parlanti e colonne visive si trova trasformato in visitatore.

Le pareti parlano attraverso un’infografica asciutta e stilizzata dal segno immediatamente intuitivo, la quale avrebbe una funzionalità legata all’informazione del viaggiatore ma finisce con l’ammaliare alla stregua di alcune intuizioni della pop art.

Molto efficaci e al tempo stesso attraenti i simboli inseriti nell’infografica,  il cui tratto è tanto elementare quanto evocativo, perché sembra richiamare idealmente la primigenia tecnica di comunicazione delle pitture rupestri.

Nelle colonne invece sono inseriti dei monitor in ciascuno dei quali appare una persona diversa intenta a parlare all’osservatore guardandolo idealmente dritto negli occhi, in questo caso adottando uno stilema mutuato dalla videoarte.

L’effetto creativo di tale combinazione si esalta quando ci si lascia trasportare dal tappeto mobile, diventando una vera esposizione d’arte concettuale, in più vissuta quasi come fosse una carrellata cinematografica effettuata in tempo reale.

L’effetto è ipnotico e irretisce lo sguardo, come potete verificare nel filmato qui sotto.

L’aeroporto Eleftherios Venizelos di Atene diventa così una ragione in più da aggiungere a quelle già infinite per raggiungere la capitale della Grecia.

Non è un caso che ben tre volte negli scorsi anni è stato giudicato migliore aeroporto dell’Europa meridionale, primato tributato dal World Airline Awards assegnato dalla società Skytrax specializzata proprio nella classificazione degli aeroporti e degli operatori delle aerostazioni.

L’attenzione al dato espositivo da noi notata viene confermata dal sito ufficiale dell’Eleftherios Venizelos, in cui si legge che “arte e cultura fanno parte della filosofia di AIA, con l’obiettivo di preservare ed evidenziare il ricco patrimonio culturale della Grecia”, tanto che “ogni anno l’aeroporto internazionale di Atene collabora con istituzioni greche e internazionali per organizzare una serie di mostre e attività culturali”.

E’ dunque dichiarata l’ambizione dell’aeroporto internazionale di Atene “di trasformare il soggiorno dei visitatori all’aeroporto in un’esperienza vivace e di offrire uno spazio alternativo in cui possono svolgersi eventi culturali di Atene”.

 

Info: https://www.aia.gr/traveler/

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑