Google+

Le migliori tavole dell’Insubria, tra Lombardia, Piemonte e Svizzera

Pubblicato il: 12 gennaio 2019 alle 3:00 pm

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 1

L’Insubria è una macroregione ideale che non esiste nella toponomastica bensì nella Storia, quella di genti mobili del Nord Italia che con il loro moto collettivo tracciavano percorsi e componevano collegamenti.

Il collegamento con il passato è dato dal suo nome ispirato agli Insubri, “antica popolazione che si stanziò tra i laghi prealpini a nord del fiume Po agli inizi del IV secolo a.C. e fino al II secolo a.C., quando vennero assoggettati ai Romani”.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 2

Il riferimento ai tempi odierni è datato 1995, quando si decise che con il termine Regione Insubrica “ci si riferisce alla comunità di lavoro transfrontaliera istituita per facilitare i rapporti economici e lavorativi tra il Canton Ticino e le province italiane con cui confina e con cui ha molte affinità linguistiche, culturali e storiche: Verbano-Cusio-Ossola, Novara, Varese, Como, Lecco”.

A sancire la rilevanza culturale di questo territorio storico, è la presenza dell’Università degli Studi dell’Insubria, uno degli atenei più seri e prestigiosi d’Italia, il quale, non a caso, ha due sedi, una a Varese e un’altra a Como, confermando quindi il legame tra le aree riconducibili alla regione insubrica.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 3

Nel telaio del tempo in divenire, vari fili hanno tessuto questo legame: quello enogastronomico è uno dei più potenti e tangibili.

Ci sono piatti e vitigni che segnano con la loro presenza la contiguità delle tradizioni alimentari di questi territori.

Per questo ci appare importante una recente pubblicazione che parla proprio di Insubria di Gusto. L’eccellenza della tavola insubrica, data alle stampa dall’Editoriale Giorgio Mondadori, gruppo Cairo.

Una guida essenziale non soltanto ai sapori ma anche alle bellezze dei territori toccati. Dopo un’introduzione sui luoghi da visitare in ogni città di rilievo, iniziano delle stringate schede sui ristoranti ritenuti più interessanti: una pagina, quindici righe circa, con traduzione in inglese a fianco.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 4

Ecco le tavole scelte.

Nella zona di Como, Da Candida a Campione d’Italia, la Trattoria del Vapore a Cernobbio, La Veranda a Moltrasio, Tarantola ad Appiano Gentile, Tenuta dell’Annunziata a Uggiate Trevano, The Market Place a Como.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 5

A Varese, Acquerello a Fagnano Olona, Al Gallione a Bodio Lomnago, Al Vecchio Convento a Varese Bizzozzero, Al Vecchio Faggio a Cuasso al Monte, Da Annetta a Varese, Osteria degli Angeli a Malnate, 2 Lanterne a Induno Olona, Ilario Vinciguerra Restaurant a Gallarate, Luce di nuovo a Varese, Madonnina a Cantello, Ma.Ri.Na. a Olgiate Olona, MoMa a Sesto Calende, Montelago a Ternate, Sole di Ranco a Ranco, Tana d’Orso nel Borgo di Mustonate.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 6

(Tana d’Orso nel Borgo di Mustonate)

A Novara, Le Fief di Oleggio Castello, Pinocchio di Borgomanero, Hotel San Rocco di Orta San Giulio, Tiro a segno ancora a Borgomanero.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 7

(Le Fief di Oleggio Castello)

Nel Verbano-Cusio-Ossola, Barabba a Casale Corte Cerro, Divin Porcello e Ristorante Vigezzina a Masera, Edelweiss e Locanda del Sasso a Crodo, Il Clandestino a Stresa, La Meridiana e La Stella a Domodossola, Piccolo Lago a Verbania.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 8

Nel Canton Ticino, Atenaeo del Vino a Mendrisio, Castelgrande a Bellinzona, Crotto dei Tigli a Balerna, da Rodolfo a Vira Gambarogno, Grotto Serta a Lamone, La Belle Epoque a Minusio, Lago a Vico Morcote, La Sorgente sempre a Vico Morcote, Orico a Bellinzona, Motto del Gallo a Taverne, Osteria del Centenario a Muralto, mentre per Lugano ci sono Al Faro, Antica Osteria del Porto, Fresco, Il Salumaio di Montenapoleone, Olimpia, Sass Café.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 9

Nella provincia di Lecco, Villa Calchi a Calco, Nicolin a Lecco, Pierino Penati a Viganò Brianza.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 10

(Pierino Penati a Viganò Brianza)

Per ogni provincia, vengono riportate alcune ricette tipiche. Per Como, i Misultit, la Filascetta, Tucc e Regell, Risotto al pesce persico. Per Lecco, la Cuncia, l’Agnello alla valsassinese, la Cutizza e la Rüsümada. Per Novara, la Paniscia, il Tapulone e le rane alla novarese. Per il Ticino, la busecca ticinese e il pesce in carpione. Per Varese, lavarello carpionato, Polenta Cumedada. Per il Verbano-Cusio-Ossola, Gnocchi all’ossolana, Lausciera.

Alcuni cenni anche sui prodotti tipici dei vari territori. A Como formaggi meravigliosi e antichi come lo Zincarlin e il Semuda, insieme a Pan Mataloc, Baschin e Masigott. A Lecco, Fiorone, Scapinasc, Patata Bianca di Esino, Chiavadini, Miascia e Paradell. A Novara, il Gorgonzola, il Salamin d’la duja, la Fideghina, Riso Balilla, Pane di San Gaudenzio, Baci di Fara e il Ghemme, strepitoso vino che mette insieme vitigni come il Nebbiolo locale (chiamato Spanna), la Vespolina e l’Uva Rara. Nel Ticino, Spampezia, il Merlot, poi un’altra versione dello Zincarlin e l’identitaria Farina bóna. A Varese, gli Asparagi di Cantello, i Caprini freschi della Valcuvia, i Brutti e Buoni di Gavirate, il Dolce Varese, la birra Poretti. Nel Verbano-Cusio-Ossola, Bettelmatt, Fugascine, Tarlàp, Prünent,

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 11

Un volume utile, anche se con qualche lacuna.

Colpisce la mancanza di un approfondimento sul vero piatto identitario dell’Insubria, quello che più unisce i vari territori: la Rostisciada, o Rustisciada, o Rustisciana, un piatto che cambia nome man mano che ci si sposta dal lecchese al varesotto, attraversando proprio l’Insubria. Viene inserito come Rustida quale ricetta tipica di Oleggio, ma a Busto Arsizio hanno fior di documenti che dimostrano come una ricetta simile negli ingredienti e nel nome sia profondamente legata al loro territorio.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 12

Analogo il discorso per un’altra assenza che stupisce, il Pan Tramvai o Pan Tranvai, denominazione che anche in questo caso muta a seconda di dove ci si trovi, tra le provincie che se ne contendono la paternità: in primo luogo Varese, cui aggiungere il milanese e la Brianza, aree che secondo alcune interpretazioni potrebbero essere anch’esse annesse all’Insubria.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 13

Di nuovo Busto Arsizio è vittima nel volume della più incredibile dimenticanza, i brüscitt: si tratta di una ricetta famosissima, impossibile da non conoscere sia per un semplice appassionato di cucina ma soprattutto per chi scrive di gastronomia, senza considerare che perfino i più seguiti programmi televisivi nazionali hanno raccontato tale preparazione. I brüscitt sono tra le ricette più importanti della cucina italiana, anche per il valore antropologico, essendo simbolo della cultura contadina, con tanto di Magistero che ne tutela la ricetta originaria: un simbolo assoluto delle tavole della provincia di Varese, impossibile da ignorare.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 14

Da sottolineare anche l’omissione dell’unico vino da vitigno realmente autoctono del Ticino, la Bondola: oggi in declino, certamente, ma fondamentale se si vuole raccontare la vitivinicoltura ancestrale della Svizzera italiana. E poi, se si cita il Merlot ticinese, bisogna anche parlare del Nostrano, la versione declassata che però da tradizione si serve dei crotti.

A tutto questo vanno aggiunti i distillati di Uva americana, delizia che da sempre contraddistingue la cultura del bere ticinese. Anche in questo caso, nell’ambito enoico, sarebbe stato utile e suggestivo un riferimento all’importanza del Merlot nel comasco, visti i punti di contatto con l’enologia ticinese.

migliori tavole lombardia piemonte svizzera 15

Capiamo che possano mancare i piatti antichi più difficili da trovare, ma per quelli appena citati stiamo parlando di evidenze impossibili da trascurare.

Pur sapendo che ci sarebbe molto di più di cui parlare, il volume rappresenta comunque un buon punto di partenza per approcciarsi ai sapori dell’Insubria.

 

Info: www.cairoeditore.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑