Google+

A Milano, il maialino di Wicky a casa tua

Pubblicato il: 29 ottobre 2018 alle 3:00 pm

Wicky Priyan è ambasciatore culturale del Giappone a Milano, nella sua contaminazione con i migliori ingredienti mediterranei, dopo decenni di lavoro e studio della tradizione Kaiseki a Kyoto e della tecnica di Sushi Kan a Tokyo.

Hiroshi Sakurai che ha inventato nel 1990 il sake da degustazione più famoso e apprezzato nel mondo, non poteva scegliere chef e posto migliore per presentare le tre bottiglie top della sua produzione, il Dassai 50, il Dassai 39 e il Dassai 23 (l’ultimo nato è il Dassai Beyond).

Wicky, miglior ristorante world italiano per tutte le guide, lo abbina “a piatti iconici come il Sushi Kan e il Wikakuni, il maialino dei samurai, lessato per sedici ore secondo un’antica tecnica della cucina Kyo Kaiseki”. Per la serata evento ha proposto i suoi crudi marinati, la polpetta di ossobuco, il Kyoto Burger e altre novità. Nell’occasione ha proposto in anteprima un progetto a cui sta lavorando da tempo: la versione sottovuoto del suo famoso maialino, che, conservato in foglie particolari per settimane, sfamava i samurai erranti.

Il Wikakuni sottovuoto viene venduto da Wicky’s Cuisine in corso Italia 6 e alla Macelleria Masseroni a Porta Genova.

La confezione, 175 grammi in porzione da due, del maialino brasato va portata in seconda cottura per 10 minuti in acqua bollente.

Conserva il gusto e le proprietà nutritive, pelle croccante, grasso fondente, morbidissima carne dalla sapidità orientale (nella salsa ridotta di cottura salsa di soia, distillato d’orzo, zucchero, pepe, zenzero, aglio, peperoncino). Spettacolare e ti porta subito a sazietà (723 Kcal per 175 grammi, 413 per etto).

Info: https://wicuisine.it/    

 

 

Tratto dal quotidiano Il Giorno del 13 maggio 2018

 

MARCO MANGIAROTTI

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , ,



L'autore

Marco Mangiarotti

E’ nato a Bergamo nel 1948. Ha iniziato come critico musicale e jazz nel 1969 al Giornale di Bergamo. Ha collaborato alla direzione artistica di Lovere Jazz e Imola Jazz, ai supplementi del Corriere della Sera, Musica Jazz, all'Europeo e al Panorama di Rinaldi. Al Giorno dal 1977, dove ha fatto tutta la trafila da critico musicale e tv a capo degli Spettacoli, inviato. Poi capo di Cultura e Spettacoli del Qn Giorno-Carlino-Nazione, caporedattore centrale, vicedirettore al Giorno, direttore di Onda Tv. Fa televisione dagli inizi degli anni Ottanta, commentatore e giudice nei Talent. Oggi è una delle firme di Qn Il Giorno. Il percorso gourmet inizia al mitico Riccione di Giuliano Metalli e con Gualtiero Marchesi nel ristorante 3 stelle di Porta Romana, cenacolo culturale nel dopo redazione o teatro. Sul campo, nel confronto con i più importanti chef italiani, l'amicizia con Paolo Masieri, il cuoco contadino, e Davide Oldani. Ha fatto servizi in Italia e all'estero per Traveller. Cura la pagina food sul Giorno.


Back to Top ↑