Google+

Il Museo Kartell a Noviglio (Mi), il design nella nostra storia

Pubblicato il: 12 dicembre 2018 alle 3:00 pm


Museo Kartell a Noviglio 1

Un’esposizione di design che diventa una storia collettiva dell’Italia del secondo Novecento e anche delle nostre vicende quotidiane.

Museo Kartell a Noviglio 2

E’ la sorprendente impostazione del Museo Kartell a Noviglio, nel milanese. Merito di un allestimento estremamente intelligente quanto efficace che per sottrazione disegna in chiave cronologica l’evoluzione estetica e tecnologica dei prodotti Kartell, mettendola in parallelo con lo sviluppo del Paese ma anche con le storie private di tutti noi.

Museo Kartell a Noviglio 3

Avviene grazie alla suddivisione degli ambienti espositivi per decenni che dà ordinato criterio al tumultuoso succedersi di oggetti e al dedalo di percorsi interni, mentre si passa da un piano all’altro, in tutti i sensi.

Museo Kartell a Noviglio 4

Chiunque così può rendersi conto di quanto esperti e studiosi ripetono da tempo, ovvero che il design non è mero capriccio per edotti, bensì parte integrante della storia personale di ciascuno di noi.

Museo Kartell a Noviglio 5

Perché non c’è nessuno che non abbia posseduto o almeno incrociato, visto, toccato vissuto anche per un istante uno dei tanti oggetti prodotti dalla Kartell…

Museo Kartell a Noviglio 6

… dai più cerebrali per vellicare i cultori degli spazi artistici a quelli di aggraziata praticità quotidiana.

Museo Kartell a Noviglio 7

A ogni mutamento del comune sentire delle forme, l’azienda ha risposto interpretandolo quando non anticipandolo, unendo voli sinusoidali della fantasia all’estrema praticità, come con la semplice geniale invenzione degli oggetti impilabili.

Museo Kartell a Noviglio 8

Il sito di Museimpresa descrive il Museo Kartell come custode e narratore “di uno dei più affascinanti capitoli della storia del design italiano, quello di una realtà unica, artefice del connubio tra plastica e design, animata dal costante impegno rivolto alla sfida tecnologica, elemento caratterizzante tutti gli oggetti esposti”.

Museo Kartell a Noviglio 9

A fondarlo nel 1999 è stato il presidente dell’azienda, Claudio Luti, per celebrare il primo mezzo secolo di attività della Kartell. Significativa la sua collocazione all’interno dello stabilimento Kartell, a simboleggiare orgoglio aziendale e ricerca di empatia con il pubblico.

Museo Kartell a Noviglio 10

I numeri del museo parlando di ottomila oggetti, cinquemila disegni e quindicimila fotografie, per restituire “un quadro preciso dell’evolversi della storia di Kartell e della sua produzione, dei materiali plastici adottati, delle tecnologie produttive nonché delle strategie di comunicazione e distribuzione impiegate nel corso dei 65 anni di attività dell’azienda”.

Museo Kartell a Noviglio 11

Spiccano “gli autoaccessori, i casalinghi, le lampade, gli articoli per laboratorio, mobili e complementi d’arredo che hanno contribuito al cambiamento del paesaggio domestico e che sono entrati nella nostra quotidianità come oggetti iconici del design italiano”.

Museo Kartell a Noviglio 12

Nobile il dichiarato proposito di Claudio Luti, presidente anche della Fondazione Museo Kartell, “di diffondere presso il pubblico la conoscenza del design industriale e dei processi estetici e produttivi a esso collegati”…

Museo Kartell a Noviglio 13

… manifestando l’intento di approfondire “i legami esistenti tra le materie e le forme di oggetti di uso quotidiano che costituiscono una testimonianza significativa della civiltà umana e dell’ambiente in cui essa si è sviluppata, in un contesto di riscoperta e promozione della valenza culturale del prodotto industriale”.

Museo Kartell a Noviglio 14

A raccontarci il Museo Kartell davanti alla telecamera è la sua curatrice, Elisa Storace.

Info: www.kartell.com, www.museimpresa.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑