Google+

Nderr La’Lanz a Bari, per mangiare il pesce crudo per strada, vista mare

Pubblicato il: 27 giugno 2017 alle 7:00 am

E’ il vero simbolo culturale di Bari, il suo luogo più magico, commovente, appagante, identitario, pur nella sua estrema semplicità: è Nderr La’Lanz, il piccolo molo dove si può mangiare crudo il pesce locale freschissimo, gustandolo direttamente lì, mentre si osserva da una parte il profilo della costa bagnata dal mare, mentre dall’altro si erge il bellissimo skyline del capoluogo pugliese.

Si trova nel Molo San Nicola, sul Lungomare Araldo di Crollalanza: facile da raggiungere, con comodissimi spazi per parcheggiare a pagamento, eppure ancora non frequentato quanto meriterebbe, quindi assolutamente da scoprire.

Perché non stiamo parlando di una vera e propria pescheria, bensì di un tempio all’aperto della gastronomia e del genius loci, tranquillo e carico di umanità, in cui una manciata di pescatori ti offrono le delizie del mare.

C’è chi si è ben organizzato, facendo trovare piattini già preparati con tutto il campionario dell’offerta ittica pronta al consumo, in particolar modo molluschi e frutti di mare, con la sola aggiunta di pane e limone.

Impressionante la bontà del polipo piccolo e tendente al candido: di sublime croccantezza i tentacoli che a ogni morso rilasciano l’emozione del mare.

Incredibili gli allievi, le seppioline che custodiscono all’interno il loro liquido dal tono dolce-amaro che si mischia magnificamente con la sapidità marina.

Cozze imperdibili, con la loro freschezza assoluta.

Quindi i meravigliosi ricci, la cui polpa viene raccolta intingendovi il pane.

Si mangia poggiati su banchi in muratura in disuso tipici da pescheria, usando piatti di plastica.

Una genuinità disarmante che si traduce in fascino.

In città c’è chi la definisce la colazione dei baresi, anche perché sullo stesso molo c’è un baretto dove poter prendere qualcosa da bere, anche se la tradizione locale pretende che per accompagnare il pesce si attinga a una bevanda sola, la birra Peroni, il cui successo “è iniziato da qui”, sentenzia Nicola, uno dei pescatori.

E’ proprio a Nicola che abbiamo chiesto di raccontarci Nderr La’Lanz.

Nderr La’Lanz è erroneamente percepito come angolo folcloristico e banalizzato con il giudizio di pittoresco, mentre si tratta di pregiato elemento antropologico che esprime l’anima più profonda e sincera di una comunità.

Un luogo unico al mondo che vale il viaggio. Eppure non tutti i baresi sembrano conoscerlo a fondo, mentre ancor meno viene indicato ai turisti come posto imprescindibile da visitare.

Ma è impossibile capire Bari senza avere vissuto l’incanto di vivere anche brevemente Nderr La’Lanz.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑