Google+

Nell’uovo Domori c’è il Criollo, il cacao più nobile, antico e raro

Pubblicato il: 4 aprile 2015 alle 10:00 am

uovo domori 1

Il primo Nero al 75 per cento dell’azienda di None.

L’uovo criollo di Gianluca. Franzoni, il manager gourmet che inventato Domori, entrata poi con lui nel gruppo Illy. La curiosità informata lo ha portato a Torino per capire i segreti dei grandi maestri chocolatier piemontesi, la ricerca della materia prima in giro per il mondo. Cercando fra i sedicimila ibridi un cultivar e un terroir, seguendo le sue competenze di oli e vini.

Fino a scoprire in Venezuela, in una antica piantagione di italiani, nella foresta, le piante di Criollo, il cacao degli Aztechi. E che è il genoma a fare la differenza.

uovo domori 2

Oggi Domori, con la sua linea progettata in casa a None, è la prima azienda al mondo ad avere una piantagione di Criollo di proprietà, l’Hacienda San Josè in Venezuela, e a controllare tutta la filiera. Da qui la ricetta primigenia, pasta di cacao e zucchero, e la prima linea di tavolette di Criollo, fino al 100 per cento. Che hanno rivoluzionato anche il codice di degustazione del percorso sensoriale secondo aromaticità, rotondità, pulizia e persistenza.

uovo domori 3

Con il cacao Criollo 75 per cento, questa esperienza arriva nel più classico dei prodotti portando la qualità più nobile al mondo. Un Nero nudo e minimalista che esalta le caratteristiche del Criollo, la naturale e diversa dolcezza, note di frutta secca, fragranza di pane, marmellata e crema di latte. E il 75 per cento regala il miglior equilibrio al gusto, anche nelle declinazioni delle altre piantagioni di Domori, che variano di raccolto in raccolto, come il vino.

Una pianta di cacao Criollo si distingue dalle altre per il fatto che il rametto, tra una foglia e l’altra, è vellutato. La fava del Criollo, una volta tolta dalla cabosse, liberata dalla sostanza gelatinosa che la ricopre e dall’involucro, si differenzia dalle altre fave perché è di colore bianco latteo anziché scuro.

uovo domori 4

Queste piante preziose e delicate, sono la base del cioccolato più pregiato della produzione Domori. Con questo Uovo viene utilizzato per un prodotto di pasticceria il Criollo. Si può comprare a 29 € euro in una catena di boutique enogastronomiche, tra cui Eat’s e La Rinascente.

domori cop

(http://www.domori.com/it/news/3/0) (http://aziende.freecomm.biz/390967/fotogallery/O_4957.jpg)

 

E online su www.domori.com.

 

 

 

 

Tratto dal quotidiano Il Giorno del 28 marzo 2015.

uovo domori 5

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , ,



L'autore

Marco Mangiarotti

E’ nato a Bergamo nel 1948. Ha iniziato come critico musicale e jazz nel 1969 al Giornale di Bergamo. Ha collaborato alla direzione artistica di Lovere Jazz e Imola Jazz, ai supplementi del Corriere della Sera, Musica Jazz, all'Europeo e al Panorama di Rinaldi. Al Giorno dal 1977, dove ha fatto tutta la trafila da critico musicale e tv a capo degli Spettacoli, inviato. Poi capo di Cultura e Spettacoli del Qn Giorno-Carlino-Nazione, caporedattore centrale, vicedirettore al Giorno, direttore di Onda Tv. Fa televisione dagli inizi degli anni Ottanta, commentatore e giudice nei Talent. Oggi è una delle firme di Qn Il Giorno. Il percorso gourmet inizia al mitico Riccione di Giuliano Metalli e con Gualtiero Marchesi nel ristorante 3 stelle di Porta Romana, cenacolo culturale nel dopo redazione o teatro. Sul campo, nel confronto con i più importanti chef italiani, l'amicizia con Paolo Masieri, il cuoco contadino, e Davide Oldani. Ha fatto servizi in Italia e all'estero per Traveller. Cura la pagina food sul Giorno.


Back to Top ↑