Google+

Parovel, dal Carso triestino i vini autoctoni come stile di vita

Pubblicato il: 28 dicembre 2016 alle 9:59 am

vini parovel carso triestino 1

Quando si fa vino con passione totalizzante, quel vino diventa il sangue che ti scorre nelle vene, in un’identificazione che è vita concreta ma anche metafora dell’esistenza. Come per la famiglia Parovel, per la quale fare vino sembra avere proprio questa essenza vitale, per la completa osmosi con la terra che coltivano e la missione culturale che li anima: la tutela e promozione del territorio carsico che avviluppa le loro attività, con epicentro in San Dorligo della Valle, provincia di Trieste.

vini parovel carso triestino 2

Lo dicono loro stessi che “la passione per la terra e i suoi frutti, l’uva e l’oliva, contraddistingue da generazione in generazione la famiglia Parovel”.

Un famiglia-azienda che da sempre è traino ed esempio per tutto il territorio: basti pensare che nel 1976 è stata la prima nella zona “a proporre i suoi vini autoctoni in bottiglia”, mentre “grazie alla passione di papà Zoran per la Malvasia istriana, coltivazione iniziata dal nonno Pietro nel 1898, l’azienda Parovel è uno dei custodi storici delle sue interpretazioni ed espressioni territoriali”. Papà Zoran che vede come indispensabili il lavoro in vigna, la potatura e la cura della campagna.

vini parovel carso triestino 3

A chiamarlo papà sono i due figli Elena ed Euro che stanno proseguendo l’attività di famiglia, avviata nel 1898 dal trisavolo Pietro Parovel.

Un’attività che prevede la coltivazione di vigneti “nella zona collinare di Caresana e Bagnoli della Rosandra (terreni arenaceo-marnosi) e nelle valli del Breg e Rio Ospo, zona quaternaria che rappresenta una vera conquista dell’uomo”. I trattamenti in vigna sono minimi, mentre si “privilegia la coltivazione di vitigni di antico lignaggio giuliano – istro carsico, nel rispetto della natura e delle pratiche familiari”.

vini parovel carso triestino 4

Importante la nota secondo la quale “i vitigni qui coltivati sono autoctoni perché sviluppatisi in loco grazie ad un lungo processo di ibridazione naturale oppure per mutazione spontanea: il Refosco, la Vitovska e la Malvasia istriana, il Sauvignon e il Moscato Giallo possono anch’essi essere considerati come appartenenti al Friuli Venezia Giulia”.

La prova dei vini è esaltante: tutte le profonde istanze socio-culturali dei produttori si ritrovano nel bicchiere in forma di nettari sinceri, autentici, credibili, appaganti.

vini parovel carso triestino 5

Come la Vitovska, “vitigno autoctono dell’area vinicola Carso-Kras” di cui non “esiste traccia in altre regioni del Mediterraneo”: si annuncia con profumi floreali che in bocca divengono meravigliosa sinfonia di frutta a polpa bianca; magnifica la sua acidità come la spiccata aromaticità.

vini parovel carso triestino 6

La Malvasia istriana, “di antiche origini elleniche”, si apre come l’aria profumata che si può respirare nel mezzo di un meleto, mentre in bocca si distinguono la Golden e sensazioni di sidro. Perfetta l’acidità quanto l’apporto aromatico.

vini parovel carso triestino 7

Il Terrano, appartenente alla famiglia dei Refoschi, “simbolo della viticoltura delle regioni carsiche”, al naso è uno spettacolo di armonia, mentre al palato materializza un carnoso bouquet compatto, speziato, dal tono di liquirizia. Una bella scia di acidità trasporta dolcezza misurata, con screziature di frutti rossi. Il sorso scorre alla stregua di una carezza carsica, vellicando la lingua come un velluto raso.

vini parovel carso triestino 8

Il Refosco, “dalle origini antiche”, tanto che “nell’800 erano numerosi i vitigni che andavano sotto il nome Refosco grazie al gran prestigio di cui godeva il vino così denominato”, ha toni vegetali speziati e ficcanti, senza mai scomporre la propria eleganza lieve.

vini parovel carso triestino 9

Il Moscato Giallo, di antiche origini siriane, già zuccherino di suo, nella versione passita scatena la densità di composte e di ricca pasticceria invernale, autentico conforto per la gola come per la meditazione.

vini parovel carso triestino 10

I vini autoctoni di Parovel sono accomunati dall’egida del toponimo Barde che indica “un’area del paese coltivata a vigneto e oliveto che il nonno Massimiliano ricevette in eredità dal bisnonno Pietro e che fu la prima sede di produzione dell’Azienda Agricola Parovel che esiste e prospera ancora oggi”. A ulteriore dimostrazione del legame inscindibile tra la famiglia e la sua terra.

vini parovel carso triestino 11

Sentendo parlare un Parovel, percepisci l’immensa dignità di chi dedica una vita al proprio contesto di sempre, con fierezza e dedizione: un vero baluardo a presidio dei beni agro-culturali di un territorio, ma anche la promozione dell’Italia migliore.

vini parovel carso triestino 12

Senza dimenticare che sotto l’aspetto ludico stiamo parlando di produttori capaci di mettere in bottiglia vini di straordinaria godibilità che incantano tutti i degustatori che hanno la fortuna e il privilegio di incrociarli.

vini parovel carso triestino 13

Come accaduto durante la degustazione al Barbaresco di Legano (www.barbarescoenopub.it) nell’ambito della quale abbiamo intervistato con la nostra telecamera Elena Parovel.

Info: www.parovel.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑