Google+

Pasticceria La Tur dal Sücar, i magnifici dolci tradizionali di Mantova

Pubblicato il: 22 marzo 2017 alle 9:57 am

pasticceria la tur dal sucar mantova 001

La cucina mantovana viene giustamente portata in trionfo per le sue pietanze salate, mentre, Sbrisolona a parte, ben poco si sa dei suoi dolci tipici, straordinari tanto per i sapori irresistibili quanto per il loro valore storico e identitario.

Infatti tutte le pasticcerie della città espongono in vetrina i prodotti dolciari della tradizione mantovana, così in bella evidenza da soppiantare i dolci esogeni, come già raccontato in occasione del natale, periodo in cui non c’è quasi traccia di pandori e panettoni, soppiantati dalle ricette natalizie locali (http://www.storienogastronomiche.it/i-dolci-natalizi-diversi-tipici-soltanto-di-mantova/).

Ovviamente la qualità varia da locale in locale: se volete provare i dolci mantovani con un livello di qualità insuperabile, dovete andare in centro, infilarvi in via Longino ed entrare nella pasticceria La Tur dal Sücar: tutto ciò che assaggerete, sarà pura delizia.

pasticceria la tur dal sucar mantova 003

I suoi titolari pensano di potere “con tranquillità affermare che si tratta della più antica pasticceria della città”, fondata nel 1950 da Alceo Spagna in Vicolo dell’Arco, per essere poi trasferita nel 1960 “in pieno centro, di fronte alla Basilica di S. Andrea in via S. Longino, l’attuale sede”.

Il titolare di oggi, Giovanni Comparini, ha iniziato a lavorarci a soli tredici anni di età, nel 1962.

E’ proprio vero quando nelle note del sito della pasticceria si afferma che il cliente quando entra respira una “atmosfera di famiglia”: ci è capitato perfino di chiedere una semplice informazione su un dolce e di vedercelo immediatamente offerto, oppure che ci venisse tenuto da parte un prodotto per il giorno dopo esclusivamente sulla fiducia.

“L’idea è quella di far capire a tutti che è ancora possibile gustare specialità mantovane, nel pieno rispetto della tradizione, ad un giusto prezzo” si legge ancora sul sito, aggiungendo in maniera convincente che provare una delle specialità della pasticceria “significa assaporare gusti e sapori che rievocano tempi passati”.

pasticceria la tur dal sucar mantova 005

Ed eccole queste specialità.

La Greca è una torta morbida con mandorle, uova, burro, in un involucro di pasta sfoglia: il suo impasto è profumato quanto goloso, incredibile poi la capacità di rendere seducentemente complessa la semplicità dei propri ingredienti.

pasticceria la tur dal sucar mantova 007

La strepitosa Torta Elvezia è composta da tre dischi di pasta di mandorla farciti con crema al burro e zabaione artigianale. Sarebbe stata creata dai Putscher, pasticceri svizzeri attivi a Mantova dal ’700, circostanza che accredita il nome del dolce come riferimento esplicito alla natia Svizzera, il cui toponimo è proprio Elvezia. Sullo zabaione artigianale va fatto un plauso speciale: denso e sublime, è uno dei più buoni mai provati in tutta Italia, non a caso è presente in diversi dei dolci di questa pasticceria.

pasticceria la tur dal sucar mantova 009

Non può mancare ovviamente la Sbrisolona, torta classica mantovana “rivisitata dal Maestro Giovanni, più morbida rispetto a quelle industriali”.

pasticceria la tur dal sucar mantova 011

E’ definita come “specialità esclusiva” la Torta Mantegna, la cui ricetta prevede zucchero, burro, uova, lievito naturale, cioccolato fondente, rhum e armelline amare (seme contenuto nel nocciolo di pesche e albicocche che conferisce sapore amaricante, usato infatti negli amaretti).

pasticceria la tur dal sucar mantova 013

Ma anche tutto il resto è imperdibile.

Ve ne diamo un assaggio visivo nel video qui sotto.

Info: www.laturdalsucar.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑