Google+

Pasticceria Schiuma a Matera, dolce tradizione di famiglia dal 1946

Pubblicato il: 30 novembre 2018 alle 7:00 am

E’ una sosta obbligata tra le sublimi camminate negli affascinanti meandri litici di Matera, un angolo di grazia all’altezza dello splendore della città: è la Pasticceria Schiuma, elegantemente collocata in via XX settembre al civico 10.

Si tratta di una delle più antiche pasticcerie della città, “una tradizione che si trasmette, rinnovandosi di padre in figlio fin dal 1946”, come si afferma orgogliosamente sul sito del locale.

Una gestione familiare proseguita dal 1991 dall’attuale proprietario Enzo Schiuma, il quale, “cresciuto tra i banconi del bar e del laboratorio di pasticceria, non è rimasto immune al fascino dell’arte pasticcera e continuando la tradizione di famiglia si è specializzato nella lavorazione artigianale del cioccolato puro e nella decorazione artistica di torte da cerimonia”.

Apprezzabile la filosofia delle creazioni stagionali, per valorizzare frutti e caratteristiche di ogni periodo dell’anno “per noi caratterizzato da prodotti tipici che connotano la nostra produzione”.

E’ così che l’autunno porta con sé cioccolatini, dragees, gelée e marron glacé; l’inverno il panettone artigianale, le praline, il torrone e i baciotti; a Pasqua le uova di cioccolato e la tipica colomba; l’estate il gelato, le mousse e gli spumoni.

E’ questa la garanzia “di vera artigianalità”.

Ma la pasticceria vale tanto anche come locale in cui trascorrere del tempo con soave lentezza, approfittando della sala da tè annessa al bar, “un luogo raccolto con la caratteristica volta a botte in tufo, tipica delle antiche dimore materane”.

Accomodati intorno a eleganti tavolini si possono gustare diverse prelibatezze come “l’aperitivo Stuzzicante ricco di appetizer rigorosamente preparati al momento” e una “selezione dei te e delle tisane in foglia e in filtri”.

Noi consigliamo vivamente un imperdibile cioccolato in tazza “preparato ancora secondo la ricetta tradizionale” che può essere “gustato arricchito con perle di pura origine che regalano le fragranze tipiche dei luoghi di provenienza”: denso, cremoso, profumatissimo, ammalia le papille gustative con una rara seduzione organolettica.

Molto intelligente dare la possibilità al cliente di potere godere di questa meraviglia anche in versione ridotta, un concentrato di puro piacere da vivere anche senza particolare appetito.

Intorno, stanno benissimo i pasticcini al burro, molto friabili e straordinariamente appaganti.

Naturalmente c’è da perdersi davanti all’esposizione delle delizie della pasticceria, le quali si fanno notare anche per l’eclettismo di ricette, forme, accostamenti, presentazioni.

Apprezzabile anche il buon gusto scenografico che si traduce in un gradevolissimo allestimento delle vetrine, con misurato ma efficace senso estetico…

… in cui risalta il tocco di classe di riferimenti iconografici alla città e alla sue meraviglie storiche, con il contributo di belle foto d’epoca usate con estrema eleganza.

Nel video che segue, le immagini dell’atmosfera della pasticceria e alcune delle sue squisitezze.

Info: http://www.pasticceriaschiuma.com/joomla/index.php

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑