Google+

Primi piatti a Foligno con Varese, Bowerman e Baracchi

Pubblicato il: 8 febbraio 2019 alle 3:00 pm

Trattorie, tradizione e territorio. Anche evoluzione di manifestazioni che da sagre diventano festival, da regionali a italiani. I Primi d’Italia, presentata ad Alice Eataly Milano, ha celebrato a vari livelli di degustazione il primo piatto italiano a Foligno.

Vi hanno portato, nelle venti edizioni, idee e ricette, Gianfranco Vissani, Gualtiero Marchesi, Alfonso Iaccarino, Enrico Cerea, Nino Graziano, Pietro Leeman, Mauro Uliassi, Sergio Mei, Igles Corelli, Heinz Beck, Carlo Cracco, Gennaro Esposito. Nel 2018 è toccato a tre donne stellate, Viviana Varese (Alice, Milano), Cristina Bowerman (Glass Hostaria, Roma), Silvia Baracchi (Il Falconiere, Cortona).

L’idea di Silvia Baracchi. Antipasto. Tabulè di minestrina con verdurine croccanti, gambero marinato all’arancia e passion fruit. Primo Mezzemaniche con ragù di cinghiale, passata di ceci e castagne, olio aromatizzato al finocchietto. Secondo. Lasagna ripiena di peposo di Chianina con crema di patate al rosmarino.

Cristina Bowerman ha proposto invece tre primi. Orzotto come un risotto cacio e pepe affumicato, limone e ricci di mare (sfida possibile). Gnocchetti, bagna cauda di aglio nero e percebes. Pasta mista, alghe e frutti di mare.

Viviana Varese. Pastina di farina di lino mantecato al Parmigiano Reggiano, sugo d’arrosto e tartufo nero. Mezze maniche di farina di farro e ceci neri. Super spaghettino (Senatore Cappelli) con brodo affumicato, julienne di calamaro, vongole, polvere di tarallo e limone. Pasta (Senatore Cappelli) e fagioli, polpo e cozze. Dessert. Già rotta (in menu da Alice).

 

 

Info: http://www.iprimiditalia.it/

https://www.facebook.com/festivaliprimiditalia/

 

 

Tratto dal quotidiano Il Giorno del 30 settembre 2018

MARCO MANGIAROTTI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , ,



L'autore

Marco Mangiarotti

E’ nato a Bergamo nel 1948. Ha iniziato come critico musicale e jazz nel 1969 al Giornale di Bergamo. Ha collaborato alla direzione artistica di Lovere Jazz e Imola Jazz, ai supplementi del Corriere della Sera, Musica Jazz, all'Europeo e al Panorama di Rinaldi. Al Giorno dal 1977, dove ha fatto tutta la trafila da critico musicale e tv a capo degli Spettacoli, inviato. Poi capo di Cultura e Spettacoli del Qn Giorno-Carlino-Nazione, caporedattore centrale, vicedirettore al Giorno, direttore di Onda Tv. Fa televisione dagli inizi degli anni Ottanta, commentatore e giudice nei Talent. Oggi è una delle firme di Qn Il Giorno. Il percorso gourmet inizia al mitico Riccione di Giuliano Metalli e con Gualtiero Marchesi nel ristorante 3 stelle di Porta Romana, cenacolo culturale nel dopo redazione o teatro. Sul campo, nel confronto con i più importanti chef italiani, l'amicizia con Paolo Masieri, il cuoco contadino, e Davide Oldani. Ha fatto servizi in Italia e all'estero per Traveller. Cura la pagina food sul Giorno.


Back to Top ↑