Google+

Quattro piatti, dodici chef, vini e cocktail, da oggi a Taste of Milano

Pubblicato il: 10 maggio 2018 alle 3:00 pm

Ludico e goloso è il nono Taste of Milano, format internazionale ed evento food per incontrare chef famosi e il loro piatti iconici, assaggiarli e acquistarli.

L’alta cucina di dodici fra i migliori ristoranti della città in 60 piatti, per 4 giorni a prezzi piccoli, da oggi al 13 maggio al The Mall in Porta Nuova.

Nuovo logo, nuovi colori. Nuovi percorsi. E una gara fra cuochi famosi a chi vende più piatti. Con nuove entrate e ritorni.

In carta Andrea Berton (Berton), Stefano Cerveni (Terrazza Triennale), Roberto Conti (Trussardi alla Scala), Francesco Germani (Balthazar), Keisuke Koga e Guglielmo Paolucci (Gong), Nobuya Niimori (Sushi B), Denis Pedron e Domenico Soranno (Langosteria), Giuseppe Postorino (Da Noi In), Andrea Provenzani (Il Liberty), Claudio Sadler (Sadler), Luca Seveso e Giuseppe Rossetti (Maio Restaurant).

Poi entrano in campo gli sponsor con I Maestri in Cucina Ferrarelle che mette insieme un grande chef (Iside de Cesare, Marco Mattana, Giulio Coppola e Fabrizio Sepe) e un maestro pizzaiolo (Corrado Scaglione, Giuseppe Vesi e Francesco Vitiello).

Quattro portate per ogni chef e la creazione o ri-produzione del piatto che ha fatto scattare in loro la scintilla e la passione per la cucina.

Tutti i luppoli del Birrificio Angelo Poretti, la cocktail culture declinata con il portfolio Reserve di Diageo con il suo portfolio Reserve: la collezione storica dal rum Zacapa al gin Tanquerai No. Ten, al whisky Jonnie Walker (l’etichetta nera nel primo dopoguerra si trovava da Moretti, fra la frutta esotica, in Montenapo). Le 50 etichette dell’Enoteca Trimani.

Biglietti da 18 a 70 euro per piatti e beverage.

 

Info:  https://www.tasteofmilano.it/

 

Tratto dal quotidiano Il Giorno del 05 maggio 2018

 

 

MARCO MANGIAROTTI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , ,



L'autore

Marco Mangiarotti

E’ nato a Bergamo nel 1948. Ha iniziato come critico musicale e jazz nel 1969 al Giornale di Bergamo. Ha collaborato alla direzione artistica di Lovere Jazz e Imola Jazz, ai supplementi del Corriere della Sera, Musica Jazz, all'Europeo e al Panorama di Rinaldi. Al Giorno dal 1977, dove ha fatto tutta la trafila da critico musicale e tv a capo degli Spettacoli, inviato. Poi capo di Cultura e Spettacoli del Qn Giorno-Carlino-Nazione, caporedattore centrale, vicedirettore al Giorno, direttore di Onda Tv. Fa televisione dagli inizi degli anni Ottanta, commentatore e giudice nei Talent. Oggi è una delle firme di Qn Il Giorno. Il percorso gourmet inizia al mitico Riccione di Giuliano Metalli e con Gualtiero Marchesi nel ristorante 3 stelle di Porta Romana, cenacolo culturale nel dopo redazione o teatro. Sul campo, nel confronto con i più importanti chef italiani, l'amicizia con Paolo Masieri, il cuoco contadino, e Davide Oldani. Ha fatto servizi in Italia e all'estero per Traveller. Cura la pagina food sul Giorno.


Back to Top ↑