Google+

In provincia di Siena, risotto di farro a Monticchiello e sosta a Pienza

Pubblicato il: 11 marzo 2018 alle 7:00 am

risotto di farro a Monticchiello 1

Metafisico è il luogo. E merita una puntata in Val d’Orcia e Val di Chiana.

Orto, olio, vino, cinta, chianina, alberi da frutta e liquori alle erbe, birre artigianali. Casali e palazzi immersi in tutte le tonalità del verde, prati impazziti, rifioriti a fine estate. Odori e profumi da nitrire. La vasca termale in piazza a Bagno Vignoni e l’Hortus Mirabilis dell’erborista alchimista Luigi Giannelli sono un tuffo nel passato, ma vi porto veloce a Montepulciano, un su e giù bellissimo e turistico.

risotto di farro a Monticchiello 2

Visitate Le Cantine De’ Ricci, sotto l’omonimo palazzo cinquecentesco, dove si scende nella Cattedrale del Vino, fra navate, grotte e cunicoli scavati nel tufo.

risotto di farro a Monticchiello 3

In enoteca tutti i rossi e un Briareo Riserva, non accomodante ma tranquillo (www.dericci.it).

risotto di farro a Monticchiello 4

Pienza vale il viaggio non solo per il Sette di Vino di Luciano, tempio dei saperi poveri, ma per la Gelateria Toscana di Ignazio Morviducci, ingegnere del suono che ha studiato e sperimentato la tecnica e l’arte.

Pane, burro e zucchero da piangere di gioia, il fiore (Ibis), il finocchietto, il rosmarino e l’olio, il pecorino (Cugusi) alle pere e con le noci.

Gli assaggi generosi e competenti di creme e frutta, da infusione e sorbetto, il gelato da passeggio reinventato, la nutella!, la fiera paesana. Stagionale, mutante e sorprendente. La mia preferita in Italia.

Non solo il Teatro Povero ci spinge a Monticchiello…

risotto di farro a Monticchiello 5

… e appena entrati nel borgo ecco La Porta, il wine bar che si è fatto osteria e le stanze Al Torrino.

risotto di farro a Monticchiello 6

Daria Cappelli ha iniziato da sommelier poi ha ideato una carta internazionale che non tradisce il terroir. Il risotto di farro, mantecato con zucchine e pomodoro fresco, gli gnudi di ricotta e spinaci su vellutata di pecorino di Pienza stagionato una delizia, come l’ossobuco di vitello servito con cuore di melanzane e indivia brasata. Il fratello produce il Lunadoro, rosso di onesto candore. Enoteca mirabile (www.osterialaporta.it).

risotto di farro a Monticchiello 7

A San Quirico due infiltrati liguri hanno rilevato la birreria San Quirico: ravioli con ripieno di cacio e pere, ricotta e menta, pici alle nocciole, acciughe, pomodorini freschi e briciole, pecorino con gelatina di birra artigianale, il capocollo e la chianina. Selezione laica di piccole cantine (Osteria ristorante San Quirico).

risotto di farro a Monticchiello 8

 

Tratto dal quotidiano Il Giorno del 20 settembre 2014.

risotto di farro a Monticchiello 9

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , ,



L'autore

Marco Mangiarotti

E’ nato a Bergamo nel 1948. Ha iniziato come critico musicale e jazz nel 1969 al Giornale di Bergamo. Ha collaborato alla direzione artistica di Lovere Jazz e Imola Jazz, ai supplementi del Corriere della Sera, Musica Jazz, all'Europeo e al Panorama di Rinaldi. Al Giorno dal 1977, dove ha fatto tutta la trafila da critico musicale e tv a capo degli Spettacoli, inviato. Poi capo di Cultura e Spettacoli del Qn Giorno-Carlino-Nazione, caporedattore centrale, vicedirettore al Giorno, direttore di Onda Tv. Fa televisione dagli inizi degli anni Ottanta, commentatore e giudice nei Talent. Oggi è una delle firme di Qn Il Giorno. Il percorso gourmet inizia al mitico Riccione di Giuliano Metalli e con Gualtiero Marchesi nel ristorante 3 stelle di Porta Romana, cenacolo culturale nel dopo redazione o teatro. Sul campo, nel confronto con i più importanti chef italiani, l'amicizia con Paolo Masieri, il cuoco contadino, e Davide Oldani. Ha fatto servizi in Italia e all'estero per Traveller. Cura la pagina food sul Giorno.


Back to Top ↑