Google+

Ristorante Il Gabbiano a Taormina, alta cucina con vista spettacolare

Pubblicato il: 3 agosto 2020 alle 7:00 am

Basterebbe già la sola vista a giustificare un pasto in questo ristorante di Taormina, ma se si aggiunge una cucina favolosa ecco che Il Gabbiano diventa uno dei locali imperdibili d’Italia per chi voglia vivere un’esperienza totale di gratificazione sensoriale.

Si trova al civico 115 di via Nazionale, in un punto panoramico unico, tanto da spingere i gestori ad affermare con buona ragione che “nessun luogo offre una così spettacolare visione dell’intera baia di Isola Bella da capo a capo”.

Se lo sguardo viene ammaliato da uno degli scorci più incantevoli che esistano, ancora più sorprendente è l’estasi generata da una ristorazione capace di offrire tutte le virtù possibili, dalla gentilezza del servizio alla freschezza estrema delle materie prime, dall’umanità della titolare Patrizia Rapisardi alla competenza di chi cura il cliente, fino alla prelibatezza non scontata della cucina dello chef Denis Papale, originale nel dosaggio di creatività e tecnica, sempre all’insegna di un’ammirevole delicata misura che rispetta e quindi esalta gli ingredienti.

Si capisce di essere a una tavola eccellente già dalla presenza di un olio straordinario come l’extravergine di oliva Bufalefi prodotto sui Monti Iblei nella sottozona Val Tellaro, nella Sicilia sud-orientale: tratto da un assemblaggio che vede la prevalenza della cultivar Moresca, presenta profumo di cardo, mentre in bocca sviluppa sensazioni di erbe officinali e un retrogusto di mandorla amara, manifestando un gradevole piglio piccante.

La mano dello chef è evidente fin dall’arrivo della Fritturina mista di pesce e crostacei locali con chips di cipolla accompagnata da una golosamente delicata salsa tartara light, in cui si adotta lo stile etereo della tempura puntando quindi su una leggerezza che lascia intatto il sapore del pesce, con la raffinatezza di inserire tra le specie fritte perfino il pregiato gambero rosso, ovviamente squisito.

La qualità della fornitura è confermata dalla zampillante fragranza di una tartare di tonno valorizzata dal finocchietto al suo interno e dai cucunci in decorazione, riassumendo così in un piatto tutto il mar Mediterraneo e le sue sponde.

Tra gli sfizi da non perdere certamente c’è l’Insalata di arance nostrane con cipolla rossa di Tropea e capperi di Salina, tripudio di semplicità rustica che lascia il segno…

… nonché una Millefoglie di melanzane in parmigiana croccante da antologia.

Del resto qui perfino il pane è fantastico, in tutte le sue innumerevoli declinazioni che variano dal tradizionale al gourmet.

Con i primi piatti spuntano veri capolavori.

Come il Tagliolino nero al simil-bisque di crostacei con Gambero rosso di Mazara sfumato al cognac, dove la carnosa pasta fatta in casa assemblando nell’impasto il nero di seppia dà vita a una pietanza fenomenale che esplode di dolcezza grazie al contributo dei tanti gamberi del condimento, mentre l’intingolo è sconvolgente per potenza aromatica.

Strepitoso poi il Risotto di Carnaroli (perfettamente al dente) al profumo di mandarino con cotto crudo di Scampo di Mazara, dallo stuzzicante gioco di consistenze e con un indimenticabile incrocio di sapido e agrumato.

Mai mangiato quindi un Tonno come quello Rosso in crosta ai 5 cereali con marmellata di cipolla di Tropea, ghiotto e dalla perfetta cottura.

Da non perdere pure i dolci, come il godibilissimo sorbetto al mojito, cremoso e balsamico…

… o il riuscitissimo cannolo scomposto…

… oppure ancora i semifreddi alla mandorla e al pistacchio.

Per la scelta dei vini affidatevi con fiducia all’enorme competenza di Sebastiano Mazza, manager capace di irrobustire di cultura ed efficienza un servizio già di elevato livello.

Tra le scoperte che gli dobbiamo c’è ‘A nutturna, Nerello mascalese vinificato in bianco da Al-Cantàra, di notevole eleganza, sapido, con profumi di pesca matura e sentori di albicocca e limone.

Un posto fuori dal comune che vale di per sé il viaggio a Taormina.

Info: https://ilgabbianoristorante.it/

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑