Google+

Romano Levi, il sacro fuoco dell’arte della grappa arde in Piemonte

Pubblicato il: 28 aprile 2019 alle 3:00 pm

grappa romano levi 1

Una leggenda vivente, anche se lui non c’è più: Romano Levi ci ha lasciati nel 2008, ma la sua meritata fama di più grande distillatore di tutti i tempi è ancora viva più che mai, senza alcuna flessione. Dalla data della sua scomparsa, il mito di Levi si è anzi ingigantito, tanto sul mercato quanto nel cuore degli appassionati.

grappa romano levi 2

Gli ultimi distillati creati dalle sue mani hanno valutazioni da capogiro: gli estimatori, pronti a pagare qualsiasi cifra per le bottiglie più vecchie, li cercano indefessamente in ogni angolo del mondo, perché la notorietà di Levi è planetaria.

grappa romano levi 3

Tanto che la sua casa e bottega in quel di Neive, in provincia di Cuneo, è oggetto di continuo pellegrinaggio e, in attesa di diventare museo, è già di fatto un santuario laico. Come chiamare altrimenti un luogo che riceve le visite di gruppi di americani venuti nel cuore del Piemonte per cercare le famose ragnatele della stanza privata di Levi, rese celebri da alcuni articoli giornalistici usciti negli Usa. A tesserle, una famiglia di ragni che è lì da anni, da quando Levi era ancora vivo: Romano gli era così affezionato che non volle mai rimuovere le loro tele, fino a chiedere ai suoi sodali di non disturbare questi aracnidi nemmeno dopo la sua morte. E infatti i ragni sono ancora lì, avviluppati dalle loro spesse ragnatele, placidi, riflessi nei vetri delle bottiglie storiche di Levi in esposizione.

grappa romano levi 4

Bottiglie divenute famose non soltanto per il loro contenuto. Levi infatti è assurto a culto imperituro nel momento in cui decise di realizzare a mano le etichette delle sue grappe: le impreziosiva con disegni naif corredati da commenti poetici di bucolico surrealismo vergati di suo pugno. Nacque così anche la figura della Donna Selvatica, protagonista di diverse sue etichette d’artista, personaggio che echeggia le creature dei boschi sospese tra magia e stregoneria: parte di una poetica espressiva che ha fatto accostare Levi all’Art Brut, fino alla coniazione della definizione di Arte Selvatica.

grappa romano levi 5

Eppure tutto questo immenso patrimonio culturale e ludico stava per andare perduto. In assenza di eredi che ne raccogliessero e continuassero l’attività, i luoghi e la produzione di Levi erano stati messi in liquidazione. Ciò ha colpito al cuore tanti suo estimatori, tra cui Luigi Schiappapietra (anche lui di Neive) e l’amico Lucio Scaratti: due che venivano da altri mondi imprenditoriali e che hanno invece deciso di assumersi la responsabilità di mantenere viva la memoria di Romano Levi. Così hanno acquisito la struttura in cui Levi ha vissuto e creato, con la missione di riprendere la produzione seguendo rigorosamente i dettami di Levi, quindi distillando a fuoco diretto.

grappa romano levi 6

Il risultato sono grappe per niente modaiole e affatto ingentilite, dal robusto grado alcolico e dall’intensa esaltazione dei vitigni delle Langhe, poiché vengono utilizzate le vinacce dei grandi vini del Piemonte DOC – DOCG.

grappa romano levi 7

Sempre da Levi è stata mutuata la tecnica di affinare le grappe nelle botti, ma con accurata selezione dei legni, poiché ogni tipo di albero regala una sua nota organolettica al distillato.

grappa romano levi 8

Tutto ciò sarebbe già materiale per un grande romanzo, eppure è soltanto una parte dei racconti legati a Romano Levi, un’epopea cui andrebbe aggiunta la saga della sua famiglia di distillatori, compresa la sorella Lidia, autrice di grappe alle erbe dalle ricette talmente straordinarie da essere oggi irripetibili.

grappa romano levi 9

Senza tacere dei tanti aneddoti legati al carattere ruvido di Levi, anche verso i suoi clienti adoranti, senza escludere dal suo trattamento schietto fino alla ruvidezza pure i potenti: ne sa qualcosa perfino un presidente della Repubblica italiana.

Un uomo così, manca, manca a tutti, anche a chi non l’ha conosciuto.

Un Uomo così, manca all’Italia.

Distilleria Levi Serafino di Levi Romano: www.distilleriaromanolevi.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑