Google+

Rossa e infiltrata, la capitale dei carnivori resta Milano

Pubblicato il: 25 novembre 2019 alle 3:00 pm

(http://www.ristorantemacelleriamotta.it/)

Rossa e infiltrata. La capitale dei carnivori è e resta Milano, con le sue macellerie storiche, la febbre della Fassona e del Bue Grasso, per colpa di Ercole Villa e Sergio Motta, di Bruno Rebuffi, capi selezionati e affidati a famiglie dell’Alta Langa.

Ma da sempre ci lavorava Slow Food, prima dell’arrivo di argentini e brasiliani. E della scoperta, con l’Angus, della carne ad alta infiltrazione di grasso, la marezzatura.

Tagli americani e australiani, bestie alimentate con il mais, le prime spedizioni del mitico Wagyu giapponese ma allevato in Australia, con Expo la scoperta del Kobe originale.

Ma anche la riscoperta della scottona bavarese che non ha mai partorito, ben oltre i diciotto mesi, le carni spagnole di vacche invecchiate, erano bestie da lavoro, la leggendaria Rubia Gallega oltre i dodici anni. E la sua omologa portoghese oltre i sette anni.

 

Tratto dal quotidiano Il Giorno del 19 ottobre 2019

 

MARCO MANGIAROTTI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , ,



L'autore

Marco Mangiarotti

E’ nato a Bergamo nel 1948. Ha iniziato come critico musicale e jazz nel 1969 al Giornale di Bergamo. Ha collaborato alla direzione artistica di Lovere Jazz e Imola Jazz, ai supplementi del Corriere della Sera, Musica Jazz, all'Europeo e al Panorama di Rinaldi. Al Giorno dal 1977, dove ha fatto tutta la trafila da critico musicale e tv a capo degli Spettacoli, inviato. Poi capo di Cultura e Spettacoli del Qn Giorno-Carlino-Nazione, caporedattore centrale, vicedirettore al Giorno, direttore di Onda Tv. Fa televisione dagli inizi degli anni Ottanta, commentatore e giudice nei Talent. Oggi è una delle firme di Qn Il Giorno. Il percorso gourmet inizia al mitico Riccione di Giuliano Metalli e con Gualtiero Marchesi nel ristorante 3 stelle di Porta Romana, cenacolo culturale nel dopo redazione o teatro. Sul campo, nel confronto con i più importanti chef italiani, l'amicizia con Paolo Masieri, il cuoco contadino, e Davide Oldani. Ha fatto servizi in Italia e all'estero per Traveller. Cura la pagina food sul Giorno.


Back to Top ↑