Google+

Scontro tra Regione Toscana e produttori di vino sul Paesaggio: troppi filari e poca anima

Pubblicato il: 9 settembre 2014 alle 5:39 pm

vino-Toscano-vs-paesaggio_01

Illustrazione di Manuel De Carli, dal volume “Firenze” edito da Proposta Vini

I grandi vitivinicoltori della Toscana hanno perso l’anima. E con essa anche la Memoria e il rispetto delle loro stesse origini.

La dimostrazione lampante arriva dalla polemica esplosa in queste ore in seguito all’annuncio di un Piano Territoriale da parte della Regione Toscana che vorrebbe tutelare il paesaggio dall’invadenza dei filari. Alla sensata osservazione virgolettata dal Corriere della Sera secondo cui i filari “sono troppi, il paesaggio è di tutti”, si legge la risposta dei produttori: “è una visione antica”. Dunque la tutela del paesaggio per i grossi produttori di vino in Toscana sarebbe soltanto un trascurabile retaggio del passato? Sconcertante.

vino-Toscano-vs-paesaggio_02

Sì, sconcerta questa denigrazione delle nostre radici manifestata da chi produce un elemento identitario del Paese come il vino.

Una mancanza di considerazione per la tradizioni che emerge anche da altre dichiarazioni della pagina che il Corsera dell’8 settembre ha dedicato alla questione, quale “la Regione Toscana vuole riportarci agli anni del dopoguerra, quando nelle campagne si faceva la fame; ma davvero sognano il ritorno dei mezzadri con tre filari di viti, un olivo e due mucche?”.

vino-Toscano-vs-paesaggio_03

La dichiarazione è del massimo responsabile del consorzio di uno dei più celebrati vini italiani, il Brunello di Montalcino, il quale inorridisce davanti all’immagine di “un’agricoltura con le pecore, i maiali, il boschetto e gli olivi”: dichiarazioni che lasciano allibiti, visto che provengono da un operatore dell’agroalimentare. Davanti a queste frasi, rimangono basiti tutti coloro che nel vino vedono anche e soprattutto Cultura e Identità di un popolo.

Invece “sì”, rispondiamo noi, sogniamo proprio “il ritorno dei mezzadri con tre filari di viti, un olivo e due mucche”, ovvero quei contadini che con immensa dignità hanno mantenuto alto il valore storico del vino in Italia, prima che altri vi lucrassero sopra. Non ci sarebbero oggi le mega aziende di produzione di vino, se non ci fossero stati questi solitari mezzadri con la schiena curva sulla terra che si sono ammazzati di fatica per una vita intera, con immenso amore per l’anima più nobile del nostro nettare identitario.

vino-Toscano-vs-paesaggio_04

Illustrazione di Manuel De Carli, dal volume “Firenze” edito da Proposta Vini

Un amore che non si coglie affatto dalle dichiarazioni di alcuni esponenti dei consorzi dei produttori toscani. Dalle loro dichiarazioni sui giornali si evince soltanto una rincorsa al profitto, talmente cieca da fare perdere di vista le ragioni della Storia e della sensibilità umana.

Perché quei mezzadri che i produttori vorrebbero come inutile retaggio del passato, invece esistono ancora e lottano fieramente per salvare la vera anima del vino. Sono eroi del nostro tempo che rispettano il paesaggio ancora più del proprio portafoglio, perché sanno che il vino ha memoria e stravolgerne il contesto vuol dire snaturarlo.

Parliamo di gente come Salvo Foti che in Sicilia lavora ancora le vigne con l’impiego di un asinello, o di Fausto Andi che nell’Oltrepo pavese rispetta la collocazione dei filari tra gli alberi da frutto, producendo il vino con le tecniche del ’500, con enorme fatica ma immensa dignità.

vino-Toscano-vs-paesaggio_05

Per questo l’accusa di “inquinare” il Paesaggio riportata dal Corsera a carico dei grossi vignaioli ci appare quella meno importante. Il vero crimine qui è l’offesa arrecata al Passato, visto soltanto come tempo di miseria, in una visione modernista asservita alle ragioni del business.

Come sempre fanno gli amanti del capitalismo più sfrenato quando vengono attaccati, anche i grandi produttori in questione agitano il solito grimaldello ricattatorio dei posti di lavoro che devono essere tutelati, come al solito sempre più importanti di tutti gli altri contesti sociali e culturali.

vino-Toscano-vs-paesaggio_06

Illustrazione di Manuel De Carli, dal volume “Firenze” edito da Proposta Vini

Tutto ciò è il riflesso di quanto avviene nella produzione del vino. Tolte le declinazioni del Sangiovese, il vino toscano è una genuflessione a vitigni e metodi derivati dalla Francia, mentre si lasciano nel dimenticatoio gli autoctoni meno noti.

Per non parlare dell’orrida definizione Super Tuscan che negli ultimi quaranta anni ha sventrato l’anima contadina del vino toscano. Tra gli alfieri, quella famiglia Frescobaldi che non a caso nella citata pagina del Corsera si schiera contro l’ipotizzato provvedimento della Regione Toscana, sparando a zero contro i cosiddetti “conservatori in agricoltura” e sostenendo la causa della competitività, evidentemente a scapito di tutto il resto.

Come ci si può vantare del successo internazionale di vini di taglio bordolese o di magheggi enologici come il Super Tuscan che non appartengono alla storia ancestrale di questo territorio, quando invece quasi nessuno vinifica in purezza e valorizza davvero un antico vitigno toscano come il Colorino?

vino-Toscano-vs-paesaggio_07

illustrazione di Manuel De Carli, dal volume “Firenze” edito da Proposta Vini

I responsabili dei vari consorzi di vino toscano farebbero bene a leggersi il prezioso volume su Firenze di Iris Fontanari Martinatti, edito dall’encomiabile Proposta Vini per la collana I vini nelle città italiane. Un volume che si apre con la considerazione che “la vite esisteva in Toscana prima ancora della comparsa dell’Uomo”, dato di fatto che già da solo pretenderebbe massimo rispetto nei confronti del passato enoico di questa terra.

vino-Toscano-vs-paesaggio_08

Quel passato di cui sono testimonianza vitigni preziosi come Foglia Tonda e Barsaglina, i quali, in una serata di degustazione dell’Ais (Associazione Italiana Sommelier) di Pisa, sono stati tristemente e purtroppo giustamente definiti “autoctoni dimenticati”.

vino-Toscano-vs-paesaggio_09

Per fortuna in Toscana ci sono anche i piccoli ma agguerriti produttori che lavorano per amore della terra e non soltanto del guadagno economico. Come Guido Gualandi che nella frazione di Poppiano del comune di Montespertoli (Firenze) produce con metodi di un tempo proprio il Foglia Tonda in purezza, oltre ad altri “vitigni antichi toscani” come Pugnitello, Colorino, Malvasia Lunga del Chianti e Coda di Cavallo.

vino-Toscano-vs-paesaggio_10

Guarda caso, Gualandi sarebbe ben favorevole a una legge in difesa del Territorio, “perché le viti storicamente qui sono sempre cresciute in mezzo agli altri alberi, mentre adesso c’è chi sta abbattendo gli ulivi per fare spazio ai vigneti che rendono di più commercialmente”.

Gualandi individua un grave danno nella ricerca del profitto da parte delle grandi aziende, la cui maggiore responsabilità è però di “avere omologato il gusto dei consumatori, abituandoli a vini facili e tutti uguali”, così da rendere ostici al palato non allenato il gusto dei vini da uve autoctone.

Per fortuna Gualandi non si arrende: “i piccoli produttori operiamo in una nicchia, però grazie a noi oggi i vitigni un tempo dimenticati non sono più tali”.

vino-Toscano-vs-paesaggio_11

Sarebbe meglio che si rinfrescassero la memoria anche coloro che oggi snobbano il Passato e la Cultura vitivinicola locale, perché quando si parla di vino, le ragioni dell’economia non posso trascendere quelle del cuore e del buon senso.

vino-Toscano-vs-paesaggio_12

Guido Gualandi

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑