Google+

Scoperte del Capodanno Cinese a Milano: la tradizione in otto piatti

Pubblicato il: 14 febbraio 2019 alle 3:00 pm

Festa di Primavera o Lunare, una buona occasione per conoscere i riti e i significati del Capodanno Cinese che si è celebrato nella notte fra il 4 e il 5 febbraio. Vi proponiamo quindi il menu di Bon Wei.

Il Capodanno Cinese dipende dal calendario lunare, le festività durano per quindici giorni e si concludono con la tradizionale Festa delle Lanterne.

Bon Wei propone il menu di Capodanno per quindici giorni, abbinato ai vini di Luca Cuziol. Entriamo quindi trionfalmente nell’anno del Maiale con i piatti, 8 (numero fortunato) e le zuppe di chef Zhang Guoquing. Tradizione e Rosso, come vuole un’antica leggenda: il mostro Nian usciva dalla sua tana una sola volta all’anno per mangiare esseri umani e l’unico modo per salvarsi era spaventarlo con rumori forti e il colore rosso, di cui aveva terrore.

Benvenuto con una Tazza di Tè Verde Bio Long Jing “Puits du Dragon”.

Hong Tang, Zuppa Rossa con manzo stufato nel vino, anice stellato, carote, patate, sedano e pomodorini, servita con un bicchierino di vino cinese (ricorda il sake). Champagne Bruno Paillard Rosé Premiere Cuvée. Jiaozi (ravioli) beneauguranti. Gnocchi di riso e funghi Shitake. Gnocchi della tradizione, saltati con funghi Shitake freschi, cavolo cinese e gamberetti disidratati rinvenuti nel vino cinese.

Hong Fàn. Riso Rosso saltato con uova, salame cinese e nuvole di maiale essiccato. Una strepitosa Frittura croccante di funghi asiatici Enoki, King Oyster Mushroom e Shitake. Con Ribolla Selection Goriška brda 2016, Marjan Simčič.

Tangyuan. Polpette dolci di riso ripiene di crema di sesamo, avvolte nella polvere di fagioli gialli e Hóngtáng (zucchero di canna).

Capolavoro: Cernia marinata con zenzero e cipollotti freschi, in rapide cotture, al vapore, fritta, affumicata ai 5 aromi (legno di pioppo e foglie di tè verde). Consistenza perfetta.

Astice Duojiao a vapore nello stile di Hunan. Con Nero D’Avola Lagnusa 2015, Feudo Montoni. Il classico Maiale agropiccante. Straccetti di lonza di maiale saltati con peperoni rossi, funghi Mu-Ehr e bambù, salsa chili fatta in casa. Tenero e gustoso.

Per 110 euro con tre vini al calice, 90 vini esclusi (acqua e caffè).

 

Info: http://www.bon-wei.it/

 

 

Tratto dal quotidiano Il Giorno del 2 febbraio 2019

MARCO MANGIAROTTI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , ,



L'autore

Marco Mangiarotti

E’ nato a Bergamo nel 1948. Ha iniziato come critico musicale e jazz nel 1969 al Giornale di Bergamo. Ha collaborato alla direzione artistica di Lovere Jazz e Imola Jazz, ai supplementi del Corriere della Sera, Musica Jazz, all'Europeo e al Panorama di Rinaldi. Al Giorno dal 1977, dove ha fatto tutta la trafila da critico musicale e tv a capo degli Spettacoli, inviato. Poi capo di Cultura e Spettacoli del Qn Giorno-Carlino-Nazione, caporedattore centrale, vicedirettore al Giorno, direttore di Onda Tv. Fa televisione dagli inizi degli anni Ottanta, commentatore e giudice nei Talent. Oggi è una delle firme di Qn Il Giorno. Il percorso gourmet inizia al mitico Riccione di Giuliano Metalli e con Gualtiero Marchesi nel ristorante 3 stelle di Porta Romana, cenacolo culturale nel dopo redazione o teatro. Sul campo, nel confronto con i più importanti chef italiani, l'amicizia con Paolo Masieri, il cuoco contadino, e Davide Oldani. Ha fatto servizi in Italia e all'estero per Traveller. Cura la pagina food sul Giorno.


Back to Top ↑