Google+

Spiaggia libera di Eloro (Noto, SR): bagni tra archeologia e pericoli

Pubblicato il: 5 settembre 2017 alle 7:00 am

Fare i bagni tra vestigia millenarie è un’emozione forte, per chi ha la sensibilità di comprenderlo: accade in Sicilia, in provincia di Siracusa, a ridosso del Lido di Noto, dove si trova la spiaggia di Eloro.

Siamo all’interno della Riserva Naturale Orientata Oasi Faunistica di Vendicari, come si evince dalla natura rigogliosa che si proietta verso una spiaggia che si bagna in un mare trasparente.

Proprio in mezzo a questa natura si intravedono alcuni resti dell’antica Eloro, città greca il cui fascino è alimentato dalle poche notizie certe su di essa.

Lungo il percorso per raggiungere la spiaggia, ci si imbatte nel Teatro greco di Eloro, datato tra il IV e il III secolo a.C.: sono visibili alcune gradinate ormai quasi occultate dalla fitta vegetazione.

Tanta civiltà del passato però si scontra con il degrado del presente.

A partire dai parcheggiatori abusivi che fanno quel che vogliono, a quanto pare del tutto indisturbati dalle istituzioni della città di Noto.

C’è chi si è piazzato addirittura con una roulotte che diventa chioschetto mobile che vende prodotti di conforto a caro prezzo, ma che invita caldamente a lasciare una mancia, non si capisce per quale motivo…

… mentre pochi metri prima c’è chi non ha pudore a pretendere un pizzo di 3 Euro per parcheggiare in un’area edificata che appare abbandonata, ovviamente senza disporre di alcuna autorizzazione di legge. Ci si chiede come possano le forze dell’ordine consentire che i visitatori vengano taglieggiati in questo modo alla luce del sole, è il caso di dirlo. Parcheggiatori abusivi disonesti due volte: prima per la tangente che impongono, dopo perché già nel cuore del pomeriggio se ne vanno e lasciano incustodite le auto di coloro ai quali hanno estorto i soldi.

Sul piano dei frequentatori della spiaggia, c’è invece da segnalare l’incoscienza di chi pervicacemente si ostina a scalare la roccia degli scogli per raggiungere la parte superiore degli scavi, correndo il serio rischio di cadere rovinosamente.

Un puro atto di vuoto esibizionismo, come si evince dai gesti plateali di chi si arrampica, alla ricerca di un momento di gloria che mette seria tristezza. Allarma che si consenta anche a dei minori di compiere lo stesso gesto autolesionista, con l’avallo di genitori irresponsabili.

In caso di incidente, ovviamente dovrà essere la comunità ad accollarsi il prezzo di tale dabbenaggine, incoraggiata dalla mancanza di controllo istituzionale nel territorio.

Per chi invece non ha di queste manie, c’è il godimento di una spiaggia molto bella e di un mare davvero pulito, dal quale sembra di avvertire l’eco della Storia.

Nel video che segue, abbiamo raccolto le immagini di questo luogo carico di fascino e contraddizioni.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑