Google+

Taccones con sugo di anguilla e asparagi selvatici

Pubblicato il: 21 luglio 2014 alle 7:09 pm

Taccones con sugo di anguilla e asparagi selvatici 1

L’anguilla in Italia si mangia sin dai tempi antichi. Celebre è la testimonianza dantesca che condanna al purgatorio papa Martino IV detto il ghiottone per la sua voracità, tanto da morire per aver mangiato troppe “anguille con vernaccia e alloro”. Ce lo ha raccontato Giovanni Fancello, autore del libro Pasta, storie ed avventure di un cibo tra Sardegna e Mediterraneo, edito da Edes (Editrice Democratica Sarda).

Abbiamo seguito la preparazione del piatto a opera del giovanissimo Roberto Paddeu: le anguille ha scelto di servirle con un particolarissimo tipo di pasta, tipicamente sardo, detto taccones. Ci siamo fatti raccontare per voi la sua ricetta.

La ricetta

 Ingredienti:

  • 200 gr di anguilla
  • 200 gr asparagi
250 gr di taccones
  • 1 cipollotto
  • vino vernaccia
  • sale

 

Taccones con sugo di anguilla e asparagi selvatici 2

Preparazione:

  • Mettete le anguille nel sale e poi lavatele sotto l’acqua corrente.
  • Tagliate gli asparagi a piccoli pezzi e cuoceteli in abbondante acqua per fare il brodo.
  • Tagliate l’anguilla in pezzi e cuocetela in umido con cipollotto fresco e sfumatela con della vernaccia di Oristano. Aggiungete qualche asparago e un po’ di brodo per aiutare la cottura. Dopodichè lasciate in infusione fino a far raffreddare completamente.
  • Nel frattempo mettete su l’acqua per la pasta. Stabilite i tempi di cottura secondo quanto riportato dalla confezione o comunque secondo i vostri gusti.
  • A questo punto bisogna pulire l’anguilla, spinarla e spezzettarla.
  • In una padella mettete dell’olio extravergine di oliva, i pezzettini di anguilla, gli asparagi precedentemente cotti e la pasta appena scolata. Mantecate per qualche minuto per far insaporire il tutto e servite il vostro piatto ancora fumante.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , ,



L'autore

Ciaj Anna Charlotte Rocchi

Regista e fondatrice della Gurukula Film, dal 2005 è impegnata nella produzione dei suoi film, dalla scrittura alle riprese, dai costumi al montaggio in un processo creativo di vero e proprio video-artigianato. Per il resto del tempo è mamma e precaria nel mondo dell’editing video.
Tra i suoi lavori, particolare risonanza hanno avuto: Gurukula 1981-2001: biografia collettiva dei ragazzi cresciuti alla scuola degli Hare Krishna; Avatar, di Balloons over Chianti; Kulimela; I volti della Muggiasca; Scapinasc – Cucina e tradizione a Crandola Valsassina; L’antico - Memoria immagini e storia di Premana; Streghe - Casargo tra storia e leggenda; La favola di Pagnona; vari episodi della miniserie per il web Le misteriose indagini di Willa Wilson.


Back to Top ↑