Google+

Vineria del Popolo, trionfo del gusto a Cesena

Pubblicato il: 12 dicembre 2019 alle 7:00 am

La Vineria del Popolo a Cesena è uno di quei locali che ti riconciliano con la cultura del cibo, grazie allo scrupoloso e indefesso lavoro di ricerca dei gestori che porta alla scoperta di perle gastronomiche territoriali che rendono preziosa l’esperienza.

Si trova nel centro storico della città, in piazza del Popolo, definendosi “osteria, bottega e spazio sociale” oltre che “luogo per il popolo” e quindi “per tutti”.

Dichiarata la lista dei fornitori di tutte le materie prime, segno di trasparenza e sincerità del progetto.

Dalla cucina escono celebrazioni del territorio in forma di primi piatti di pasta, insalate di mare, secondi di carni anche bianche, fino a una bella offerta di dolci.

Tuttavia a entusiasmare sono le specialità riunite nel menu sotto la voce “il quotidiano” che presenta taglieri di salumi o formaggi, aperitivi ma anche semplici panini.

E’ in quest’area della proposta che si incontrano memorabili squisitezze, a partire da straordinari formaggi accompagnati da confetture e miele.

Come il semi stagionato in crosta di cera d’api che incanta con il suo profumo pungente e l’acidità soave, mentre il latte si esprime al suo massimo, conquistando pure con una consistenza insieme granulosa a cremosa.

L’erborinato in vinacce e foglie di pino è un potente intreccio di dolce e piccante, con la croccantezza della parte vegetale che contribuisce a una complessità pazzesca, fino al balsamico.

Il formaggio di fossa sa di fieno, di pascolo, di tempo trascorso a maturare in ambiente ipogeo: esprime fiori e latte al naso, umami al palato.

I salumi non sono da meno.

Il Salame di Mora romagnola ha fragranza antica e sapore rustico.

La coppa ha un grasso fenomenale e un tocco speziato.

Incredibile il sublime prosciutto crudo che brilla per la sapidità.

Tartare solida e concreta come poche: fitta, naturale, a grana grossa, semplicemente buonissima.

Ricchissima la carta dei vini con oltre duecento etichette, la quale risponde dichiaratamente a “una passione, quasi un’ossessione, per la ricerca di vini naturali, dai filosofici produttori Romagnoli, ai più estrosi vini Francesi”.

Abbiamo pescato da cotanta offerta una vera particolarità come il vino Collanima del Fondo San Giuseppe (http://www.fondosangiuseppe.it/collanima.php) che consente di scoprire il raro ma antico vitigno romagnolo  Albana nera presente al 90%, con un saldo di un altro autoctono quale il Centesimino al 10%. Si presenta con un bouquet di sottobosco, mentre in bocca è vellutato ed esprime la serenità del dominio del tempo: una buona acidità veicola frutti quali prugne, visciole, corbezzolo, con l’aggiunta di spezie orientali.

Le uve arrivano da un non distante vigneto di Brisighella, nel ravennate, sull’Appennino romagnolo.

Servizio commovente per la gentilezza e straordinario per la competenza, tanto da rendere ancora più gradevole il passaggio da questo locale di notevole raffinatezza intellettuale, dal quale si esce arricchiti.

Info: https://vineriadelpopolo.it/

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑