Google+

Ex Tonnara Florio di Favignana: un museo che pesca nella memoria

Pubblicato il: 30 settembre 2018 alle 3:00 pm


2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 1

Dovrebbe essere la prima ragione per andare sulla maggiore delle isole Egadi, più del mare, delle spiagge e del (modesto) divertimentificio con annesso vip-watching: visitare l’Ex Stabilimento Florio delle Tonnare di Favignana e Formica. Una delle esperienze più importanti da fare se si vuole comprendere a fondo lo spirito dei popoli del Mediterraneo.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 2

Quello che è stato il “più importante e moderno stabilimento industriale del Mediterraneo per la lavorazione del tonno”, oggi è un museo che mantiene vivida la memoria dell’epopea che per decenni si è vissuta tra le sue mura e nel mare su cui si affaccia.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 3

La pesca del tonno, con il suo sanguinoso rito della mattanza, è il principale elemento identitario dei favignanesi, come è segno distintivo delle altre genti che hanno affidato il proprio destino al mare in cui si è sviluppata la nostra Civiltà.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 4

Quanta fatica si è consumata qui dall’800 fino a non molti anni fa, sostenuta da “una cospicua forza lavoro specializzata (raisi, sottopadroni, faratici, muxiari, semplici tonnaroti), in grado di assicurare lo svolgimento del ciclo produttivo, dalla cattura dei grandi cetacei alla lavorazione del pescato”.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 5

Come testimonia il nome, a segnare la storia della tonnara è stata la famiglia Florio, la stessa che tanta parte ha avuto nella storia commerciale, sociale e politica non soltanto della Sicilia ma di tutto il Paese a cavallo tra ’800 e ’900.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 6

Questa tonnara è stata uno dei più splendenti gioielli di famiglia, incastonata in quell’arcipelago delle Egadi di cui per un periodo furono perfino proprietari.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 7

“In questa nuova e moderna realtà produttiva, di molto somigliante alle cittadelle operaie continentali, si riuscì a organizzare un ciclo lavorativo che coinvolgeva alcune centinaia di addetti” ricorda Rosario Lentini nella brochure dell’ex stabilimento Florio delle Tonnare di Favignana e Formica pubblicata sul sito della Regione Sicilia, nella pagina della Soprintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali di Trapani (www.regione.sicilia.it).

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 8

Qui si svolgeva l’intero processo di lavorazione del tonno, dal momento in cui “tagliato a pezzi veniva cotto in 24 grandi caldaie e, successivamente, posto ad asciugare in ceste di ferro collocate in magazzini ben ventilati”, fino a quando veniva inscatolato nelle latte, “mediante utilizzo di macchine e saldatrici”.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 9

Visitando la ex tonnara, si possono immaginare tutte le fasi del lavoro di un tempo, grazie agli ambienti rimasti intatti, ricchi di reperti originali, illustrati dalle guide.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 10

L’emozione è forte quando si passa accanto a un’imbarcazione del tempo attivo…

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 11

… o quando ci si trova davanti alla distesa delle vere scatolette di tonno prodotte qui, tali da dare dignità e pregnanza storica alla altrimenti oggi svilita pratica del tonno in scatola.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 12

E’ proprio in questa struttura che vennero inventate le “innovative scatolette di latta con apertura a chiave”.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 13

Passando da un settore all’altro, tanti gli scorci che fanno sussultare…

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 14

… all’interno come all’esterno…

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 15

… anche per merito di un’architettura industriale di elevatissimo pregio.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 16

Il massimo dell’intensità lo si raggiunge quando entra in scena, letteralmente, con grande teatralità, u zu’ Peppe, all’anagrafe Giuseppe Giangrasso: è uno degli ex operai dello stabilimento che si prestano a collaborare ad alcuni momenti delle visite condotte da giovanissime guide.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 17

Appassionato, istrionico come soltanto un siciliano verace sa essere, in possesso di tempi e intonazioni da mattatore della scena, u zu’ Peppe con la sua performance irrora di entusiasmo coinvolgente le visite alla ex tonnara: si sente che ha vissuto ciò che racconta, un’esperienza di vita in tonnara di cui è fiero, come testimonia il luccichio del suo sguardo quando ne parla.

La sua narrazione potente e suggestiva vale già da sé il viaggio. I turisti ne vanno matti, anche quelli che non riescono a comprendere il vernacolo in dialetto stretto di Giangrasso, comunque conquistati dalla sua mimica e dalla musicalità del tonante eloquio.

Abbiamo registrato alcuni dei racconti di tonnara du zu’ Peppe e ve lo offriamo come piacerebbe a lui, nudi e crudi.

L’ex Stabilimento Florio ha anche un cuore archeologico, perché nei locali un tempo adibiti all’inscatolamento del tonno ospita l’Antiquarium di Favignana, collezione di reperti archeologici provenienti dall’arcipelago delle Egadi.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 18

Comprende principalmente anfore di varia epoca (greco-romana e punica) provenienti dal mare delle Egadi.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 19

Sono presenti anche ceppi di ancore greco-romane e puniche in piombo.

2spec Favignana e Levanzo-3-tonnara Florio 20

Tra i reperti particolari vengono segnalati una fiasca in peltro del XIV secolo rinvenuta che conteneva ancora il vino originale e un esemplare rarissimo di rostro bronzeo recuperato nelle acque di Levanzo, le stesse in cui nel 241 a.C. i Romani sconfissero la flotta cartaginese.

Giusto per ribadire quanta Storia abbia solcato questo mare.

Info: Ex Stabilimento Florio della tonnara di Favignana

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑