Google+

Un grande vino segue la natura e rifiuta la botte di legno

Pubblicato il: 5 luglio 2019 alle 3:00 pm


Lino Maga 1-grande vino 1

Poche esperienze nella vita possono competere con la soddisfazione che dà bere il Barbacarlo.

Pochissime emozioni possono essere forti quanto quelle donate da parole e pensieri di Lino Maga, il vignaiolo che produce questo vino unico al mondo a Broni, a pochi chilometri da Pavia.

Un vino amato da tutti, dalle guidarelle onaniste fino ai poeti intransigenti della scrittura enoica, come Luigi Veronelli e l’innamoratissimo Gianni Brera che – comprensibilmente –  non perdeva occasione per lodarlo.

Lino Maga 1-grande vino 2

E’ fatto con le uve del suo territorio, Croatina, Uva rara, Ughetta e un pizzico di Barbera.

Ma soprattutto è fatto con amore radicale da un grande Uomo che segue soltanto la Natura e rifiuta categoricamente l’uso delle botti di legno, come dovrebbe fare ogni vignaiolo dotato di coscienza e sensibilità.

Così il Barbacarlo viene ogni anno diverso, fregandosene delle mistificazioni degli enologi, categoria che Maga ha sempre tenuto lontana dal suo mondo pulito e spontaneo, privo di artifici.

Lino Maga 1-grande vino 3

E se un anno la Natura non ha fatto venire bene le uve, allora quell’annata non si farà il vino, come è accaduto nel 1992 e come soprattutto dovrebbe accadere sempre: l’onestà lo pretenderebbe da tutti i produttori.

Preparatevi a emozionarvi anche voi, perché da adesso, sulla nostra testata, inizia a parlare lui in persona, Lino Maga: imperdibile e indimenticabile.

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , ,



L'autore


Back to Top ↑