Google+

Linea Blanc e Neri di Domenis 1898: da vitigni unici, grappe uniche

Pubblicato il: 22 giugno 2019 alle 3:00 pm

grappe linea blanc e neri di domenis 1898 1

La distillazione di vinacce di unico vitigno ha rappresentato il salto di qualità della grappa italiana, proiettandola nell’empireo delle eccellenze enogastronomiche del Paese.

La distilleria friulana Domenis 1898 non poteva non misurarsi anche in questo ambito della produzione di grappa, finendo inevitabilmente, con la sua classe, per salire ancora una volta in cattedra e dare lezione.

Si tratta di otto grappe riunite in una linea, la Blanc e Neri, a sottolineare il colore della bacca e intrinsecamente la ricerca ostinata di sfumature organolettiche fin dentro le succose trame del frutto.

La Blanc comprende i vitigni di Chardonnay, Moscato, Ribolla gialla e Sauvignon, mentre nella Neri rientrano Cabernet, Refosco dal peduncolo rosso, Schioppettino.

La distilleria le consiglia come adatte a ogni fine pasto, grazie anche al loro moderato grado alcolico: è vero, hanno la capacità di suggellare con profumi e aromi qualsiasi esperienza gastronomica, senza sovrastare il ricordo del cibo gustato, bensì accompagnandolo verso la serena letizia post-prandiale.

Per tutte vale la regola dei 40 gradi alcolici.

grappe linea blanc e neri di domenis 1898 2

La Blanc Chardonnay esprime soavità ed eleganza già appena i primi aliti spiritosi carezzano il naso: poche grappe sviluppano profumi così gentili e suadenti, oltre la perfezione, fino alla composta discrezione del sublime. Al palato si fa fatica a pensare a certe interpretazioni fruttate e melense delle grappe di Chardonnay della maggior parte delle altre distillerie: questa è secca, ieratica tanto da lasciare gli aromi in secondo piano. Tocco di classe, il retrogusto piacevolmente amarognolo che finalmente rispetta la vera essenza ancestrale del vitigno.

La Blanc Ribolla gialla ha un bouquet spiccatamente floreale. Fiori che germogliano anche al palato, sussurrando un retrogusto di susine non troppo mature.

grappe linea blanc e neri di domenis 1898 3

La Blanc Moscato, ineccepibilmente definita “grappa giovane aromatica”, da vinacce “ritirate fresche da selezionati fornitori piemontesi”, tiene magnificamente controllata la deragliante tendenza all’abboccato di ogni espressione potabile di queste uve, permettendosi perfino il virtuosismo di estrarre una bella punta d’amaro da tale frutto ultra-zuccherino. Questa è la vera fedeltà al vitigno, un’azione maieutica che tira fuori dalle uve l’intero patrimonio aromatico, comprese le sfumature più difficili da governare. Ne è dimostrazione la severa pulizia che si percepisce al naso.

La Blanc Sauvignon non smentisce gli stilemi del vitigno: i sentori erbacei tipici di queste uve sono chiari al naso, ma non prepotenti, come la sobria eleganza di Domenis pretende. Al palato è ipnotica l’altalena di dolce e amaro, con un tono linfatico che sembra provenire dalla vena vegetale di un’asperula. Grappa non ruffiana, per bevitori esperti.

grappe linea blanc e neri di domenis 1898 4

Nella Neri Cabernet la fermentazione alcolica delle vinacce “avviene nel mosto e quindi nelle cantine, processo che garantisce una materia prima ricca dei migliori elementi aromatici”: da qui proviene un affascinante ikebana sensoriale di sconvolgente armonia. Se si cerca lo zen del profumo perfetto di un distillato, bisogna seguire il sentiero ascetico tracciato in un rigoglioso giardino incantato da questa grappa incommensurabile. Da un angolo all’altro dello spettro olfattivo, è tutto un campo di corolle sbocciate, colte nel momento della massima intensità.

Basterebbero questi profumi per dare un senso alla vera civiltà del bere. Poi però si affronta il sorso e tutto muta: si precipita nell’eccitante vortice di un fiume carsico che zampilla mineralità, dove la densità si compatta in onore alla nobile fermezza del vitigno.

grappe linea blanc e neri di domenis 1898 5

Il Neri Refosco ha un bouquet molto ampio: all’apertura spande essenze volatili per spazi estesi, dolci speziature imparentabili con quelle della distillazione alla veneta del Raboso del Piave. Intenso, profondo, ogni cenno olfattivo ascende verso l’alto, puntando deciso a un arcobaleno emotivo dai toni vividi. La sensazione è di stare in un frutteto in fiore. In bocca è asciutta e decisa, compatta, perfettamente equilibrata. Ma in un momento finale di vanità, si concede un tocco di frutta sotto spirito.

La Neri Schioppettino sfodera il suo carattere esibendo un’indole salmastra. Sulle papille gustative si adagia sapida e minerale, rivestita di robusta acidità. L’uva, autoctona, emerge alla fine, prendendosi tutta l’attenzione.

grappe linea blanc e neri di domenis 1898 6

Coup de théâtre, il Blanc e Neri Riserva, blend di grappe invecchiato diciotto mesi in botti di rovere antico, irrompe sulla scena come il burattinaio in conclusione dello spettacolo, rivelando l’armonia di una rappresentazione che mette insieme tanti fili in grado di muovere i vitigni della compagnia. Dalla pièce è comprensibilmente escluso soltanto il Moscato, il cui protagonismo aromatico è eccessivo. Perfetta invece l’armonia degli altri player, Chardonnay, Ribolla gialla, Sauvignon, Cabernet, Refosco e Schioppettino.

I tini di rovere antico privilegiano l’estrazione di aromi e “l’azione naturale dell’ossigeno attraverso le doghe”, portandosi dietro sinuose note vanigliate, affatto puntute. La bacca di vaniglia si scioglie sulla lingua, come fosse crema d’alta pasticceria. Spingendosi dietro le quinte, si trova anche la gradevolezza del mosto fresco.

grappe linea blanc e neri di domenis 1898 7

L’amministratore di Domenis 1898, Alain Rubeli, ci descrive questa linea di grappe.

Info: www.domenis1898.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑