Francesco Lo Bue, Author at StoriEnogastronomiche.it

Francesco Lo Bue

Francesco Lo Bue (Sciacca, 21/04/1950), geologo, libero professionista. Si è laureato presso l’Università di Palermo in Scienze geologiche con una tesi sperimentale su Geografia termale della Sicilia. Nei primi anni ’80 si è occupato della figura e delle opere di Filippo Bentivegna di cui ha curato una mostra ed il volume Filippo Bentivegna, ed. ARCI, acquisendo contributi critici di Ludovico Corrao, Franco Solmi, Pietro Consagra e altri. Ha curato nell’86 la riedizione di Sciacca, notizie storiche e documenti ed è stato il curatore editoriale di Sciacca una volta di Filippo Chiappisi, I edizione, 1994. Ha rinvenuto alcune presenze dolmeniche nel territorio di Sciacca, pubblicando (2011) sul periodico dell’Ordine Regionale dei Geologi di Sicilia: La scoperta di una struttura megalitica “dolmen” in c.da Galenzo-Aquilea, Sciacca. Ha inoltre pubblicato un pamphet nel 2011, ed. CdS, con annesso un testo introduttivo di Sebastiano Tusa dal titolo Il Dolmen di Sciacca. Ha recentemente dato alle stampe, coautore con il prof. Luigi Lo Bue, Da Al Shaqqiyyin ad Al Shaqqah. Le origini dalla città di Sciacca e del suo toponimo. Attualmente si occupa del fenomeno carsico-termale del monte Cronio con la individuazione del possibile vero accesso alle grotte termali, presenze dolmeniche a Sud del Cronio, dinamica evolutiva della formazione delle manifestazioni vaporose (in fase di pubblicazione).

Reviewed

MOO, il Museo dell’Olivo e dell’Olio a Torgiano (PG) che narra radici remote della nostra civiltà

Un’istituzione culturale di altissimo profilo in grado di affermare definitivamente il fondamentale valore intellettuale del cibo e dei prodotti  agricoli, ponendoli finalmente al vertice della piramide dell’Istruzione: è il MOO, Museo dell’Olivo e dell’Olio con sede a Torgiano in provincia di Perugia, frutto dell’azione filantropica della Fondazione Lungarotti Onlus cui si deve pure quell’altro gioiello […]

Tempio Valadier (Genga, AN), rimanere impietriti di fronte alla bellezza

Un piccolo gioiello di grazia ascetica dall’irresistibile capacità ecumenica di attrazione: lo chiamano Tempio Valadier ed è ormai diventato il simbolo estetico della regione Marche che lo ospita. La sua esatta denominazione è Santuario della Madonna di Frasassi e risale all’anno 1029, anche se è giunto a noi dopo vari interventi ricevuti nei secoli. Se […]