Roberto De Donno, Author at StoriEnogastronomiche.it

Roberto De Donno

Website http://www.dedonno.net
Docente universitario da circa venti anni, con cattedra in Marketing presso Università degli Studi di Lecce e LUM Jean Monnet di Casamassima. Esperto in Marketing Territoriale e di De.Co.. Svolge attività di relatore in convegni e seminari ed è proprietario del sito www.infodeco.it. Ha firmato due pubblicazioni, edite da Giuffrè e Veronelli, facenti parte della Collana dell’Università LUM Jean Monnet: De.Co. Denominazioni Comunali. Sviluppo locale e Strumenti di Marketing Territoriale e Le Denominazioni Comunali: opportunità di sviluppo Territoriale.
Cos’è una De.Co.?

Tra tante sigle sugli alimentari (come Doc, Dop, Igt) ce n’è una che si distingue nettamente, la De.Co.: le altre si concentrano sui disciplinari, la De.Co. invece esalta la Storia di un prodotto e del suo territorio. Viaggiamo alla ricerca delle De.Co. guidati da Roberto De Donno

La michetta, De.Co. di Milano

Tra tante sigle sugli alimentari (come Doc, Dop, Igt) ce n’è una che si distingue nettamente, la De.Co.: le altre si concentrano sui disciplinari, la De.Co. invece esalta la Storia di un prodotto e del suo territorio. Viaggiamo alla ricerca delle De.Co. guidati da Roberto De Donno

Reviewed

MOO, il Museo dell’Olivo e dell’Olio a Torgiano (PG) che narra radici remote della nostra civiltà

Un’istituzione culturale di altissimo profilo in grado di affermare definitivamente il fondamentale valore intellettuale del cibo e dei prodotti  agricoli, ponendoli finalmente al vertice della piramide dell’Istruzione: è il MOO, Museo dell’Olivo e dell’Olio con sede a Torgiano in provincia di Perugia, frutto dell’azione filantropica della Fondazione Lungarotti Onlus cui si deve pure quell’altro gioiello […]

Tempio Valadier (Genga, AN), rimanere impietriti di fronte alla bellezza

Un piccolo gioiello di grazia ascetica dall’irresistibile capacità ecumenica di attrazione: lo chiamano Tempio Valadier ed è ormai diventato il simbolo estetico della regione Marche che lo ospita. La sua esatta denominazione è Santuario della Madonna di Frasassi e risale all’anno 1029, anche se è giunto a noi dopo vari interventi ricevuti nei secoli. Se […]