Google+

Come si fa in casa il dentifricio naturale

Pubblicato il: 29 giugno 2019 alle 7:00 am

E’ possibile realizzare velocemente in casa un dentifricio composto da cinque elementi naturali: argilla ventilata per rendere abrasivo il prodotto, bicarbonato di sodio con funzione sbiancante, glicerina per umidificare il composto, salvia come sbiancante e olio essenziale di Tea Tree per le sue caratteristiche antibatteriche e per il sapore balsamico.

L’erborista Luigi Romiti ci spiega i diversi passaggi per comporre il prodotto

Come si fa?

  • Unire, mescolando, 30 gr di argilla verde ventilata con 10 gr di bicarbonato di sodio.
  • Aggiungere poco a poco 60 gr di glicerina (detta anche glicerolo) vegetale.
  • Mescolare il tutto fintantoché si otterrà una pasta omogenea.
  • Arricchire il prodotto con un cucchiaino di Salvia Officinalis essiccata e finemente tritata.
  • Aggiungere in ultimo, 10-20 gocce di olio essenziale naturale di Tea tree (Melaleuca Alternifolia).
  • Riporre la formulazione in un vasetto di vetro perfettamente pulito e a chiusura ermetica.
  • Conservare il prodotto lontano da fonti di luce e calore.
  • Per l’utilizzo: non immergere lo spazzolino all’interno del barattolo (questo “contaminerebbe” la nostra preparazione), ma prelevare con un cucchiaino pulito, una piccola parte del prodotto e trasferirla sullo spazzolino.
  • In questa formulazione non si noterà la formazione di schiuma, per l’assenza di sostanze schiumogene. Non contiene conservanti (comunque  l’olio essenziale di tea tree svolgerà un’azione antisettica), pertanto si conserva per un tempo ridotto a temperatura ambiente (circa 1 settimana).

Funzione dei componenti

Argilla (30% sul totale): funzione abrasiva. Si reperisce in erboristeria e deve essere adatta all’uso alimentare.

Bicarbonato di sodio (10% sul totale): funzione sbiancante . Non superare le dosi,  onde evitare danni allo smalto dentario.

Glicerina (o glicerolo) vegetale(60% sul totale):  è un sottoprodotto che si ottiene durante la produzione industriale dei saponi. A seconda del grasso di origine da cui deriva, si definisce vegetale o di origine animale. All’interno della nostra preparazione svolge una funzione  umettante, umidificante. La si ritrova spesso anche nei dentifrici classici con la medesima funzione. Si reperisce in farmacia  (glicerina F.U, cioè secondo farmacopea ufficiale) o nelle rivendite di materie prime per cosmesi e detergenza. Accertarsi dell’origine del prodotto.

Olio essenziale naturale di Tea Tree (Melaleuca alternifolia): è un olio che si ottiene per distillazione in corrente di vapore da un albero originario del continente Australiano, detto comunemente “l’albero del te” (ma non centra con la pianta classica del te). Si caratterizza per le sue spiccate proprietà igienizzanti, antibatteriche ed antimicotiche. Si caratterizza per la sua nota aromatica balsamica.

Attenzione gli oli essenziali naturali sono prodotti altamente concentrati. Non vanno mai utilizzati cosi come tali, ma sempre in opportuna diluizione. Anche se naturali, sono comunque potenziali allergizzanti. Verificare la propria compatibilità prima del loro utilizzo.

Salvia essiccata e polverizzata: la salvia officinalis è ricca di numerosi sali minerali (di calcio, magnesio, potassio..) che svolgono un’azione sbiancante e minimamente mineralizzante. Ha altresì una funzione igienizzante per la presenza, seppure minima (si tratta di un prodotto essiccato, non fresco) di olio essenziale.

 

Per saperne di più: ilgiardinoaromatico.blogspot.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , ,



L'autore

Laura Fazzini

Veneziana, 1983, laureata in Cinema al DAMS di Torino. Consegue due master in fotografia di reportage, conduce per alcuni anni un cineforum nel carcere di Milano San Vittore. Ha prodotto un documentario sull’articolo 27 della Costituzione e preso parte al lavoro collettivo ‘Corpi in bilico’, edito da Officine – Fare Cinema. Lavora per una testata editoriale come videomaker e racconta la città di Milano con il blog La Forza della Farina.
www.laforzadellafarina.it


Back to Top ↑