Ricette Archives - StoriEnogastronomiche.it
Le minestre di pelle di Cappone, antiche ricette dello Stefani

Bartolomeo Stefani nel ’600 ha codificato le fondamenta della cucina mantovana, sia con la sua attività di cuoco alla corte dei Gonzaga che con le pubblicazioni, come il notissimo volume L’arte di ben cucinare et instruire i men periti in quella lodeuole professione, del 1685. Tra le tipologie di pietanza più amate dallo Stefani c’erano […]

L’insalata di Cappone allo Stefani, antica ricetta mantovana del ’600

Bartolomeo Stefani, cuoco secentesco, è uno dei padri della cucina italiana, ma anche e soprattutto è tutt’oggi un punto di riferimento della gastronomia mantovana, avendo prestato servizio alla corte dei Gonzaga, codificandone gli stilemi del gusto e le colonne portanti in forma di ricetta. Tra le sue tante preparazioni attualissime, una delle più note è […]

I Ravioli carnici: la video-ricetta

I ravioli carnici, in dialetto cjarson, sono un piatto tipico della cucina friulana e in particolar modo della Carnia, la parte più nord-occidentale della regione. Per scoprire come si preparano, siamo stati all’Osteria Mandi, in via Nicola d’Apulia 4 a Milano. Possono essere realizzati in diverse varianti: con spinaci o patate, cioccolato o marmellata, ricotta […]

Reviewed

MOO, il Museo dell’Olivo e dell’Olio a Torgiano (PG) che narra radici remote della nostra civiltà

Un’istituzione culturale di altissimo profilo in grado di affermare definitivamente il fondamentale valore intellettuale del cibo e dei prodotti  agricoli, ponendoli finalmente al vertice della piramide dell’Istruzione: è il MOO, Museo dell’Olivo e dell’Olio con sede a Torgiano in provincia di Perugia, frutto dell’azione filantropica della Fondazione Lungarotti Onlus cui si deve pure quell’altro gioiello […]

Tempio Valadier (Genga, AN), rimanere impietriti di fronte alla bellezza

Un piccolo gioiello di grazia ascetica dall’irresistibile capacità ecumenica di attrazione: lo chiamano Tempio Valadier ed è ormai diventato il simbolo estetico della regione Marche che lo ospita. La sua esatta denominazione è Santuario della Madonna di Frasassi e risale all’anno 1029, anche se è giunto a noi dopo vari interventi ricevuti nei secoli. Se […]