Google+

La cucina della Slovacchia, grande sorpresa gastronomica

Pubblicato il: 4 luglio 2020 alle 7:00 am

expo Slovacchia 1

Ha stupito tutti per varietà e golosità, il ristorante della Slovacchia a Expo, scatenando il passaparola e portando alla crescita esponenziale degli avventori.

Chi immagina una cucina simile a quella della Repubblica Ceca con cui un tempo era unita, si sbaglia di grosso: tanto quella è incentrata sulla cacciagione, quanto questa è varia per ingredienti e modalità di preparazione. Unico punto di contatto, l’immancabile gulash.

L’apertura è affidata agli antipasti freddi, costituiti da panini slovacchi (3 Euro). Sapido e selvatico il panino con spalmabile di bryndza, formaggio morbido, sormontato da una scheggia di altro formaggio di pecora. Ha invece sentori animali molto golosi lo spalmabile di salsiccia.

expo Slovacchia 2

Antipasto caldo, l’ottima tipica Salsiccia di Trenčin al forno (8 Euro): speziata e piccante, ha una bella consistenza, merito del taglio grosso della carne, il quale la pone come via di mezzo tra la salsiccia italiana e il wurstel. E’ servita con rafano e senape, da usare con cautela, vista la loro potenza. Ottimo il pane di accompagnamento.

expo Slovacchia 3

Si prosegue con le minestre, eccezionali.

Hubovà biela polievka (8 Euro) è una strepitosa minestra bianca di funghi (molto usati nella cucina slovacca) leggermente aspra che contiene anche patate e uova: magnifico il suo registro dolce-acido, davvero indimenticabile.

expo Slovacchia 4

Più densa la Prìvarky (8 Euro), “prìvarok di lenticchie con delle palline di carne e paprica rossa”, un trionfo di agrodolce spruzzato di croccantezza, insaporito da uova, alloro e spezie nere.

expo Slovacchia 5

Imperdibili i due formati di pasta slovacca per eccellenza che rappresentano i piatti nazionali.

Halušky di bryndza (12 Euro), conditi con un formaggio di pecora che dà uno splendido gusto dolce, simile alla ricotta: da impazzire l’aggiunta di pancetta fritta croccantissima.

expo Slovacchia 6

Altra pasta identitaria, gli Strapačky (12 Euro), simili agli Halušky, ma conditi con salsiccia, cavoletto aspro e cipolla fritta: pura ghiottoneria, giocata sul sapido e il croccante.

expo Slovacchia 7

La coscia di anatra all’arrosto (16 Euro), piatto unico, ha la carne che risulta un po’ secca, mentre sono deliziose le lokše fatte in casa, frittelle con impasto di patate davvero buone. Eccellente il contorno di cavoletti rossi, grazie al contributo aromatico del cumino.

expo Slovacchia 8

Il dolce imprescindibile è il tradizionale Trdenlnik (5 Euro), sorta di grande cannolo senza ripieno, fatto in casa, reso croccante con la cottura in forno: si può aromatizzare alla vaniglia, cannella, alle noci o al papavero.

expo Slovacchia 9

Regge bene il pasto un vino bianco come il Palava “1” D.S.C. VH 2013, incrocio di Traminer e Müller Thurgau, mutuato dalla Moravia: disponibile al bicchiere (4 Euro), ha un bel bouquet, è acido il giusto, cattura con aromi floreali.

expo Slovacchia 10

La birra da provare è invece la Zlatý Bažant (4 Euro), la più esportata dalla Slovacchia. La 12° è densa e luppolata, dal retrogusto amaro, decisamente buona.

expo Slovacchia 11

A fine pasto, d’obbligo l’assaggio del Tatratea (2 Euro), nella versione base 52%: un liquore a base di tè nero, estratti naturali di erbe di alta montagna e frutti. Sembra di bere un campo fiorito ed è piacevole farsi investire dalla sua virulenta alcolicità aromatica.

expo Slovacchia 12

Si pasteggiava in maniera memorabile, attorniati da continui richiami all’icona nazionale di Andy Warhol.

expo Slovacchia 13

L’arte del resto è stata il perno dell’allestimento del padiglione della Slovacchia, pieno di opere di artisti contemporanei…

expo Slovacchia 14

… anche provocatorie.

expo Slovacchia 15

Immancabile il video sulle bellezze del Paese.

Info: www.expo2015.org

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑