Google+

La Rapida Rustichella futurista

Pubblicato il: 22 febbraio 2019 alle 3:00 pm

La rapida. Pasta e inno alla cottura futurista: 90 secondi, capolavoro di Rustichella d’Abruzzo.

Sezione aperta, amido che assorbe l’acqua, presentata a New York e a Milano per l’evento A tavola con Marinetti al Red di Feltrinelli in piazza Aulenti. Confezioni con biciclette, auto e aerei d’epoca. Letture di testi futuristi con Franca Minnucci, jazz e standard, anche Estate, con il Work in Music Project. E un menù preparato dagli chef William Zonfa, una stella alla Magione Papale, Giuseppe Di Mauro, il lettone Martins Sirmais, Christian Di Tillio (Il Ritrovo d’Abruzzo), Giuseppe Di Mauro (Red).

La famiglia Peduzzi, comaschi scesi a costruire strade in Abruzzo, hanno costruito il loro piccolo impero di competenze e passione a Penne, innovatori con il nonno di Gianluigi e Stefani, poi esportatori (85 per cento della produzione) della miglior pasta italiana.

Filiera corta di contadini che coltivano il grano Senatore Cappelli, hanno recuperato la Saragolla e stanno lavorando a Baffone e Marzuolo, grani antichi abruzzesi.

Poi c’è la passione per la cultura, i progetti di Stefania su D’Annunzio e Futuristi. Al Red ha portato i colorati Burattini di Depero, quattro sculture in legno: Marionetta, Soldato, Gatto Arrabbiato e Topo.

Dopo i finger food e il famoso PolloFiat, spaghetti Rapida in quattro interpretazioni e i Paccherini alla frutta con i ripieni di ciascun chef.

Un manifesto Campari ricorda la famosa réclame di Depero.

Serata intrigante, la Rapida intuizione folgorante per casalinghe di fretta, quindi milanesi (e ristoranti americani). Novanta secondi, più quindici in padella. Con il sugo (non quello pronto).

Info:  http://www.rustichella.it/?fbclid=IwAR1EFH3_n74JZ-2ILImu3qdwyqMnvffUYUrXJITMBxsXS0_N_ISB4pUHA_8

 

 

Tratto dal quotidiano Il Giorno del 24 marzo 2018

MARCO MANGIAROTTI

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , ,



L'autore

Marco Mangiarotti

E’ nato a Bergamo nel 1948. Ha iniziato come critico musicale e jazz nel 1969 al Giornale di Bergamo. Ha collaborato alla direzione artistica di Lovere Jazz e Imola Jazz, ai supplementi del Corriere della Sera, Musica Jazz, all'Europeo e al Panorama di Rinaldi. Al Giorno dal 1977, dove ha fatto tutta la trafila da critico musicale e tv a capo degli Spettacoli, inviato. Poi capo di Cultura e Spettacoli del Qn Giorno-Carlino-Nazione, caporedattore centrale, vicedirettore al Giorno, direttore di Onda Tv. Fa televisione dagli inizi degli anni Ottanta, commentatore e giudice nei Talent. Oggi è una delle firme di Qn Il Giorno. Il percorso gourmet inizia al mitico Riccione di Giuliano Metalli e con Gualtiero Marchesi nel ristorante 3 stelle di Porta Romana, cenacolo culturale nel dopo redazione o teatro. Sul campo, nel confronto con i più importanti chef italiani, l'amicizia con Paolo Masieri, il cuoco contadino, e Davide Oldani. Ha fatto servizi in Italia e all'estero per Traveller. Cura la pagina food sul Giorno.


Back to Top ↑