Google+

La Storia della cucina Indiana, al ristorante Sarla di Milano

Pubblicato il: 29 maggio 2019 alle 3:00 pm


cucina indiana - ristorante Sarla a Milano 1

Entrare nel ristorante Sarla è insieme un’esperienza fisica, materiale, mondana e metafisica. E’ un luogo di incontro tra culture che unisce uno stile moderno ed estetizzante – con una grande cucina a vista – al gusto tradizionale indiano, dove emergono i legni, i marmi, l’incenso, le luci delle candele… E’ un luogo intimo ed esotico, in cui la musica e le danze contribuiscono a creare un ambiente fuori dal tempo.

cucina indiana - ristorante Sarla a Milano 2

Mr. Reikhi Shekkar ci accoglie con la sua naturale cortesia. E’ un uomo dalle mille sorprese: è la sua profonda conoscenza della cultura gastronomica indiana a fare la differenza.

La filosofia gli ha insegnato che il cibo è la nostra medicina e la natura la nostra farmacia, per cui ha fatto del suo ristorante un laboratorio dove si sperimenta con il gusto e con la cultura. Ogni piatto ha una storia e ogni preparazione è una metafora: la storia dell’Uomo e quella dell’alimentazione vanno di pari passo.

cucina indiana - ristorante Sarla a Milano 3

In pieno centro storico, di fronte alle cupole di Santa Maria delle Grazie, in una di quelle viuzze carrozzabili che evocano una Milano che non c’è più, il ristorante Sarla è il simbolo di un connubio tra passato e presente, artigianato e design, cucina tradizionale e haute cuisine metropolitana. Da provare, in via Stampa al 4.

cucina indiana - ristorante Sarla a Milano 4

Poiché per conoscere la cucina indiana bisogna sapere qualcosa anche della tradizione filosofica che la sostiene, abbiamo chiesto di parlarcene proprio a Mr. Reikhi Shekkar, uno dei massimi esponenti della comunità indiana di Milano.

Info: www.sarla.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , ,



L'autore

Ciaj Anna Charlotte Rocchi

Regista e fondatrice della Gurukula Film, dal 2005 è impegnata nella produzione dei suoi film, dalla scrittura alle riprese, dai costumi al montaggio in un processo creativo di vero e proprio video-artigianato. Per il resto del tempo è mamma e precaria nel mondo dell’editing video.
Tra i suoi lavori, particolare risonanza hanno avuto: Gurukula 1981-2001: biografia collettiva dei ragazzi cresciuti alla scuola degli Hare Krishna; Avatar, di Balloons over Chianti; Kulimela; I volti della Muggiasca; Scapinasc – Cucina e tradizione a Crandola Valsassina; L’antico - Memoria immagini e storia di Premana; Streghe - Casargo tra storia e leggenda; La favola di Pagnona; vari episodi della miniserie per il web Le misteriose indagini di Willa Wilson.


Back to Top ↑