Google+

Le nove uve del Montebello, oltre il Sangiovese in Chianti

Pubblicato il: 12 maggio 2016 alle 4:30 pm

nove uve del montebello 1

Orgoglio. Sangiovese, Roberto Stucchi Prinetti porta con la sorella Emanuela e la mamma Lorenza quattro bottiglie di Badia a Coltibuono e una novità assoluta, da abbinare con il menu studiato da Andrea Berton.

Famiglia milanese che eredita nel 1846 la magnifica residenza nella millenaria Abbazia di San Lorenzo, il giardino all’italiana e l’agriturismo di charme, le vigne e i siti archeologici etrusco romani che testimoniano la presenza della civiltà del vino da Duemila anni in quei luoghi.

nove uve del montebello 2

Ristorante con scuola di cucina (la signora Lorenza ha tenuto lezioni di cucina alla Pbs), cantina storica e azienda che fa ricerca anche in controtendenza rispetto ai grandi vigneron del Chianti Classico.

nove uve del montebello 3

Siamo a Gaiole in Chianti, Siena, e l’ultima sfida è un uvaggio di nove autoctoni in parti uguali, Mammolo, Ciliegiolo, Pugnitello, Colorino, Sanforte, Malvasia nera, Canaiolo, Fogliatonda e il Sangiovese.

nove uve del montebello 4

Il risultato è una declinazione internazionale della nostra biodiversità, il Montebello Toscana Igt 2011 di Badia a Coltibuono, solo 3600 bottiglie che del Chianti mantengono forza ed eleganza ma con un’armonia più complessa, dove è il Sangiovese a conferire rotondità agli autoctoni.

nove uve del montebello 5

Roberto, ceo e tecnico della proprietà, ricorda che “questi nove autoctoni, da sempre presenti negli uvaggi tradizionali del Chianti Classico, sono stati recuperati e messi a dimora nei nostri vigneti”.

nove uve del montebello 6

E l’annata 2011 è ancora più intrigante perché estrema. “Caldissima e siccitosa. Il Sangiovese, per esempio, ha avuto un inizio raccolta da record, cioè il 28 agosto. Quando sono entrato in cantina, fine anni Ottanta, lo si vendemmiava la prima settimana di ottobre. Non facciamo denominazione di vigneti perché clima e terroir ci regalano una qualità omogenea sui 60 ettari vitati (65 la tenuta). I vigneti sono stati reimpiantati nel 1988 con cloni nostri e selezione massale (dalle migliori piante delle vigne vecchie). Da vent’anni siamo in agricoltura biologica”.

nove uve del montebello 7

Esperti in Sangiovese, ma innovatori. Per il Montebello “ogni vitigno viene raccolto e vinificato separatamente con lieviti indigeni, per un anno. Vengono poi assemblati e stanno un altro anno in botti di rovere”.

nove uve del montebello 8

Tratto dal quotidiano Il Giorno del 1° maggio 2016

nove uve del montebello 9

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , ,



L'autore

Marco Mangiarotti

E’ nato a Bergamo nel 1948. Ha iniziato come critico musicale e jazz nel 1969 al Giornale di Bergamo. Ha collaborato alla direzione artistica di Lovere Jazz e Imola Jazz, ai supplementi del Corriere della Sera, Musica Jazz, all'Europeo e al Panorama di Rinaldi. Al Giorno dal 1977, dove ha fatto tutta la trafila da critico musicale e tv a capo degli Spettacoli, inviato. Poi capo di Cultura e Spettacoli del Qn Giorno-Carlino-Nazione, caporedattore centrale, vicedirettore al Giorno, direttore di Onda Tv. Fa televisione dagli inizi degli anni Ottanta, commentatore e giudice nei Talent. Oggi è una delle firme di Qn Il Giorno. Il percorso gourmet inizia al mitico Riccione di Giuliano Metalli e con Gualtiero Marchesi nel ristorante 3 stelle di Porta Romana, cenacolo culturale nel dopo redazione o teatro. Sul campo, nel confronto con i più importanti chef italiani, l'amicizia con Paolo Masieri, il cuoco contadino, e Davide Oldani. Ha fatto servizi in Italia e all'estero per Traveller. Cura la pagina food sul Giorno.


Back to Top ↑