Google+

Parco ArcheoDeri a Bova Marina (RC), dalla preistoria all’ebraismo

Pubblicato il: 8 dicembre 2016 alle 9:59 am

parco archeoderi a bova marina 1

Una vivida dimostrazione dell’atavica predisposizione della Calabria ionica ad accogliere popoli e usanze, in un processo di continua contaminazione virtuosa che ha reso questa terra uno dei prodigi antropologici più complessi, ricchi e affascinanti del mondo. Il Parco Archeoderi è la summa di questo meraviglioso sincretismo culturale, con la sua stratificazione millenaria di presenze umane e delle loro organizzazioni civili e religiose, comprese le consuetudini commerciali e le abitudini alimentari.

parco archeoderi a bova marina 2

Il Museo Archeologico e Antiquarium Archeoderi si trova nel Fondo San Pasquale di Bova Marina, in provincia di Reggio Calabria, nel cuore della cosiddetta Calabria Grecanica.

parco archeoderi a bova marina 3

Corretta la definizione di parco archeologico, visto che per buona parte è da visitare all’aperto, passeggiando alla ricerca di impronte storiche disseminate tra il rigoglio delle erbe spontanee. Orme che sono soltanto l’apice di chissà quanti tesori ancora sepolti nell’area: gli archeologi hanno portato alla luce quel che potevano, con i pochi fondi che sono arrivati a singhiozzo negli anni, ma sarebbe auspicabile un intervento finanziario ben più consistente e costante per recuperare storie che non parlano soltanto al turismo locale bensì alla sensibilità di tutti noi. Commovente la passione e la competenza di chi fa le visite guidate, fondamentali per orientarsi tra elementi che hanno bisogno di un racconto documentato per essere compresi appieno.

parco archeoderi a bova marina 4

Sul sito del Mibact – Direzione Generale Musei del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, del Parco si racconta che è stato inaugurato nel giugno 2010 “ intorno all’area sinagogale rinvenuta negli anni Ottanta, presso la contrada da cui trae il nome Deri, richiamando la tradizione dell’Antica Delia o Scýle, secondo gli antichi Romani”. Da qui l’affermazione perentoria ma condivisibile che ci si trovi “in un sito archeologico tra i più importanti del Mediterraneo, infatti, la sinagoga, risalente al IV secolo d. C., è la più antica in Occidente, dopo quella di Ostia Antica, ed il suo ritrovamento ha aperto nuovi scenari storici sulla presenza degli ebrei nella Calabria meridionale”.

parco archeoderi a bova marina 5

Ad accertarne l’esatta natura è stato il “rinvenimento di un mosaico raffigurante i più importanti simboli giudaici: la menorah (il candelabro a 7 bracci), lo shoffar (il corno d’ariete), il cedro e, il ramo di palma e il nodo di Salomone”. Un evento così eccezionale da meritare la visita dell’allora rabbino capo di Roma Elio Toaff, “il quale confermò la piena compatibilità dei ritrovamenti con una struttura sinagogale” (musei.beniculturali.it).

parco archeoderi a bova marina 6

Sul depliant ufficiale del Parco, aperto dalla significativa definizione per Bova Marina di “9000 anni di storia e cultura”, si legge che Archeoderi nasce dalla volontà “di trasmettere l’anima di una terra antica che è stata punto di incontro di grandi civiltà”, citando “greca, romana, giudaica, bizantina e araba”.

parco archeoderi a bova marina 7

Sul sempre imprescindibile portale Calabria Greca un prezioso testo a cura di Pasquale Faenza sottolinea il pregio antropologico più remoto del Parco, riportando di campagne di scavi archeologici che hanno evidenziato come fin dall’età Neolitica ci fosse antropizzazione di questo territorio, con tracce di culti legati alla dea Madre e testimonianze del passato “riscontrabili attraverso i reperti custoditi nell’Antiquarium” (calabriagreca.it).

parco archeoderi a bova marina 8

L’Antiquarium, informa ancora il depliant del Parco, custodisce al suo interno “importanti reperti rinvenuti in varie località del territorio bovese, appartenenti a epoche diverse” che vanno “dal VII millennio a.C. al VII seco. D.C.”.

parco archeoderi a bova marina 9

Si tratta di “tipici manufatti di cultura materiale neolitica”, come ceramiche decorate, asce in pietra strumenti litici, vasi decorati, nonché di testimonianze di epoca greco-romana e di rarissimi ritrovamenti giudaici, tra cui anfore, vasi, stoppini, lucerne, monete.

parco archeoderi a bova marina 10

Fonti settecentesche confermano queste terre come “in origine abitate “dalla gente Aramea”, giunte qui sotto la guida di Aschenez, pronipote di Noè: Ebrei dunque, poiché con il termine di aramei erano indicati nel XVIII secolo i giudei ancora presenti nell’Italia Meridionale e nelle Isole”.

parco archeoderi a bova marina 11

Fonte avvalorata “quando, durante la costruzione di un nuovo tratto della statale 106, venne alla luce una sinagoga del IV sec. d.C., tra le più antiche del Mediterraneo”. Lavori che hanno dunque contribuito a una grande scoperta per l’umanità, ma al tempo stesso hanno lasciato l’ingombrante presenza dei piloni che sostengono la sede stradale, piazzati proprio in mezzo ai reperti.

parco archeoderi a bova marina 12

Altri scavi hanno portato a nuovi rinvenimenti che lasciano “oggi aperta la questione se possa trattarsi o meno di un più antico luogo di culto israelitico”. Del resto, prosegue ancora Calabria Greca, “la presenza di una comunità ebraica nel sito di Bova Marina non integra solo il quadro degli insediamenti israeliti della costa ionica, documentati nel Tardo Antico anche a Reggio e nella vicina Lazzaro, ma accerta, grazie al rinvenimento di un timbro con un candelabro a sette bracci, impresso su un’ansa di fabbricazione locale (IV-V sec. d.C.), l’esistenza di una attiva produzione e commercializzazione di cibi kosher, cioè preparati secondo le norme alimentari ebraiche”.

parco archeoderi a bova marina 13

Un patrimonio che ha portato la struttura ad arricchirsi di un Centro di Documentazione per il Patrimonio Culturale e l’Ebraismo nell’Area Grecanica, composto da sale espositive, sala proiezione con materiali audiovisivi e una biblioteca specializzata.

parco archeoderi a bova marina 14

Si esce da una visita a questo luogo con una emozionante conferma della necessità del confronto tra le civiltà e del loro studio comparato: Archeoderi è un atlante della biodiversità umana, un sunto della varietà di istanze e competenze che alberga in ogni comunità, della differenza da coltivare come valore positivo, indispensabile per la nostra continua evoluzione.

Abbiamo raccolto con le nostre telecamere degli sprazzi di questa magia ancestrale e ve li offriamo nel video che segue.

Info: www.comune.bovamarina.rc.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Tag: , , , , , , , , ,



L'autore

Domenico Liggeri

E’ nato nel 1970. Giornalista Professionista, è in attività dal 1988. Scrive per la pagina di enogastronomia De Gustibus del quotidiano Il Giorno, dove è titolare di una rubrica fissa. Ha pubblicato per Il Giornale di Sicilia, Il Fatto Quotidiano, Maxim, Campus.
Docente universitario dal 2000, attualmente insegna all’Università IULM di Milano, presso la facoltà di Arti, Turismo e Mercati; è stato docente anche all’Università Cattolica e tenuto corsi, seminari e workshop per varie facoltà in tutta Italia (tra cui Dams Bologna) e per istituti d’arte come IED Arti Visive.
Autore televisivo per tutte le maggiori emittenti italiane: ha firmato trasmissioni con Piero Chiambretti (“Matrix” su Canale 5, “Markette” su La7, “Dopofestival di Sanremo” su Rai Uno), Maurizio Crozza (“Crozza Italia Live” su La7), Francesco Facchinetti (“X Factor” e “Scalo 76” su Rai Due, “Ciak… si canta” su Rai Uno con la co-conduzione di Belen Rodriguez), Vanessa Incontrada (“Wind Music Awards” su Italia Uno), Paolo Bonolis (“Speciale SanremoLab” su Rai Uno); è stato autore anche di anche molte altre trasmissioni per Rai Uno (prime serate condotte da Claudio Lippi, Giancarlo Magalli, Elisa Isoardi, Pupo), Sky (“Gli Sgommati”), Mediaset (autore di comici di “Zelig” e “Zelig Off”) e La7 (“Eccezionale Veramente”, “Gazzetta Sports Awards”).
E’ stato consulente creativo della società 360° Playmaker creata da Antonio Campo Dall’Orto per la produzione di contenuti per le reti del gruppo Telecom Italia Media (La7, Mtv, Comedy Central su Sky).
Saggista: ha pubblicato nel 1997 “Mani di forbice. La censura cinematografica in Italia” per Falsopiano, nel 2004 “Cosa resterà…” per la Mondadori, nel 2007 “Musica per i nostri occhi. Storie e segreti dei videoclip” per la Bompiani; il primo e l’ultimo sono adottati in diverse università italiane.
Ha pubblicato interventi anche su altri volumi, tra cui la “Garzantina Cinema” curata da Gianni Canova.
Scrittore: ha pubblicato nel 2008 “Quello che non ti aspetti”, romanzo per Sperling & Kupfer.
Critico cinematografico e musicale: ha collaborato con le testate Ciak, Duel, Il Mucchio Selvaggio.
Regista televisivo per “Come and Dance Rihanna” con Garrison del programma “Amici”, quindi servizi, live ed esterne per Rai (“Su e Giù” di Gregorio Paolini, RaiUno), Mediaset e tv musicali.
Direttore editoriale della tv musicale Match Music dal 2000 al 2002.
Regista di videoclip: suo il pluri-plagiato e celebrato “Dedicato a te” per il gruppo Le Vibrazioni, quindi “Cleptomania” per gli Sugarfree e ancora video per Alex Britti, Cristina Donà, Raf, Stadio, Cousteau, Baustelle e altri.
Regista di documentari, incentrarti sull’arte e sull’enogastronomia.
Autore e regista teatrale: ha scritto e messo in scena lo spettacolo “CabaRè” al Derby di Milano.
Copywriter degli spot sui cantanti per il Festival di Sanremo (nel 2004 e 2005) e di varie campagne Wind interpretate da Giorgio Panariello e Vanessa Incontrada.
Regista e sceneggiatore cinematografico: collaboratore di Ciprì e Maresco e di Roberta Torre, autore in proprio di molti cortometraggi in pellicola, alcuni dei quali prodotti da Ipotesi Cinema di Ermanno Olmi, presentati in prestigiose rassegne internazionali come Festival di Locarno, Torino Film Festival e i festival di Bellaria e Hannover; è stato protagonista di diverse personali complete delle sue opere, organizzate anche in varie sale cinematografiche di tutta Italia.
Ideatore e direttore artistico dal ’99 della più importante manifestazione del settore videomusicale, il PVI, Premio Videoclip Italiano: tra i premiati intervenuti ci sono Vasco Rossi, Ligabue, Eros Ramazzotti, Jovanotti e tanti altri.
Ha ideato e diretto anche varie rassegne cinematografiche e la Sezione Cinema&Videoclip del festival della contaminazione artistica BresciaMusicArt.
E’ stato direttore artistico dell'etichetta discografica Ultrasuoni, la prima label italiana distribuita dalla Edel. Ha svolto anche attività di produttore artistico musicale: tra i cd realizzati, quello del gruppo rock femminile Secret per l’etichetta CNI.
Negli anni ’90 ha collaborato come consulente esterno al programma Green realizzato per Rai Tre dalla struttura Videosapere; ha prestato consulenza anche per noti programmi culturali televisivi del gruppo Mediaset.
Website: www.domenicoliggeri.it
www.domenicoliggeri.it


Back to Top ↑