Osteria dei Peccatori Archives - StoriEnogastronomiche.it
Giro Cotoletta, ghiotta invenzione di Osteria dei Peccatori a Gallarate

L’Osteria dei Peccatori a Gallarate è uno dei locali di ristorazione più seri, radicali e rigorosi d’Italia, ma per fortuna non pratica una concezione punitiva della cultura gastronomica, anzi, nobilita il concetto di gola perfino con riferimenti biblici, inventandosi così geniali applicazioni della golosità, come lo strepitoso Giro Cotoletta che riscuote enorme successo popolare. L’idea […]

La ricetta delle Orecchie con le Verze, antica memoria del varesotto

Un piatto emblematico, perché le Orecchie in questo caso non sono soltanto il golosissimo ingrediente principale del piatto, bensì, simbolicamente, anche quelle di un cuoco di rara sensibilità capace di ascoltare i ricordi dei suoi avventori che gli narrano di vecchi sapori ormai scomparsi: è Marco Colombo dell’Osteria dei Peccatori di Gallarate, in provincia di […]

Il Fritto misto alla Milanese rinasce da Osteria dei Peccatori, Gallarate

Marco Colombo si stava già accreditando come fondamentale operatore culturale della gastronomia lombarda, grazie all’appassionata scrupolosa intensa ricerca di ricette identitarie perdute da riportare in tavola, ma con la sua ultima impresa si attesta ormai come il cuoco più prezioso di tutta la regione: ha infatti recuperato dall’oblio una preparazione ormai scomparsa dai ristoranti come […]

La ricetta della Rustisciana, tipicità lombarda narrata da Marco Colombo

Un piatto dal profondo significato culturale, perché rappresenta uno dei più vividi collegamenti antropologici tra i vari elementi di un territorio che non esiste nella toponomastica ufficiale bensì appartiene alla poesia errante della gente del Nord Italia: l’Insubria, regione storica attraversata da frontalieri e popoli in movimento, in grado di sedimentare con il loro incessante […]

Ricette perdute lombarde tornano all’Osteria dei Peccatori di Gallarate

Si arricchisce di “reperti storici” il museo da mangiare allestito all’Osteria dei Peccatori di corso Cristoforo Colombo 39 a Gallarate dall’archeo-cuoco Marco Colombo che sta pazientemente recuperando i piatti perduti della tradizione lombarda, riportandoli a tavola con un successo che sta andando oltre le aspettative. I suoi tanti clienti stanno infatti dimostrando di apprezzare i […]

Specialmente… nel Varesotto: dove mangiare tipico

La cucina del varesotto: radici contadine nelle osterie della tradizione Gli indigeni sembrano crederci poco, sottovalutandosi, invece il varesotto è ricco di belle sorprese (anche) dal punto di vista gastronomico. A patto di saper cercare e aver voglia di farlo. Sì perché molti, troppi ristoratori della zona, sembrano accontentarsi della routine, proponendo una cucina generalista […]

Il Bariletta, vino autoctono del casertano, star nel varesotto

E’ un pezzo di storia nascosta di un angolo della Campania, ma è diventato di culto nel Nord Italia grazie a un magnifico locale varesotto, l’Osteria dei Peccatori di Gallarate che ne ha fatto un vanto della propria carta dei vini. Merito del talento e dell’impegno di Anna Mascolo, esperta di vini che gestisce la […]

Calo di attendibilità della guida Osterie Slow Food? Vedi I Runchitt

Sarà stanchezza (speriamo…), ma la guida alle Osterie d’Italia edita da Slow Food mostra preoccupanti segni di decadenza. Per la Lombardia soprattutto. Vedi il caso I Runchitt di Brinzio (provincia di Varese). Ci sono locali dove hai esperienze talmente negative che esci dicendo “qui non ci torno più”: uno di questi è I Runchitt di […]

Reviewed

La cantina piemontese Mauro Vini che presidia il Drôné, secolare “nebbiolo” di Dronero (Chatus…)

In quest’azienda sanno benissimo che non c’entra niente con il vero Nebbiolo ampelografico, ma continuano a chiamarlo così come omaggio alla tradizione sia del vitigno che dell’impresa, visto che si tratta di un rapporto lungo oltre 100 anni dal quale scaturisce un vino clamoroso: la sua storia, il nostro assaggio. (Clicca per leggere l’articolo.)

Casu’e Babbu, grande pecorino sardo Presidio Slow Food

Questo formaggio della famiglia Mele è realizzato con così tanto scrupolo da esserci meritato la tutela dell’associazione di Carlo Petrini, la quale premia la cura dell’allevamento degli ovini, la qualità della materia prima e la bontà del prodotto: scopriamone di più. (Clicca per leggere l’articolo.)